First Division 1987-1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
First Division 1987-1988
Competizione First Division
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 89ª
Organizzatore Football League
Date dal 15 agosto 1987
al 7 maggio 1988
Luogo Inghilterra Inghilterra
Partecipanti 21
Formula 1 girone all'italiana
Risultati
Vincitore Liverpool
(17º titolo)
Retrocessioni Chelsea
Portsmouth
Watford
Oxford Utd
Statistiche
Miglior marcatore Irlanda John Aldridge (26)
Incontri disputati 420
Gol segnati 1 049 (2,5 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1986-87 1988-89 Right arrow.svg

La First Division 1987-1988 è stata la 89ª edizione della massima serie del campionato inglese di calcio, disputato tra il 15 agosto 1987 e il 7 maggio 1988 e concluso con la vittoria del Liverpool, al suo diciassettesimo titolo.

Capocannoniere del torneo è stato John Aldridge (Liverpool) con 26 reti.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Per ridurre gli alti costi di gestione del calcio professionistico[senza fonte], la Football League dispose la riduzione a 20 del numero delle squadre partecipanti.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Al fine di arrivare a 20 squadre nella stagione successiva, venne confermato lo stesso sistema delle retrocessioni in vigore nella stagione precedente: le ultime tre retrocedevano automaticamente, mentre la quartultima avrebbe affrontato un torneo di play-off, partendo dalla semifinale contro la quinta classificata di Second Division. Gli accessi alle coppe europee, teoricamente riservati alla vincitrice (Coppa dei Campioni) fino alla quarta classificata (Coppa UEFA)[senza fonte] erano bloccati per effetto del bando che la UEFA aveva disposto alle squadre inglesi dopo la Strage dell'Heysel.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Rimanendo imbattuto per i primi 29 turni, il Liverpool mantenne saldamente il comando della classifica, cedendolo solo al QPR nella prima parte del campionato, in seguito ad alcune gare posposte[1]. Concluso il girone di andata con 10 punti di vantaggio sull'Arsenal[2], i Reds proseguirono la loro marcia arrivando alla vigilia della prima sconfitta stagionale con 18 punti di distacco sul Manchester Utd[3]; riportate, nei tre successivi incontri, le uniche due sconfitte stagionali, i Reds ripresero la marcia assicurandosi, con tre gare di anticipo, il diciassettesimo titolo.[4]

In zona retrocessione, Portsmouth, Watford e Oxford Utd cedettero nel finale risultando automaticamente declassate fra la terzultima e la penultima giornata. Ai play-off ebbe accesso il Chelsea, che dopo aver disputato un girone di andata di buon livello declinò fino a farsi raggiungere da un Charlton in rimonta, ultimo per gran parte del torneo e infine salvatosi grazie alla miglior differenza reti nei confronti dei Pensioners. Ottenuto l'accesso alla doppia finale contro il Middlesbrough, al ritorno il Chelsea non riuscì a rimontare il 2-0 subìto all'andata, subendo anzi una squalifica per le intemperanze dei tifosi[5][6].

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Liverpool 90 40 26 12 2 87 24 +63
2. Manchester Utd 81 40 23 12 5 71 38 +33
3. Nottingham Forest 73 40 20 13 7 67 39 +28
4. Everton 70 40 19 13 8 53 27 +26
5. QPR 67 40 19 10 11 48 38 +10
6. Arsenal 66 40 18 12 10 58 39 +19
7. Wimbledon FC 57 40 14 15 11 58 47 +11
8. Newcastle Utd 56 40 14 14 12 55 53 +2
9. Luton Town 53 40 14 11 15 57 58 -1
10. Coventry City 53 40 13 14 13 46 53 -7
11. Sheffield Weds 53 40 15 8 17 52 66 -14
12. Southampton 50 40 12 14 14 49 53 -4
13. Tottenham 47 40 12 11 17 38 48 -10
14. Norwich City 45 40 12 9 19 40 52 -12
15. Derby County 43 40 10 13 17 35 45 -10
16. West Ham Utd 42 40 9 15 16 40 52 -12
17. Charlton 42 40 9 15 16 38 52 -14
Noatunloopsong (nuvola).svg 18. Chelsea 42 40 9 15 16 50 68 -18
1downarrow red.svg 19. Portsmouth 35 40 7 14 19 36 66 -30
1downarrow red.svg 20. Watford 32 40 7 11 22 27 51 -24
1downarrow red.svg 21. Oxford Utd 31 40 6 13 21 44 80 -36

Legenda:

      Campione d'Inghilterra.
Noatunloopsong (nuvola).svg  Partecipa ai play-out.
      Retrocessa in Second Division 1988-1989.

Note:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.

In caso di arrivo di due o più squadre a pari punti, la graduatoria verrà stilata secondo la classifica avulsa tra le squadre interessate che prevede, in ordine, i seguenti criteri:

  • Differenza reti generale.

Squadra campione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Liverpool Football Club 1987-1988.
Formazione tipo Giocatori (presenze)[7]
Zimbabwe Bruce Grobbelaar (38)
Scozia Steve Nicol (40)
Inghilterra Gary Ablett (17)
Scozia Gary Gillespie (35)
Scozia Alan Hansen (39)
Irlanda Ray Houghton (28)
Inghilterra John Barnes (38)
Inghilterra Steve McMahon (40)
Irlanda Ronnie Whelan (28)
Inghilterra Peter Beardsley (38)
Irlanda John Aldridge (36)
Altri giocatori: Craig Johnston (30), Nigel Spackman (27), Barry Venison (18), Mark Lawrenson (14), Jan Mølby (7), Paul Walsh (8), Kenny Dalglish (2), Mike Hooper (2), Alex Watson (2), John Wark (1), Kevin MacDonald (1)

Spareggi[modifica | modifica wikitesto]

Play-out[modifica | modifica wikitesto]

L'ultimo posto valido per la retrocessione in Second Division era assegnato tramite play-off a sei, strutturato tramite un torneo a semifinali e finale. Vi accedeva la diciottesima classificata, che si scontrava con la quinta di seconda divisione; la vincitrice dell'incontro avrebbe affrontato in finale la vincente dell'altra semifinale, che vedeva opposte la terza e la quarta di Second Division. Tutti gli incontri si svolgono con gare di andata e ritorno.

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

Semifinali Finale
            
5 (SD) Blackburn 0 1 1
18 Chelsea 2 4 6
18 Chelsea 0 1 1
3 (SD) Middlesbrough 2 0 2
3 (SD) Middlesbrough 1 2 3
4 (SD) Bradford City 2 0 2

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Squadre[modifica | modifica wikitesto]

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
LiverpoolLiverpoolLiverpool
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª39ª40ª

Primati stagionali[modifica | modifica wikitesto]

Squadre

  • Maggior numero di vittorie: Liverpool (26)
  • Minor numero di sconfitte: Liverpool (2)
  • Migliore attacco: Liverpool (87)
  • Miglior difesa: Liverpool (24)
  • Miglior differenza reti: Liverpool (+63)
  • Maggior numero di pareggi: Wimbledon FC, West Ham, Charlton, Chelsea (15)
  • Minor numero di pareggi: Sheffield Weds (8)
  • Maggior numero di sconfitte: Watford (22)
  • Minor numero di vittorie: Oxford Utd (6)
  • Peggior attacco: Watford (27)
  • Peggior difesa: Oxford Utd (80)
  • Peggior differenza reti: Oxford Utd (-36)

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Gol Rigori Giocatore Squadra
26 9 Irlanda John Aldridge Liverpool
24 5 Scozia Brian McClair Manchester Utd
19   Inghilterra Lee Chapman Sheffield Weds
19 3 Inghilterra Nigel Clough Nottingham Forest
16 4 Irlanda del Nord Colin Clarke Southampton
15   Inghilterra John Barnes Liverpool
15   Inghilterra Peter Beardsley Liverpool
14   Inghilterra John Fashanu Wimbledon FC
13   Inghilterra Tony Cottee West Ham
13   Scozia Graeme Sharp Everton
13   Inghilterra Neil Webb Nottingham Forest
12 1 Inghilterra Kevin Drinkell Norwich City
12 7 Scozia Gordon Durie Chelsea
12   Irlanda del Nord Michael O'Neill Newcastle Utd
12 6 Galles Dean Saunders Oxford Utd

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio