Camp 7: lager femminile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camp 7: lager femminile
Titolo originale Love Camp 7
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1969
Durata 94 min
Colore colore
Audio mono
Genere orrore, thriller, guerra
Regia Lee Frost
Soggetto Bob Cresse
Sceneggiatura Wes Bishop (non accreditato)
Produttore Bob Cresse
Fotografia Lee Frost
Effetti speciali Harry Woolman
Interpreti e personaggi

Camp 7: lager femminile (Love Camp 7) è un B-movie statunitense del genere women in prison Nazi exploitation del 1969, diretto da Lee Frost e scritto da Wes Bishop e Bob Cresse, con il secondo dei due che interpreto nel film un sadico comandante del campo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film segue due agenti donna britanniche (interpretate da Maria Lease e Kathy Williams) che si offrono volontarie per infiltrarsi sotto copertura in un campo di prigionia nazista per raccogliere informazioni su una detenuta e, possibilmente, per trarla in salvo. Le donne prigioniere del campo sono costrette a prostituirsi per il piacere degli ufficiali tedeschi e sono soggette a trattamenti umilianti, torture, e stupri. Quando le due agenti vengono a conoscenza che il loro obbiettivo è tenuto in isolamento, una di esse fa in modo di essere punita per riuscire a stabilire un contatto. Questo comporta per il Luogotenente Harman (Lease) l'essere spogliata ed appesa per i polsi. L'altra donna in isolamento usa il suo corpo per liberare Harman ed insieme provano a scappare. Il piano di fuga si conclude in un'apicale battaglia. Il film mostra nudi integrali femminili frontali per la maggior parte del tempo.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è considerato un film di culto, dato che rappresenta l'inizio di una serie di Film_d'exploitation aventi come trama le women in prison nel 1970, titoli come Rivelazioni di un'evasa da un carcere femminile (1971) e The Big Bird Cage (1972), entrambi prodotti da Pam Grier uno dei più noti nomi del genere. È stato anche il primo film del Nazi exploitation del genere ambientato nei campi di concentramento, genere che include Ilsa, la belva delle SS (1974) che venne prodotto da David F. Friedman e con numerose sequenze dirette da Dyanne Thorne come personaggio principale, ed il nostrano La svastica nel ventre (1977) nonché L'ultima orgia del III Reich (1977), l'ultimo dei quali aiutò la carriera di Daniela Poggi nello show business.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema