Caelum, non animum mutant qui trans mare currunt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Caelum, non animum mutant qui trans mare currunt ("non mutano il loro animo, ma solo il cielo (sopra la loro testa) coloro che attraversano il mare") è una celebre frase dalle Epistole di Quinto Orazio Flacco (Epistulae, I, 11 v.27), in cui il poeta saggiamente evidenzia, in verso esametro, come non si possa sfuggire a noi stessi e come la felicità e la serenità d'animo siano ancora un tesoro interiore e non un privilegio acquisibile grazie soltanto ad un viaggio oltremare.

Questo aforisma fu riproposto in modo simile da Seneca (Animum debes mutare non caelum) nelle Epistole a Lucilio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina