Campionati del mondo di ciclismo su strada 2005 - Cronometro maschile Under-23

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spagna Cronometro maschile Under-23 2005
Edizione10ª
Data21 settembre
PartenzaMadrid
ArrivoMadrid
Percorso37,90 km
Tempo47'24"28
Media47,970 km/h
Ordine d'arrivo
PrimoRussia Michail Ignat'ev
SecondoUcraina Dmytro Hrabovs'kyj
TerzoNuova Zelanda Peter Latham
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Verona 2004Salisburgo 2006

La Cronometro individuale maschile Under-23 dei campionati del mondo di ciclismo su strada 2005 fu corsa il 21 settembre 2005 nel territorio circostante Madrid, in Spagna, per un percorso totale di 37,9 km. Il russo Michail Ignat'ev vinse la medaglia d'oro, terminando in 47'24"28.

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4
59 Malaysia Yong Li Ng 56º 44 Canada Steven Cozza 42º 29 Colombia William Aranzazo 53º 14 Stati Uniti Tyler Farrar 10º
58 Moldavia Ruslan Sambris 35º 43 Russia Michail Ignat'ev 28 Kazakistan Sergej Danniker 14º 13 Francia Florian Morizot 26º
57 Grecia Panagiotis Potsakis 48º 42 Belgio Bart Vanheule 13º 27 Portogallo José Mendes 50º 12 Spagna José Luis Ruiz 43º
56 Svezia Johan Lindgren 23º 41 Nuova Zelanda Peter Latham 26 Spagna Eladio Sanchez 12º 11 Slovenia Miha Svab 41º
55 Regno Unito Ben Greenwood 45º 40 Francia Jérôme Coppel 20º 25 Nuova Zelanda Timothy Gudsell 24º 10 Danimarca Lasse Bochman
54 Iran M. Rajablou 57º 39 Iran Mostafa Rezaei 49º 24 Tunisia Rafaâ Chtioui 39º 9 Russia Maksim Bel'kov 29º
53 Colombia Alfonso Roldan 40º 38 Lettonia Jānis Ozols 52º 23 Rep. Ceca Roman Kreuziger 32º 8 Australia Mark Jamieson
52 Messico Ignacio Sarabia 16º 37 Bielorussia Andrėj Kunicki 22 Danimarca Martin Mortensen 7 Rep. Ceca František Raboň 21º
51 Tunisia Hassen Ben Nasser 58º 36 Ucraina Volodymyr Dyuda 47º 21 Colombia Julian David Munozg 55º 6 Bielorussia Branislaŭ Samojlaŭ 34º
50 Costa Rica Henry Mendez Raabe 18º 35 Paesi Bassi Thom van Dulmen 36º 20 Polonia Maciej Bodnar 22º 5 Germania Tony Martin 28º
49 Romania Lars Pria 59º 34 Slovenia Simon Špilak 19 Canada Christian Meier 44º 4 Paesi Bassi Kai Reus 33º
48 Uzbekistan Vladimir Tuychiev 51º 33 Australia William Walker 19º 18 Bulgaria Bogdan Stoytchev 38º 3 Italia Tiziano Dall'Antonia
47 Lituania G. Bagdonas 46º 32 Regno Unito Edward Clancy 37º 17 Italia Francesco Rivera 54º 2 Belgio Dominique Cornu 11º
46 Portogallo Tiago Machado 30º 31 Svezia Viktor Renäng 25º 16 Svizzera Michael Schär 15º 1 Ucraina Dmytro Hrabovs'kyj
45 Canada Ryan Roth 31º 30 Germania Paul Martens 17º 15 Lituania Ignatas Konovalovas 27º

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Del gruppo 1, partito con il malese Yong Li Ng, il più veloce fu il messicano Ignacio Sarabia, che terminò in 49'40" il percorso della cronometro, seguito da Henry Mendez Raabe (Costa Rica) e Johan Lindgren (Svezia), rispettivamente staccati di tre e 15 secondi. Nel secondo gruppo, Michail Ignat'ev fece segnare subito il miglior intertempo assoluto, staccando tutti i corridori che lo precedettero di un minuto e completando la corsa in 47'24"28 ad una velocità media di 48 km/h. Il neozelandese Peter Latham, partito per quarto nella batteria, giunse sul traguardo con un distacco dal russo di 37 secondi, posizionandosi temporaneamente al secondo posto. Lo sloveno Simon Špilak, con un distacco di 1'12", completava il podio temporaneo al termine della seconda tornata. Podio che rimase immutato fino al termine della prova del danese Martin Mortensen, che fece registrare il miglior tempo del gruppo 3 ma giunse al traguardo con 50 secondi di distacco da Ignat'ev. Nonostante non fossero ancora partiti diversi corridori tra i favoriti come lo statunitense Tyler Farrar, il campione russo a cronometro Maksim Bel'kov, la medaglia d'argento ai mondiali juniores Mark Jamieson (Australia), il campione europeo František Raboň (Repubblica Ceca) e uno dei maggiori favoriti, il campione del mondo in carica juniores Kai Reus (Paesi Bassi), in gruppo con specialisti come Tiziano Dall'Antonia (Italia), Dominique Cornu (Belgio) e il campione europeo a cronometro Dmytro Hrabovs'kyj, il podio rimase inalterato fino all'arrivo di quest'ultimo, che tuttavia non riuscì ad impensierire il russo Ignat'ev e concluse al secondo posto, staccato di 34 secondi.[1]

Classifica (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Russia Michail Ignat'ev Russia 47'24"28
2 Ucraina Dmytro Hrabovs'kyj Ukraina a 34"62
3 Nuova Zelanda Peter Latham Nuova Zelanda a 37"33
4 Danimarca Martin Mortensen Danimarca a 50"52
5 Slovenia Simon Špilak Slovenia a 1'12"18
6 Australia Mark Jamieson Australia a 1'26"18
7 Bielorussia Andrėj Kunicki Bielorussia a 1'38"64
8 Danimarca Lasse Larsen Danimarca a 1'42"17
9 Italia Tiziano Dall'Antonia Italia a 1'42"20
10 Stati Uniti Tyler Farrar Stati Uniti a 1'44"28

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Shane Stokes, Hernan Alvarez, Another title for Ignatiev, in cyclingnews.com, 21 settembre 2010. URL consultato il 7 maggio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]