Camilla Belle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Camilla Belle al Tribeca Film Festival 2012

Camilla Belle Routh (Los Angeles, 2 ottobre 1986) è un'attrice statunitense di origine brasiliana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Los Angeles, figlia dello statunitense Jack Wesley Routh, imprenditore edile e compositore di musica country, e della brasiliana Cristina, stilista. Ha studiato alla St. Paul the Apostle Catholic School ed in seguito alla Marlborough School, prestigiosa scuola esclusivamente femminile. Parla inglese, portoghese e spagnolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

All'età di cinque anni debutta in televisione, recitando nel thriller della NBC Trapped Beneath the Earth. Debutta al cinema nel film La piccola principessa, mentre il suo primo ruolo da protagonista sul grande schermo arriva nel 2000, quando interpreta Sydney Miller nel film Un tuffo nel passato. Dall'età di sei anni compare inoltre in molti spot pubblicitari. In seguito ha partecipato a numerosi altri film tra cui Amori & incantesimi, Il mondo perduto - Jurassic Park, Verità apparente. Nel 2005 recita al fianco di Daniel Day-Lewis in La storia di Jack & Rose, nello stesso anno recita nel film indipendente The Chumscrubber.

È stata protagonista, al fianco di George Clooney di uno spot televisivo per la Nespresso. Nel 2006 recita nel film Chiamata da uno sconosciuto, remake di un omonimo film del 1979. Nel 2008 è co-protagonista, al fianco di Steven Strait, in 10.000 A.C., film epico di Roland Emmerich. Nel 2009 compare sul grande schermo, affiancata da Chris Evans e Dakota Fanning, nel film Push. Nel 2010 recita insieme a Kevin Spacey nel film Professione inventore e nel 2011 interpreta Nora nel film From Prada To Nada, una rivisitazione in salsa messicana del romanzo di Jane Austen Ragione e sentimento. Sempre nel 2011 recita nella parte di Melissa in Breakaway, una commedia sportiva indo-canadese.

Nel 2012 recita nel film Open Road insieme a Andy García. Nel 2013 partecipa al film americano Cavemen con protagonista Skylar Astin. Inoltre prende parte al film argentino Amapola, basato sulla commedia shakespeariana Sogno di una notte di mezza estate. Belle entra anche nel cast di The American Side, un film poliziesco di Jenna Ricker con Greg Stuhr. Durante il 2015 Camilla appare insieme a Scott Eastwood nel film canadese Diablo di Lawrence Roeck.

Nei primi mesi del 2016 esce dopo 4 anni di sviluppo il film Sundown di Fernando Lebrija che racconta le vicende di alcuni ragazzi andati in Messico per uno "Spring Break" che va a finire male. Entra quindi a far parte di una produzione organizzata dall'università del cinema californiana e l'associazione artistica di beneficenza "The Art Of Elysium", partecipando alle riprese del film The Mad Whale, in cui recita insieme a James Franco; la storia è ambientata nel 1890 in un manicomio femminile dove le donne sono chiamate a interpretare un'opera teatrale ispirata al romanzo Moby Dick[1].

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Camilla Belle ottiene presenza anche in campo pubblicitario e su diverse riviste di moda come Elle, GQ e Vogue. Ha preso parte ad uno degli spot per Nespresso con George Clooney. Anche in campo musicale Belle è presente nel video di Love Bugs dei Jonas Brothers (2009), in seguito la vediamo nella clip musicale "Shera di Kaum" del cantante indiano Akshay Kumar e il dj Ludacris realizzato per il film Breakaway (2011). Nel gennaio 2011 Camilla Belle partecipa ad una sfilata di Alberta Ferretti svoltasi a Firenze per l'evento di moda maschile Pitti uomo; nel settembre dello stesso anno ritorna in Italia per l'inaugurazione del museo di Gucci a Firenze.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Camilla Belle protagonista di The Mad Whale accanto a James Franco, su Movieplayer.it. URL consultato il 27 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN212018 · ISNI (EN0000 0001 1486 991X · LCCN (ENn2008031856 · GND (DE140984437 · BNF (FRcb14041580n (data) · WorldCat Identities (ENn2008-031856