CETA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il CETA (in inglese Comprehensive Economic and Trade Agreement, letteralmente "Accordo economico e commerciale globale") è un trattato di libero scambio tra Canada e Unione europea, entrato in vigore, seppur in forma provvisoria, il 21 settembre 2017, e attualmente in fase di ratifica da parte degli stati UE.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I negoziati che hanno portato al CETA sono durati cinque anni, dal 2009 al 2014;[1] gli Stati dell'UE e i membri del Parlamento europeo hanno ricevuto il 5 agosto 2014 il testo completo, che è stato quindi reso pubblico in un summit UE-Canada il 26 agosto successivo.[2] Il 29 febbraio 2016 la Commissione europea e il Canada hanno annunciato di aver terminato la revisione legale della versione originale, in inglese, dell'accordo,[2] che è stato quindi firmato a Bruxelles il 30 ottobre 2016 (in ritardo di tre giorni rispetto alla data inizialmente prevista, il 27 ottobre, a causa di forti opposizioni al trattato euro-canadese da parte della Vallonia nei giorni antecedenti la firma dell'accordo).[3]

Per l'Unione europea il trattato è stato approvato dal Parlamento europeo il 15 febbraio 2017, con 408 voti favorevoli, 254 contrari e 33 astenuti;[4] hanno votato a favore i tre principali gruppi (PPE, Socialisti e Democratici e ALDE) e i Conservatori,[1][5] mentre hanno votato contro l'Europa delle Nazioni e della Libertà, l'Europa della Libertà e della Democrazia Diretta, oltre a Verdi, Sinistra Europea e alcuni parlamentari dei S&D.[1][5]

Il CETA è entrato in vigore il 21 settembre 2017,[6][7][8][9][10] inizialmente - in via provvisoria - solo nelle sue parti fondamentali.[5][11] Come stabilito infatti il 5 luglio 2016 dalla Commissione europea, si tratta di un cosiddetto mixed agreement,[11] e deve essere comunque ratificato dai parlamenti nazionali dei 28 Stati membri e di alcuni regionali, per un totale di 38 assemblee, per poter entrare pienamente in vigore. Il 17 gennaio 2018 tuttavia, il commissario europeo Pierre Moscovici in audizione nella commissione per gli affari esteri dell'Assemblea nazionale francese ha dichiarato che anche se un parlamento nazionale o regionale dell'UE dovesse votare contro la ratifica del trattato, il CETA resterebbe comunque in vigore nella sua forma attuale e provvisoria, come già accade dal 21 settembre 2017.[12]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il principale effetto del CETA è l'eliminazione di gran parte delle tariffe doganali tra Unione europea e Canada[1] (il 98% delle barriere tariffarie tra le parti[2]).

Tra le altre disposizioni previste, secondo i favorevoli all'accordo, ci sono:

  • la possibilità per le imprese europee e canadesi di partecipare alle rispettive gare di appalto pubbliche;[1]
  • il riconoscimento reciproco di alcune professioni, come architetto, ingegnere e commercialista;[4]
  • l'adeguamento del Canada alle norme europee in materia di diritto d'autore;[4]
  • la tutela del marchio di alcuni prodotti agricoli e alimentari tipici (clausola fortemente richiesta dagli agricoltori europei e una delle parti più lunghe e difficili del negoziato).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Il Parlamento Europeo ha approvato il CETA, il Post, 15 febbraio 2017. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  2. ^ a b c (EN) CETA – Summary of the final negotiating results (PDF), Commissione europea, febbraio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  3. ^ Ceta, arriva la firma sul trattato commerciale tra Ue e Canada, in Repubblica.it, 30 ottobre 2016. URL consultato il 12 settembre 2017.
  4. ^ a b c Ceta, il Parlamento Ue approva l'accordo commerciale tra Europa e Canada, la Repubblica, 15 febbraio 2017. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  5. ^ a b c Marco Bresolin, Ceta, il Parlamento europeo approva l’accordo con il Canada, La Stampa, 15 febbraio 2017. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  6. ^ Ceta, da oggi in vigore il trattato di libero scambio Ue-Canada. Le misure principali, in Repubblica.it, 21 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  7. ^ (IT) Ceta, parte applicazione provvisoria del trattato Ue-Canada. Greenpeace: "A rischio politiche agricole e alimentari" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 21 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  8. ^ (IT) Valentina Corvino, Ceta, l’accordo in vigore provvisoriamente ma le proteste non si fermano | il Salvagente, su ilsalvagente.it. URL consultato il 21 settembre 2017.
  9. ^ (IT) Rotta verso il Canada, entra in vigore il Ceta - FOOD Web, in FOOD Web, 21 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  10. ^ (EN) European Commission - PRESS RELEASES - Press release - EU and Canada agree to set a date for the provisional application of the Comprehensive Economic and Trade Agreement. Statement by Mr Jean-Claude Juncker, President of the European Commission and Mr Justin Trudeau, Prime Minister of Canada, su europa.eu. URL consultato il 15 luglio 2017.
  11. ^ a b (EN) European Commission proposes signature and conclusion of EU-Canada trade deal, Commissione europea, 5 luglio 2016. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  12. ^ L'antidiplomatico, Mélenchon: "Moscovici ha confessato oggi che il CETA si applicherà anche in caso di voto contrario di un paese", su www.lantidiplomatico.it. URL consultato il 21 gennaio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE1112158820