Camera nazionale della moda italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Camera Nazionale della Moda Italiana è un'associazione senza scopo di lucro, il cui fine è la promozione, il coordinamento del settore della Moda italiana e la formazione dei giovani stilisti italiani.

Fu fondata nel 1958. Ha sede a Milano, in via Gerolamo Morone n. 6. Attualmente rappresenta oltre 200 aziende, operanti in vari settori: abbigliamento, accessorio, pelletteria, calzature, distribuzione. Il Presidente e Consigliere Delegato è Carlo Capasa fratello dello stilista salentino Ennio Capasa. Il Presidente Onorario è Giuseppe Modenese.

Organi[modifica | modifica wikitesto]

Gli organi direttivi sono il Consiglio Direttivo ed il Comitato di Presidenza. Il Consiglio Direttivo è composto da un numero di membri variabile fra undici e diciotto. È dotato dei poteri necessari alla gestione ordinaria e straordinaria dell'associazione. Il Comitato di Presidenza è composto dal Presidente e dai quattro Vicepresidenti del Consiglio Direttivo. Si occupa della gestione ordinaria e può sostituirsi, in caso di urgenza, al Consiglio Direttivo.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

L'attività principali di cui si occupa Camera Nazionale della Moda Italiana è l'organizzazione di eventi di grande importanza che si svolgono in Italia ed hanno per oggetto il settore della moda. In particolare organizza le sfilate del prêt-à-porter a Milano (Milano Moda Donna e Milano Moda Uomo), che si svolgono principalmente presso la Fiera di Milano e nella tensostruttura al Castello Sforzesco. Organizza altresì le presentazioni della moda di sartoria a Roma (AltaRomAltaModa[1]), e diversi spettacoli televisivi, fra cui Donna sotto le stelle, che si svolge a Roma, in Piazza di Spagna e chiude la settimana romana dell'alta moda. Si occupa anche della formazione dei giovani stilisti italiani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Associazioni simili[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]