Callosciurus adamsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Scoiattolo dalle orecchie macchiate[1]
Ear-Spot Squirrel.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Rodentia
Famiglia Sciuridae
Sottofamiglia Callosciurinae
Genere Callosciurus
Specie C. adamsi
Nomenclatura binomiale
Callosciurus adamsi
Kloss, 1921

Lo scoiattolo dalle orecchie macchiate (Callosciurus adamsi Kloss, 1921) è uno scoiattolo arboricolo endemico del Borneo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoiattolo dalle orecchie macchiate ha una colorazione marrone scuro uniforme sulla regione dorsale e giallastra su quella ventrale; lungo i fianchi, ove si incontrano le due colorazioni, corrono due strisce parallele nere e bianche. La coda, lunga all'incirca quanto il corpo, è ricoperta da anelli marrone scuro su sfondo più chiaro. Le orecchie presentano due macchie giallastre sulla parte posteriore, alle quali la specie deve il nome comune.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoiattolo dalle orecchie macchiate vive nelle foreste pluviali di pianura e collina del Sabah e del Sarawak, ad altezze inferiori da quelle occupate dallo scoiattolo a bande nere del Borneo (C. orestes).

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Ha abitudini diurne e predilige vivere nelle foreste di Dipterocarpacee. Si nutre generalmente di noci, frutta e semi, ma anche di insetti e uova di uccelli.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN classifica questa specie tra quelle vulnerabili a causa della deforestazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Callosciurus adamsi, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Duckworth, J.W. & Meijaard, E. 2008, Callosciurus adamsi, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi