Calice (ninfa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Calice è una ninfa, ritenuta comunemente figlia di Eolo e di Enarete. È sorella degli Eoliani, tra cui Sisifo, Atamante e Canace.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

La fanciulla Calice sposò un figlio di Zeus, chiamato Etlio, re dell'Elide, dal quale ebbe un unico figlio, il bellissimo Endimione.
Secondo un'altra versione della leggenda, Calice fu amata da Zeus stesso e da lui ebbe il figlio Endimione, che quindi aveva ereditato la sua avvenenza sia dal padre, una divinità, che dalla madre, una ninfa. Calice era bellissima.

Pareri secondari[modifica | modifica wikitesto]

Un'altra Calice, non ben distinta dalla prima, molto probabilmente la stessa ninfa, era di una tale bellezza tanto da far innamorare Poseidone, il quale l'amò e da lei ebbe un figlio, Cicno, l'immortale e invincibile guerriero, che avrebbe poi preso parte alla futura guerra di Troia.

Secondo alcuni mitografi, Calice è anche il nome di una Nereide, una delle cinquanta figlie del dio marino Nereo e di Doride.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca