Campello Monti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Campello Monti
Kampel (titzschu)
ex comune
Campello Monti Kampel (titzschu) – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaCoA of Verbano-Cusio-Ossola.svg Verbano-Cusio-Ossola
Amministrazione
Data di istituzione1816
Data di soppressione18 febbraio 1929
Territorio
Coordinate45°56′09.85″N 8°14′09.78″E / 45.93607°N 8.23605°E45.93607; 8.23605 (Campello Monti
Kampel (
titzschu)
)Coordinate: 45°56′09.85″N 8°14′09.78″E / 45.93607°N 8.23605°E45.93607; 8.23605 (Campello Monti
Kampel (
titzschu)
)
Altitudine1 305[1] m s.l.m.
Abitanti0[3]
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campello Monti Kampel (titzschu)
Campello Monti
Kampel (titzschu)
Sito istituzionale

Campello Monti, (Kampel in titzschu[2]), è una frazione del comune di Valstrona, che fino al 1929 fu un comune autonomo.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Per il paese veniva un tempo anche utilizzato il toponimo latino Campellus.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Campello Monti è collocato a 1.305 m.s.l.m [1] in sinistra idrografica della Strona di Omegna, a ridosso della testata della sua vallata. Oltre al centro principale, conta quattro frazioni: Pian Pennino/Pianpanìn, Ronco/Runk, Tappone/Tapòn e Valdo/Waud [2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ex-scuola elementare

Il paese di Campello Monti, di antico popolamento Walser, fece a lungo parte del comune valsesiano di Rimella, caratterizzato anch'esso dalla cultura Walser. I rimellesi, che in origine utilizzavano durante l'estate gli alpeggi della zona, vi si stabilirono poi per tutto l'anno. Non essendoci sul posto un cimitero consacrato i morti dovevano essere trasferiti attraverso la Bocchetta di Rimella al paese di origine della comunità, in Val Mastallone. Campello si distaccò poi progressivamente da Rimella: a partire dal 1551 i defunti poterono essere sepolti nel nuovo cimitero del paese[2], e il 19 agosto 1759 l'autonomia religiosa si ampliò con l'erezione a parrocchia della chiesa di San Giovanni Battista. Nel corso del Settecento il paese venne fortemente danneggiato da alcune esondazioni. Nel 1816 l'autonomia da Rimella venne completata dalla costituzione di Campello in comune a sé stante, che continuò però a far parte del Mandamento di Varallo Sesia[4]. Data la scarsità di risorse del proprio territorio nell'Ottocento molti tra gli uomini di Capello si recavano [4]

«... in regioni straniere ad esercitarvi il traffico, od il mestiere del peltrajo, lasciando le proprie mandre in custodia delle donne ...»

Tra la metà dell'Ottocento e il 1946[5] la povertà della zona fu alleviata dallo sfruttamento di alcune miniere di nichel.[6]

Con il regio decreto 18 febbraio 1929, n. 317 [7] Campello Monti perse la propria autonomia comunale e venne aggregato al nuovo comune di Valstrona, nato dall'unione dei vari centri abitati presenti in Valle Strona.[8] Il suo territorio passò quindi della Provincia di Vercelli a quella di Novara, della quale a quel tempo la vallata faceva parte. Nel dopoguerra Germagno, Loreglia e Massiola riottennero la propria autonomia mentre Campello Monti restò parte di Valstrona. Il codice catastale di Campello Monti, valido fino al 1983, era B503 [9].

Oggi Campello Monti è abitato solo durante la bella stagione, in particolare da famiglie originarie del paese che emigrarono in passato in varie parti d'Italia e all'estero. Anche alcuni alpeggi a monte del centro abitato vengono tutt'ora caricati dagli allevatori che vi trasferiscono il bestiame durante l'estate.[1] Nel corso dell'inverno il centro abitato non è raggiungibile con gli autoveicoli perché la strada che lo serve viene chiusa a monte di Forno.[10]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale
  • Chiesa parrocchiale dedicata a San Giovanni Battista, ospita la riproduzione di un dipinto del Guercino. L'originale, che era stato rubato nel maggio 1973 e che fu ritrovato 25 anni dopo, è oggi visibile al Museo del Duomo di Novara.[11]
  • Ecomuseo Campello Monti - Walsergemeinschaft Kampel, situato in via della Gassa n. 1; organizza un convegno annuale denominato Campello e i Walser. [5]
  • Villa Bordo, costruita nel 1890 ai margini del paese dalla famiglia Janetti, in stile neo-rinascimentale fiorentino.[12]
  • L'area montuosa che circonda Campello Monti fa parte del parco naturale dell'Alta Val Sesia e dell'Alta Val Strona[13] e costituisce inoltre il Sito di Importanza Comunitaria denominato Campello Monti (cod. IT1140003).[14] Il SIC, come il resto del parco naturale, è gestito dall'Ente di gestione delle Aree protette della Valle Sesia.[15]

Escursionismo[modifica | modifica wikitesto]

Via La Gassa
Villa Bordo

Partendo dal paese è possibile raggiungere varie vette che si trovano alla testata dalla Valle Strona come il monte Capio, l'Altemberg, la Cima Lago e il Capezzone. Per la salita alle ultime tre cime può essere utile come punto di appoggio il bivacco Abele Traglio, situato sulle sponde del piccolo Lago di Capezzone.[16] Campello Monti costituisce un terminale di tappa delle Grande Traversata delle Alpi, della quale ospita un posto tappa [17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Vincenzo Amato, Campello Monti, il villaggio walser che vive solo d’estate, in La Stampa, 25 luglio 2014. URL consultato l'11 settembre 2018.
  2. ^ a b c d AA.VV., Campello Monti/Kampel - Walser Gemeinschaft in der Provinz Verbania, in Isole di cultura - Saggi sulle minoranze storiche germaniche in Italia, Christian Prezzi (a cura di), Comitato unitario delle isole linguistiche storiche germaniche in Italia, 2004. URL consultato il 12 settembre 2018.
  3. ^ a partire dal 1973 il paese è abitato solo durante l'estate, [1]
  4. ^ a b c Goffredo Casalis, Campello, in Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, vol. 3, Maspero, 1836, pp. 369. URL consultato l'11 settembre 2018.
  5. ^ a b Ecomuseo Campello Monti - "Walsergemeinschaft Kampel", Comune di Valstrona. URL consultato l'11 settembre 2018.
  6. ^ Bernardino Lotti, I giacimenti di pirrotina nichelifera di Campello Monti in Valle Strona e di Miggiandone in Val di Toce, Poligrafica nazionale, 1922.
  7. ^ Ministero della giustizia e degli affari di culto, Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, nº 74, Ufficio pubblicazione delle leggi, 29 marzo 1929. URL consultato l'11 settembre 2018.
  8. ^ Gazzetta ufficiale del Regno d'Italia anno 69 n.8 dell'11 gennaio 1928; pag. 128; on-line in .pdf su [1]
  9. ^ Codice Catastale del Comune di:CAMPELLO MONTI, su ilcodicefiscale.it. URL consultato l'11 settembre 2018.
  10. ^ Davide Boretti, Il villaggio imbiancato di Campello Monti abitato solamente dai passeri, in La Stampa, 12 febbraio 2017. URL consultato il 12 settembre 2018.
  11. ^ Vincenzo Amato, Guercino rubato in chiesa, una storia già vista a Campello Monti, in La Stampa, 18 agosto 2014. URL consultato il 6 settembre 2018.
  12. ^ Una visita a Campello Monti, su montagnavissuta.it. URL consultato il 6 settembre 2018.
  13. ^ Parco naturale dell'Alta Val Sesia e dell'Alta Val Strona e area contigua dell'alta Val Strona - Confini (PDF), Regione Piemonte. URL consultato il 6 settembre 2018.
  14. ^ SIC - Campello Monti, Regione Piemonte. URL consultato l'11 settembre 2018.
  15. ^ Bollettino Ufficiale, Deliberazione della Giunta Regionale 20 marzo 2017, n. 23-4798 (PDF), nº 14, Regione Piemonte, 6 giugno 2017. URL consultato il 12 settembre 2018.
  16. ^ Filippo Ceragioli e Aldo Molino, Alla testata della valle Strona, in Escursioni imperdibili nei parchi del Piemonte e dintorni, Edizioni del Capricorno, 2018, pp. 32-36, ISBN 978-88-7707-390-7.
  17. ^ Campello Monti » Santa Maria di Fobello, su via-alpina.org. URL consultato il 6 settembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte