Calum Scott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calum Scott
2018-05-21 Calum Scott-9258.jpg
Calum Scott
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenerePop
Soft rock
Periodo di attività musicale2013 – in attività
Strumentovoce
EtichettaCapitol Records
Studio1
Sito ufficiale

Calum Scott (Kingston upon Hull, 12 ottobre 1988) è un cantante britannico. Dopo aver vinto un talent locale nella sua città natale nello Yorkshire, ha ottenuto un forte successo commerciale grazie alla cover di Dancing on my Own presentata sul palco di Britain's Got Talent. Ha successivamente firmato un contratto discografico con Capitol Records.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e Dancing On My Own (2013-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 agosto 2013, Scott ha vinto il talent show Mail's Star Search, organizzato da Hull Daily Mail.[1] Entrato quindi in una tribute band dei Maroon 5, i Maroon 4, ha intrapreso con essa un tour intorno al Regno Unito.[2]

L'11 aprile 2015, lo show televisivo Britain's Got Talent ha trasmesso l'episodio dell'audizione di Scott su ITV. Quella sera stessa anche sua sorella Jade ha tentato un provino prima del suo, ma è stata eliminata dai giudici. Scott esegue una cover di Dancing On My Own di Robyn, ottenendo una standing ovation da parte di pubblico e giudici.[3] Immediatamente dopo la messa in onda dell'episodio, l'account Twitter di Calum Scott passa da 400 a 25.000 seguaci.[4] In seguito all'esperienza televisiva, Calum Scott ha modo di esibirsi su molti palchi in giro per il Regno Unito.[5][6][7]

In seguito a questo boom, Calum pubblica la sua cover di Dancing On My Own da artista indipendente: il brano ottiene immediatamente un grande successo nelle radio e nelle vendite, riuscendo ad ottenere 3 dischi di platino in UK, 2 in USA e 1 in Italia.[8][9][10] A questo punto, Scott viene notato dalla Capitol Records e firma un contratto con tale casa discografica per l pubblicazione del proprio album di debutto.[11] Al termine della promozione di Dancing On My Own, Officia Chart dichiara che il brano è stato il più acquistato digitalmente in Regno Unito nell'estate 2016.[12] Nel frattempo il brano conquista

Only Human (2017-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 va per la prima volta in tour negli Stati Uniti e pubblica il singolo You Are The Reason. Il brano ottiene un grandissimo successo internazionale (4 platini in Australia,[13] platino in USA,[9] 2 platini in Canada, oro in Italia[10]), e verrà successivamente riedito in una versione in duetto con la nota cantante Leona Lewis. In UK il brano si ferma alla numero 43 in classifica. Nel 2018, Scott collabora col DJ Don Diablo nel brano Give Me Love e il singolo What I Miss Most. Dopo alcune settimane, Calum pubblica il suo album di debutto Only Human.[14]

Nei mesi successivi, l'artista pubblica un nuovo singolo intitolato No Matter What: l'artista definisce quest'ultimo brano come il più personale che abbia mai realizzato, in quanto si sofferma sugli effetti avuti dal suo coming out in famiglia e con gli amici e sulle sensazioni provate in seguito a questa esperienza.[15] Il 9 novembre 2018, Calum Scott pubblica una riedizione del suo album di debutto, contenente alcune canzoni in più tra cui No Matter What.[16] L'album viene certificato argento in UK[8] e oro in Australia,[13] Norvegia[17] e Danimarca[17].

Nel marzo 2019, Calum Scott conferma di essere al lavoro sul suo secondo album.[18] Nello stesso periodo, l'artista prende parte al singolo di Naughty Boy Undo.[19]

Secondo album (2021-presente)[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2021 pubblica il singolo Biblical, annunciandolo come primo singolo estratto dal suo secondo album.[20] Segue la pubblicazione della pubblicazione con i Lost Frequencies Where Are You Now.[21] Nel settembre 2021 pubblica il singolo Rise.[22]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calum Scott talent: Winner of Star Search 2013 declared, in Hull Daily Mail, 15 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  2. ^ Star Search 2014: Hull New Theatre stage is set for talent to shine, in Hull Daily Mail. URL consultato il 18 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  3. ^ Calum Scott, Dancing On My Own, Britain's Got Talent, su youtube.com.
  4. ^ (EN) Britain's Got Talent's Calum Scott receiving marriage proposals, su HELLO!, 13 aprile 2015. URL consultato il 7 agosto 2020.
  5. ^ Future Star Receives Fundraising Award | Scunthorpe Independent News, su web.archive.org, 1º luglio 2015. URL consultato il 7 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2015).
  6. ^ Calum Scott to perform at Westwood Cross' 10th birthday celebration weekend | Thanet Gazette, su web.archive.org, 17 novembre 2015. URL consultato il 7 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  7. ^ Britain's Got Talent star Calum Scott could be Star Search final judge | Hull Daily Mail, su web.archive.org, 6 luglio 2015. URL consultato il 7 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2015).
  8. ^ a b certificazioni in UK, su bpi.co.uk.
  9. ^ a b (EN) Gold & Platinum, su RIAA. URL consultato il 7 agosto 2020.
  10. ^ a b Certificazioni - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 7 agosto 2020.
  11. ^ https://twitter.com/calumscottmusic/status/734885858684342272, su Twitter. URL consultato il 7 agosto 2020.
  12. ^ (EN) The Official Top 40 Biggest Songs of Summer 2016 revealed, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 agosto 2020.
  13. ^ a b SinglesAccreds2018, su www.aria.com.au. URL consultato il 7 agosto 2020.
  14. ^ (EN) Jon Stickler, Calum Scott Confirms April Shows, Announces Debut Album 'Only Human' - Stereoboard, su Stereoboard.com. URL consultato il 7 agosto 2020.
  15. ^ (EN) THE PURGE #375, su auspOp, 19 ottobre 2018. URL consultato il 7 agosto 2020.
  16. ^ amazon, only human special edition, su amazon.com.
  17. ^ a b Calum Scott "Only Human" | IFPI, su ifpi.dk. URL consultato il 7 agosto 2020.
  18. ^ (EN) John Tan, Exclusive: Calum Scott Spills Secrets On Album #2, Getting In Trouble With The Label & His Thoughts On K-pop, su Hype Malaysia, 22 marzo 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  19. ^ Naughty Boy feat. Calum Scott – Undo, su www.juloo.it, 22 giugno 2019. URL consultato il 7 agosto 2020.
  20. ^ (EN) Calum Scott Releases Romantic New Song ‘Biblical’ – Watch the Video!, su Just Jared, 11 giugno 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  21. ^ Fabio Morasca, Where Are You Now: il nuovo singolo dei Lost Frequencies, su Soundsblog, 31 luglio 2021. URL consultato il 10 agosto 2021.
  22. ^ (EN) Conor Clark, Calum Scott is back with empowering new single Rise, su GAY TIMES, 1º ottobre 2021. URL consultato il 2 ottobre 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1447152140021511100002 · ISNI (EN0000 0004 6307 7208 · LCCN (ENno2018093044 · GND (DE1154433684 · BNF (FRcb17798921k (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2018093044