Ca' Brutta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ca' Brutta
Milano Ca' Brutta.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoVia della Moscova 12-14
Via Appiani 2
Via Mangili 1, 2, 3, 4
Via Cavalieri 1, 1A, 3
Coordinate45°28′33.64″N 9°11′40.02″E / 45.476011°N 9.19445°E45.476011; 9.19445Coordinate: 45°28′33.64″N 9°11′40.02″E / 45.476011°N 9.19445°E45.476011; 9.19445
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1919-1922
Inaugurazione1922
UsoResidenziale
Realizzazione
ArchitettoGiovanni Muzio

La Ca' Brutta è un edificio abitativo di Milano, sito in via della Moscova all'angolo con via Turati e via Appiani, simbolo dell'ambiente milanese degli anni venti-trenta. Venne chiamata così per la negativa impressione che suscitò all'epoca, causata dall'uso stravagante di elementi del linguaggio classico.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata dell'edificio che si affaccia su via Filippo Turati

Fu l'opera prima dell'architetto Giovanni Muzio, dello studio ingegner Pier Fausto Barelli e dell'architetto Vittorino Colonnese[1]. Muzio fu il progettista di maggior prestigio[2] della corrente architettonica definita "Novecento" per analogia con il contemporaneo movimento artistico.

Edificio assai particolare che manifesta l'interesse dell'architetto per il modernismo e il suo stretto legame con i pittori metafisici, è costituito da due corpi, spezzati da una via privata che aumenta gli affacci interni e lega il massiccio edificio al contesto urbano.

La facciata è suddivisa in fasce orizzontali di cui la più bassa è formata da corsi di travertino, la seconda è caratterizzata da intonaco grigio steso "alla francese" e la terza, in alto, è rivestita di marmo bianco, rosa e nero. Si nota un largo uso di elementi classici, la cui rigidità e simmetria è però dissolta nella disposizione delle finestre su via Turati ed in altri elementi tipicamente asimmetrici. Da notare anche l'accuratezza tecnica e l'attenzione al particolare costruttivo, che saranno tipiche di Muzio per tutta la sua carriera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo a cura di Giovanni Tomaso Muzio (maggio 2014) di presentazione della mostra sulla Ca' Brutta del 2016 al Castello Sforzesco di Milano (http://www.teicosgroup.com/sites/default/files/cabrutta_milano_21_luglio.pdf Archiviato il 29 gennaio 2018 in Internet Archive.)
  2. ^ Alfredo De Paz, L'arte contemporanea. Tendenze, poetiche e ideologie dall'espressionismo, 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]