Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Camminando sull'acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Camminando sull'acqua
Camminandо sull'acqua.png
una scena del film
Titolo originale Lalekhet Al HaMayim
Paese di produzione Israele, Germania
Anno 2004
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Eytan Fox
Sceneggiatura Gal Uchovsky
Fotografia Tobias Hochstein
Montaggio Yosef Grunfeld
Musiche Ivri Lider
Scenografia Avi Fahima e Christoph Merg
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Camminando sull'acqua è un film di Eytan Fox del 2004 (titolo originale in ebraico: ללכת על המים; traslitterazione: Lalekhet Al HaMayim).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Eyal, israeliano agente del Mossad, viene incaricato di scovare un vecchio nazista per poi ucciderlo prima di Dio, ossia prima che muoia di morte naturale, cosa non impossibile vista la sua età. Eyal viene dunque incaricato di accompagnare, durante la sua vacanza in Israele, il nipote di questo vecchio nazista, Axel, giunto in Israele per far visita alla sorella. Axel è però convinto che suo nonno sia morto, quindi Eyal non riesce ad ottenere informazioni utili da lui. Alcune registrazioni riveleranno però che il vecchio nazista è ancora vivo. Eyal organizza così un viaggio a Berlino, dove vive Axel. Durante il suo viaggio a Berlino, Eyal, scopre tra l'altro che Axel è gay e frequenta con lui alcuni locali omosessuali tedeschi senza, però, concretizzare mai un rapporto vero e proprio. Fra i due uomini nascono dialoghi molto intimi sulla sessualità e sull'esplorazione del sesso tra uomini. Quando Eayl si troverà di fronte al vecchio uomo non riuscirà ad ucciderlo. Sarà Axel ad uccidere il nonno: stufo di sentirsi colpevole a causa sua dei misfatti della Germania nella seconda guerra mondiale. In ciò, probabilmente, gioca un ruolo fondamentale il suo essere omosessuale considerato che sia gli ebrei sia gli omosessuali, sono stati vittime innocenti dell'Olocausto. Eyal torna in Israele dove ha un figlio da Pia, la sorella di Axel, ciò fa si che Axel si trasformi nello zio amorevole di questo neonato. Il film si conclude con una e-mail che Eyal scrive ad Axel per invitarlo in Israele: questo scritto è pieno di poesia, di amore, di libertà e appare quasi l'emblema di quella storia d'amore che poteva nascere tra i due uomini, forse frenata dagli eventi e dalla paura di gestire un rapporto troppo anticonformista e fuori dagli schemi. Il film termina con un'immagine in cui Axel ed Eyal, quasi mano nella mano, camminano sull'acqua come due anime che si amano e si rispettano a vicenda.

Altre informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante un viaggio in auto con Eyal, Axel ascolta in autoradio Non ho l'età (Per amarti), scelta sorprendente se si considera che il film è ambientato negli stessi anni in cui è stato girato. La scelta è senz'altro spiegata dai legami che Axel ha stretto con l'Italia e gli Italiani.

Titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il film deve il suo titolo ad una scena girata nei pressi del Lago di Tiberiade dove Axel è voluto andare per rivivere una parte della storia di Gesù. Lì prova a camminare sull'acqua e riesce nel suo tentativo solo mettendo i piedi su un grosso ramo d'albero affiorante.

Slogan promozionali[modifica | modifica wikitesto]

  • «He was trained to hate until he met the enemy»
  • «Only the past is impossible to change»
  • «Il desiderio, assoluto e indispensabile, di un mondo più pulito.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema