Camillo Caironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Camillo Caironi
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Milano
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1926-1929
1929-1937
Divisione Nazionale
Serie A e B
Arbitro
Arbitro

Camillo Caironi (Milano, 21 febbraio 1900[1][2]Milano, 7 febbraio 1962) è stato un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prese la tessera di arbitro nel 1924[3].

Il 26 dicembre 1926 dirige la sua prima partita nel massimo campionato di Divisione Nazionale a Genova nella gara Sampierdarenese-Padova (3-0)[4]. Nelle tre stagioni in Divisione Nazionale, dal 1926 al 1929, dirige trentadue partite.

Dopo la riforma dei campionati Camillo Caironi dirige la sua prima partita di Serie A a Torino il 6 ottobre 1929 Juventus-Napoli (3-2)[5].

In tutto sono 145 le direzioni nella massima serie e numerose anche in Serie B. In Serie A ha diretto ben centotredici partite in otto stagioni, dal 1929 al 1937, l'ultima delle quali la diresse a Genova il 16 maggio 1937: Genova 1893-Triestina (4-3)[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calcio-seriea.
  2. ^ Anagrafe del Comune di Milano, Anno 1900, numero 0555 Registro A Parte 1 Serie.
  3. ^ Barlassina, p. 24.
  4. ^ Fontanelli 1926-27, p. 76.
  5. ^ Fontanelli 1929-30, p. 6.
  6. ^ Fontanelli 1936-37, p. 6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rinaldo Barlassina, Agendina del calcio 1934-1935, Milano - Via Galilei, La Gazzetta dello Sport, 1934, p. 24, dati anagrafici completi nel paragrafo "Gli arbitri della Divisione Nazionale Serie A".
  • Carlo Fontanelli, Cento anni di calcio - Italia 1926/27 - Lo scudetto revocato, Fornacette (PI), Mariposa Editore S.r.l., luglio 1997, p. 76.
  • Carlo Fontanelli, Finalmente Serie A - I campionati italiani della stagione 1929-30, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., 2003, p. 6.
  • Carlo Fontanelli, Lotta a tre: gode Bologna - I campionati italiani della stagione 1936-37, Empoli (FI), Geo Edizioni S.r.l., dicembre 2003, p. 6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]