Sporting Club Centro Giovani Calciatori Viareggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da CGC Viareggio)
Sporting Club Centro Giovani Calciatori Viareggio A.S.D.
Colori sociali Bianco e Nero.svg Bianco e Nero
Dati societari
Città ViareggioViareggio
Paese Italia Italia
Federazione CONI
Fondazione 1947
Presidente Italia Alessandro Palagi
Discipline

Lo Sporting Club Centro Giovani Calciatori Viareggio, meglio noto con la sigla CGC Viareggio, è una società polisportiva fondata il 20 novembre 1947 con cinque sezioni: calcio, pallacanestro, pallavolo, atletica ed hockey su pista. Questa ultima sezione rappresenta il fiore all'occhiello della società. Essa è famosa in Italia per l'organizzazione del Torneo Internazionale di calcio giovanile "Coppa Carnevale" (detto anche Torneo di Viareggio). È una delle poche società in Italia, ad aver portato, nei rispettivi massimi campionati, le proprie squadre in due sport differenti (hockey e pallavolo).

Sezione calcio[modifica | modifica wikitesto]

Organizza il Torneo di Viareggio e ha diverse squadre nelle categorie del settore giovanile. Collabora con il Viareggio 2014. Gli anni '70 vedono militare nelle squadre giovanili alcuni ragazzi che intraprenderanno la carriera professionistica: fra tutti Carlo Bresciani, attaccante di Viareggio, Fiorentina e Foggia.

Sezione atletica[modifica | modifica wikitesto]

In oltre 60 anni, ha formato diversi atleti portandoli a vincere titoli regionali e nazionali. Alcuni hanno raggiunto la Nazionale italiana. Alla sezione è stata consegnata la Stella d'Argento al Merito sportivo.

Sezione pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

Ha raggiunto sul finire degli anni settanta la massima serie: Serie A1 1978-1979. Ecco i nomi delle giocatrici autrici dell'impresa: Laura Letari, Alessandra Monciatti, Patrizia Motto, Carla Volpi, Suelly Giagnoni, Giovanna Bianucci, Bruna Piacentini e Angela Lunardini. Allenatore Michele Bertolucci.

Sezione pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Parallelamente alla Vela Viareggio, il CGC cura il settore giovanile allestendo diverse squadre dall'Under-18 al minibasket[1].

Sezione hockey[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sporting Club Centro Giovani Calciatori Viareggio (hockey su pista).

La sezione hockey venne creata nel 1969 dalla fusione con la Società Pattinatori Viareggini, fondata nel 1947, raccogliendo l'eredità di un buon movimento di giocatori già negli anni trenta, dovuta alla presenza di numerose piste di pattinaggio. La prima partita ufficiale fu giocata nel febbraio 1938 contro il Pisa.

Nel 1970 arrivò la prima promozione nella massima serie. Nel 1976, nonostante militasse in serie B, il Centro raggiunse la finale di Coppa Italia dove venne sconfitto dal Novara che in quegli anni dominava il campionato. In quella squadra esordì il giovane portiere Alessandro Cupisti.

La stagione 2010-2011 vede per la società viareggina, la conquista del primo trofeo nazionale della sua storia, la Coppa Italia, al termine di un doppio confronto contro il tenace Valdagno (5-5 all'andata e 5-4 al golden goal nel ritorno).È il 23 novembre 2010.

Il 7 giugno 2011 diventa per la prima volta Campione d'Italia, portando la serie della finale scudetto sul 3-0, alla meglio su 5 gare, contro il Valdagno nuovamente.

Il 5 ottobre 2013 vince la sua prima Supercoppa Italiana, in finale unica, ai rigori ad oltranza, sempre contro il Valdagno, in casa della squadra veneta.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sezione pallacanestro del CGC Viareggio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "50 Anni di Hockey in Versilia: 1947/1996", Giulio Arnolieri, Pezzini editore, 1996, Viareggio;
  • "10 Anni di Hockey in Versilia a cavallo del secolo, 1996-2006", Giulio Arnolieri, Editore Il Molo, 2006, Viareggio;
  • "CENTRO dalla Coppa Italia allo Scudetto", Giulio Arnolieri, Editore Il Molo, 2011, Viareggio;
  • Dal quotidiano "Il Tirreno" del 10/11/2009 - [1]
  • Dal quotidiano "Il Tirreno" del 24/11/2010 - [2]
  • Dal quotidiano "Il Tirreno" del 08/06/2011 - [3]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]