Camillo De Nardis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Camillo De Nardis

Camillo de Nardis (Orsogna, 26 maggio 1857Napoli, 5 agosto 1951) è stato un compositore italiano.

È stato anche direttore d'orchestra e didatta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha insegnato al conservatorio San Pietro a Majella di Napoli tra il 1882 e il 1884, all'Accademia Militare della Nunziatella nel 1885, e al conservatorio di Palermo tra il 1892 e il 1897. Dal 1907 al 1922 ha ripreso la docenza nel Conservatorio di Napoli dove ha ricoperto la carica di vice-direttore succedendo a Paolo Serrao, fino al 1929.

Fu autore di un trattato di armonia [1] pubblicato da Ricordi solo nel 1921. Scrisse inoltre musica sacra, da camera, e revisioni di musiche per clavicembalo. Introdusse spesso nella sua musica elementi tratti dalla tradizione popolare abruzzese: Il suo lavoro orchestrale Scene abruzzesi, due suites per orchestra sinfonica, è altresì edito dalla Ricordi.[2]

Nel suo catalogo figurano inoltre diverse opere liriche, tra cui Stella (1898), commissionata dall'editore Sonzogno per essere rappresentata nel Teatro Lirico di Milano, sebbene fu data in anteprima al Teatro Marrucino di Chieti.

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere liriche[modifica | modifica wikitesto]

  • Una notte fortunata (Teatrino del conservatorio di Napoli, luglio 1874)
  • Arabella, opera semiseria (composta nel 1877, mai rappresentata)
  • Camoëns e Ildegonda (composta nel 1880, mai rappresentata)
  • Un bacio alla regina (Teatrino del conservatorio di Napoli, 18 giugno 1890)
  • Stella (Chieti, Teatro Marrucino, 23 maggio 1898)

Operette[modifica | modifica wikitesto]

  • Un bagno freddo (Teatrino del conservatorio di Napoli, 24 febbraio 1879)
  • Bì bà bù, insieme ad altri compositori (Napoli, Teatro Nuovo, marzo 1881)

Oratori[modifica | modifica wikitesto]

  • I Turchi in Ortona (Cattedrale di Ortona, maggio 1884)

Musica strumentale[modifica | modifica wikitesto]

  • Sinfonia in La
  • Il Giudizio Universale, poema sinfonico
  • Scene Abruzzesi, due suites per orchestra sinfonica

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario Biografico dei Musicisti, vol. II pag.457, ed. UTET
  • Andrea Sessa, Il melodramma italiano 1861-1900. Dizionario bio-bibliografico dei compositori, Firenze, Olschki, 2003, p. 167-168 - ISBN 88-222-5213-6
Controllo di autoritàVIAF (EN72473469 · ISNI (EN0000 0000 4213 8690 · LCCN (ENno99080815
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie