Calà del Sasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°52′04.46″N 11°38′05.44″E / 45.867906°N 11.634844°E45.867906; 11.634844

Calà del Sasso
Calà del Sasso.jpg
Un tratto che evidenzia la struttura della Calà del Sasso. Sulla sinistra è visibile la canaletta utilizzata per lo scivolamento dei tronchi.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto Veneto
Provincia Vicenza Vicenza
Comune Valstagna, Asiago (Altopiano di Asiago)
Catena montuosa Alpi
Ambito naturale attraversato Altopiano di Asiago
Percorso
Tipo sentiero escursionistico
Partenza Lebo di Valstagna
(221 m)
45°52′04.46″N 11°38′05.44″E / 45.867906°N 11.634844°E45.867906; 11.634844
Arrivo Sasso di Asiago
(965 m)
45°51′38.3″N 11°36′49.77″E / 45.86064°N 11.613824°E45.86064; 11.613824
Lunghezza 4444 gradini, circa 7 km
Altitudine max. 965
Altitudine min. 221
Dislivello 744 [1] m
Aspetti escursionistici
Segnavia 778
Percorribile a piedi
Stagione tutto l'anno, consigliata estate
Accesso gratuito
Percorrenza a piedi
Tempo andata 2 ore
Tempo ritorno 1 ora
Tempo totale 3 ore
Sito sezioni vicentine del CAI
« È lunga come il purgatorio, scura come il temporale, la scala che ti porta lassù, sull'Altopiano di Asiago. Quattromilaquattrocentoquarantaquattro gradini, ripidi da bestie, faticosi già a nominarli. Partono dalla Val Brenta, sotto picchi arcigni, nel punto dove la valle - per chi viene da Bassano - sembra spaccarsi in due, all'altezza di un paese chiamato Valstagna, con la sua muraglia di vecchie case a filo d'argine. L'erta prende la spaccatura di sinistra e brucia in un lampo 810 metri di dislivello. Si chiama «Calà del Sasso», ed è una delle opere più fantastiche delle Alpi.[2] »
(Paolo Rumiz)

La Calà del Sasso è il percorso, formato da 4444 gradini, che collega il comune di Valstagna, nel Canale di Brenta, alla frazione Sasso di Asiago, nell'Altopiano dei Sette Comuni, in provincia di Vicenza, ed è la scalinata più lunga d'Italia [3] oltre che la scalinata più lunga del mondo aperta al pubblico[4][5].

La Calà del Sasso copre un dislivello di 744 metri.[1] Il percorso è ancora in gran parte affiancato da una cunetta, realizzata, come i gradini stessi, in pietra calcarea: questa cunetta veniva un tempo utilizzata per trasportare a valle il legname dell'Altopiano. Giunti a Valstagna infatti, la Calà termina nei pressi del fiume Brenta, in cui i tronchi erano fluitati fino a Venezia dove venivano usati nell'Arsenale per la costruzione di imbarcazioni.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La Calà del Sasso deve il suo nome Calà (calata, discesa) al fatto che veniva sfruttata per far scendere i tronchi d'albero dalla frazione Sasso, sull'Altopiano di Asiago, al Canale di Brenta. Realizzata nel XIV secolo sotto il dominio di Gian Galeazzo Visconti, venne ampiamente sfruttata dai Veneziani dal XV al XVIII secolo per rifornire di legname l'Arsenale per la costruzione di navi.

I boscaioli dopo aver portato a valle i tronchi, facendoli scorrere sulla canaletta che costeggia il sentiero a gradoni, potevano acquistare nel paese di Valstagna alimenti, come sale o farina, oltre ad altri oggetti e facevano quindi il percorso di ritorno in salita con un nuovo carico di peso sulle spalle.

Altro tratto della Calà del Sasso

La struttura a gradoni, con canaletta sul fianco, fu ideata per permettere un percorso più agevole durante il trasporto dei pesanti tronchi d'albero: i gradoni evitano infatti il pericolo di scivolamento in caso di maltempo o con la neve e il ghiaccio, non infrequente d'inverno soprattutto sulla parte alta del percorso. La canaletta sul fianco non solo permetteva di far scivolare il tronco ma consentiva anche la svolta nelle strette curve o tornanti che caratterizzano la Calà.

Perse la sua importanza come principale via di collegamento fra pianura e Altipiano negli anni fra il XIX e il XX secolo, quando venne realizzata la rotabile del Costo (1850) e la vicina ferrovia Rocchette-Asiago (1909).

Originariamente i gradini erano 4.422 ma nel 1498, a causa dell'abbassamento del greto del torrente Ronchi, ne furono aggiunti altri 22.

Una parte di questi gradoni sono stati nel tempo erosi dalle acque e di conseguenza andati perduti, ma la struttura del sentiero è ancora chiaramente visibile e, in alcuni tratti, ben mantenuta.
Dopo un periodo di degrado e abbandono, negli ultimi decenni il sentiero ha subito processi di rivalorizzazione che hanno portato alla sistemazione dei tratti più danneggiati. È così tornata ad essere un importante itinerario storico-turistico.

La leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Si narra in Valbrenta che nel 1638, Loretta e Nicolò, abitanti di Sasso di Asiago e fidanzati in odor di matrimonio, vengono colpiti da sventura: Loretta, in attesa di un figlio, si ammala gravemente e il suo innamorato, determinato a salvarla, parte deciso alla volta di Padova alla ricerca di un unguento miracoloso. Scende la Calà del Sasso e giunto a Valstagna noleggia un cavallo. Pur viaggiando di gran carriera il tempo scorre veloce e col sopraggiungere della notte Nicolò non è ancora tornato.
Gli abitanti del Sasso di Asiago decidono allora di scendere con le torce incontro al giovane. Con stupore avvistano lungo la Calà altre luci che salgono: è Nicolò scortato dagli uomini di Valstagna. La storia è a lieto fine con l'unguento che guarisce Loretta e i due morosi possono così sposarsi, con la partecipazione di tutti gli abitanti del Sasso e di Valstagna. Da qui la credenza popolare che se due fidanzati percorrono la Calà mano nella mano si ameranno per sempre.

A ravvivare questo messaggio d'amore la seconda domenica di agosto tutti gli anni si svolge una fiaccolata commemorativa che porta diverse centinaia di persone da Valstagna verso Sasso di Asiago lungo la Calà, dove vengono accolti da musica e banchetti.[6]

Aspetti escursionistici[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

La Calà del Sasso è percorribile tutto l'anno (anche se se ne sconsiglia la percorrenza nei mesi invernali per la presenza della neve) ed il percorso è contrassegnato dal segnavia numero 778. Il percorso ha inizio dal parcheggio di località Lebo di Valstagna (221 m) e termina a Chiesa di Sasso di Asiago (965 m). La Calà è lunga circa 7 km, il tempo di percorrenza è di circa 2 ore ed il dislivello è di 744 m.[1]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

La scalinata Calà del Sasso è stata teatro, nel 1999, di un'impresa singolare: la salita della stessa è stata interamente compiuta da Alberto Limatore senza mai scendere dalla bicicletta né appoggiare un piede a terra.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Calà del Sasso - CAI Marostica 19 maggio 2013.
  2. ^ Paolo Rumiz: La scala del grande vecchio - Tratto da la Repubblica, 10 agosto 2003 in www.sassodiasiago.it. URL consultato il 10-08-2009.
  3. ^ Focus: qual è la scalinata più lunga del mondo. URL consultato il 27-10-2012.
  4. ^ Calà del sasso. URL consultato il 22-07-2010.
  5. ^ La scalinata più lunga al mondo è la scalinata di servizio della funicolare di Niesen, in Svizzera, con 11674 scalini
  6. ^ Calà del Sasso, Comune di Valstagna. URL consultato il 10-11-2010.
  7. ^ Coppa Europa di BikeTrial 2011. URL consultato il 19-10-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]