Cameron Boyce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cameron Mica Boyce

Cameron Mica Boyce (Los Angeles, 28 maggio 1999Los Angeles, 6 luglio 2019[1]) è stato un attore e ballerino statunitense.

Noto principalmente per aver interpretato il ruolo di Luke nella serie televisiva Jessie e di Carlos De Vil (Carlos De Mon nella versione italiana) nei tre film della serie Descendants trasmessi da Disney Channel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cameron Boyce è nato a Los Angeles, in California, il 28 maggio 1999, da Libby e Victor Boyce. Il padre è di origini afro-caraibiche e afroamericane mentre sua madre è ebrea. Aveva una sorella minore, Maya Boyce. Sua nonna paterna, Jo Ann (Allen) Boyce, era una delle "Clinton Twelve", le prime ragazze afro-americane a frequentare una scuola superiore integrata nel sud degli Stati Uniti, nel 1956.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cameron ha iniziato la sua carriera come modello all'età di sette anni, quando apparve nel catalogo promozionale della Disney. Successivamente prese parte alle campagne pubblicitarie di "Garnet Hill", "Wilsons Leather", "Jakks Pacific", Nestlé e "K-Mart".[3]

A 8 anni partecipò agli spot per "Kraft Macaroni and Cheese", "Fruit Loops" e "Bisquick"[4]. Nel 2008 prese parte al video musicale per il brano "That Green Gentleman" del gruppo statunitense Panic at the Disco e, successivamente, apparve nel video dell'album "Ya'll Know How I Am" di Ice Cube e in "Whip My Hair" di Willow Smith[3].

Nel giugno 2008 ha esordito in televisione nel ruolo di Michael 'Stone' Cates Jr. nella soap opera General Hospital: Night Shift. Nell'agosto dello stesso anno debuttò al cinema in Riflessi di paura nel ruolo di co-protagonista e nel thriller d'azione Eagle Eye[5][6]. Nel giugno 2010 prese parte alle riprese di Un weekend da bamboccioni, in cui interpretava il figlio del protagonista (Adam Sandler). Apparve, inoltre, nella webserie The Legion of Extraordinary Dancers, mostrando la sua abilità di ballerino[7][8].

Nell'aprile 2011 ha partecipato all'episodio "Gli allegri danzanti Duncan" di Buona fortuna Charlie e, successivamente, è stato uno dei ballerini presenti in un omaggio della ABC al Royal Wedding.[3] Nel giugno dello stesso anno ha avuto un piccolo ruolo in Judy Moody and the Not Bummer Summer e, in agosto, partecipò come ballerino all'episodio "Rimettiamoci" della prima stagione di A tutto ritmo[3][9].

Nel settembre 2011 ottenne il ruolo di co-protagonista nella serie televisiva Jessie in cui interpreta Luke Ross, un dodicenne adottato e malizioso. Durante la pre-produzione dello show, Luke doveva essere inizialmente un ragazzo coreano di nome "Hiro", ma la produzione rimase colpita dall'audizione di Boyce, decidendo di ricreare il ruolo appositamente per lui[10][11]. Nel 2013 prende parte al film Un weekend da bamboccioni 2. Nel 2015 interpreta il ruolo di Conor nella serie tv Gamers Mania e prende parte all'episodio "Prom-A-Rooney" della sitcom Liv e Maddie. Partecipa, inoltre, al film Disney per la televisione Descendants, dove interpreta il figlio di Crudelia De Mon. Nel 2017 torna nei panni di Carlos De Mon in Descendants 2.

Nel 2018 viene annunciato che l'attore apparirà in un ruolo nell'episodio pilota di una nuova serie TV della ABC, intitolata Steps[12] e viene inoltre riconfermato nella parte di Carlos in Descendants 3 che debutterà su Disney Channel nell’estate del 2019 e che sarà ancora una volta diretto, prodotto e coreografato da Kenny Ortega.[13] Il film è stato trasmesso negli Stati Uniti il 2 agosto 2019 ed è l'ultimo film della saga e uno degli ultimi film in cui Cameron Boyce è apparso, assieme a Paradise City, una serie TV di sei episodi prodotta indipendentemente, spin-off del film indipendente American Satan, e Runt, altro film indipendente, entrambi in post-produzione e in uscita nel corso del 2019.[14][15] Nel gennaio 2019 venne inoltre confermato che l'attore aveva preso parte ad una nuova serie TV per HBO intitolata Mrs. Fletcher, la cui trasmissione è iniziata in USA il 27 ottobre del 2019.[16][17]

Morte e conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Muore nel sonno a soli 20 anni il 6 luglio 2019 a causa di un attacco epilettico, mentre era in cura per una forma di epilessia.[18][19] Dopo un'autopsia avvenuta per accertarne le cause di morte, il suo corpo è stato cremato e le sue ceneri consegnate al padre, Victor Boyce.[20]

Dopo la morte dell'attore, la The Walt Disney Company ha annunciato di aver cancellato la première del film Descendants 3, in programma per il 22 luglio, e che in cambio farà una donazione al Thirst Project, un'organizzazione filantropica con la quale Cameron era profondamente impegnato, dichiarando inoltre che, con il permesso della famiglia Boyce, Disney Channel dedicherà la trasmissione televisiva di Descendants 3 alla memoria di Cameron Boyce.[21]

Qualche giorno dopo la morte dell'attore, la famiglia di Cameron Boyce ha lanciato una fondazione di beneficenza per onorare l'attore intitolata Cameron Boyce Foundation, l'obiettivo dell'ente benefico è fornire "sbocchi artistici e creativi ai giovani come alternative alla violenza e alla negatività e utilizzare risorse e filantropia per un cambiamento positivo nel mondo".[22][23]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Cameron ha vissuto quasi tutta la sua vita nei pressi di Los Angeles con i genitori Victor e Libby, la sorella Maya e il suo cane, Cienna[3]. Poche settimane prima della morte improvvisa, si era trasferito da casa per andare ad abitare in un nuovo appartamento a North Hollywood col collega e amico di sempre, Karan Brar.[24]

Con quattro amici era membro del gruppo di danza "X Mob". Il suo stile preferito era la break dance. Quando non era impegnato a recitare o ballare, praticava la pallacanestro o giocava all'Xbox.[3]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

2012 - Young Artist Awards

  • Best Performance in a Feature Film - Young Ensemble Cast per Judy Moody and the Not Bummer Summer (condiviso con Jordana Beatty, Preston Bailey, Parris Mosteller, Garrett Ryan, Ashley Boettcher, Taylar Hender, Jackson Odell)

2018 - Pioneering Spirit Award

  • Premio umanitario consegnatogli per i suoi "sforzi ispiratori per sostenere la lotta contro la crisi idrica mondiale" per aver supportato l'associazione benefica Thirst Project[25]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortomentraggi[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Webserie[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Cameron Boyce è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CAMERON BOYCE DEATH CERTIFICATE REVEALS HE WAS CREMATED, in TMZ, 16 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Disney Star Cameron Boyce Honors His Grandmother's Connection to 'The Clinton 12' for Black History Month: 'She Has Chosen to Forgive, but Not Forget', su PEOPLE.com, 11 febbraio 2016.
  3. ^ a b c d e f Cameron Boyce "Luke Ross", su DisneyChannelMedianet.com (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2012).
  4. ^ Media Kid Vids - Cameron Boyce, su MediaKidVids.net. URL consultato il 15 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  5. ^ Movie review: Mirrors, su PegasusNews.com, 16 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2013).
  6. ^ Family Filmgoer "Eagle Eye", su WashingtonPost.com, 3 ottobre 2008.
  7. ^ Movie: 'Grown Ups', su TorontoSun.com, 20 giugno 2010.
  8. ^ The LXD: Origins, su Hulu.com, 1º dicembre 2010. URL consultato il 9 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2011).
  9. ^ Review: 'Judy Moody', su The Providence Journal, 10 giugno 2011.
  10. ^ Disney's New Show 'Jessie' Casting Starring Roles, su New Faces, 23 maggio 2011.
  11. ^ An interview with Cameron Boyce from "Jessie", su PopCulturePassionistas.com, 28 settembre 2011.
  12. ^ (EN) Denise Petski, ‘Steps’: Julie Hagerty & Cameron Boyce Cast In ABC Comedy Pilot, su Deadline, 21 marzo 2018.
  13. ^ Filippo, Descendants 3 annunciato ufficialmente: tutte le news e anticipazioni, su DANinSERIES, 5 aprile 2019.
  14. ^ Effie Orfanides, Cameron Boyce’s Last Movies & Shows: Release Date for ‘Descendants 3’, su heavy.com, 7 luglio 2019.
  15. ^ (EN) Nellie Andreeva, Cameron Boyce: The Projects The Young Star Left Behind, su Deadline, 7 luglio 2019.
  16. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Descendants’ Star Cameron Boyce Joins HBO Comedy Series ‘Mrs. Fletcher’, su Deadline, 17 gennaio 2019.
  17. ^ UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Sunday Cable Originals & Network Finals: 10.27.2019 | Showbuzz Daily, su www.showbuzzdaily.com, 27 ottobre 2019.
  18. ^ Disney Channel star Cameron Boyce dies at 20, in ABC News, 7 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2019.
  19. ^ (EN) Effie Orfanides, Cameron Boyce’s ‘Ongoing Medical Condition’ Was Epilepsy, su Heavy.com, 8 luglio 2019. URL consultato l'8 luglio 2019.
  20. ^ (EN) Disney Star Cameron Boyce Was Cremated, Death Certificate Reveals, su PEOPLE.com, 16 luglio 2019.
  21. ^ (EN) Dano Nissen, Disney Channel Cancels ‘Descendants 3’ Red Carpet in Wake of Cameron Boyce’s Death, su Variety, 11 luglio 2019.
  22. ^ (EN) Ashley Boucher, Cameron Boyce's Family Launches Foundation in His Honor to Provide Creative Outlets to Young People, su PEOPLE.com, 16 luglio 2016.
  23. ^ (EN) Jamie Blynn, Cameron Boyce's Family Launches Foundation In His Honor, su E! Online, 16 luglio 2019.
  24. ^ (EN) Cameron Boyce moved in with Jessie co-star Karan Brar weeks before his death, su Metro, 8 luglio 2019.
  25. ^ (EN) Cameron Boyce Is Being Honored With The Highest Honor Ever From The Thirst Project, su Just Jared Jr., 20 aprile 2018.
  26. ^ Runt. URL consultato il 23 luglio 2019.
  27. ^ Game On. URL consultato il 23 luglio 2019.
  28. ^ Paradise City. URL consultato il 23 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN294001815 · ISNI (EN0000 0003 9953 2420 · LCCN (ENno2009037657 · GND (DE1190043939 · BNF (FRcb17006595g (data) · WorldCat Identities (ENno2009-037657