CEFRIEL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
CEFRIEL
Stato Italia Italia
Tipo Società a responsabilità limitata
Fondazione 1988
Sede principale Milano, Lombardia
Filiali Stati Uniti Cincinnati, Ohio
Settore Informatica, progettazione, consulenza, innovazione
Fatturato circa 9,7 milioni (2013)
Dipendenti 130
Slogan «Forging Innovation»
Sito web www.cefriel.it

Il CEFRIEL (ICT Center of Excellence For Research, Innovation, Education and industrial Labs partnerships) è un centro del Politecnico di Milano e si occupa di ricerca scientifica, innovazione e formazione.

Obiettivi e Attività[modifica | modifica wikitesto]

Possono essere individuate tre principali aree di attività del CEFRIEL:

  • innovazione: realizzazione di prototipi definiti sulla base dei requisiti dell’impresa o della pubblica amministrazione.
  • formazione: master e corsi di formazione per manager, laureandi e laureati. Collabora con il Project Management Institute per la formazione in vista del rilascio delle certificazioni PMP®, PgMP e ACP®.
  • ricerca scientifica: programmi di ricerca a livello regionale e nazionale, in collaborazione con altri partner del mondo accademico e delle imprese. Partecipazione a progetti di ricerca finanziati dai Programmi Quadro dell'Unione Europea.

Nel centro lavorano sia studenti in uscita dall'università, sia persone con esperienze sviluppate in azienda.

Nel 2010 è stato aperto un ufficio statunitense presso il Chiquita Center di Cincinnati, in Ohio.

A maggio 2014 l'Istituto Europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (EIT) ha aperto un nuovo centro di innovazione a Milano, all'interno dei locali CEFRIEL. Il centro funzionerà da satellite per il nodo italiano dell'istituto, che ha sede a Trento.[1]

Informazioni societarie[modifica | modifica wikitesto]

Il CEFRIEL giuridicamente è una società consortile a responsabilità limitata i cui soci sono il Politecnico di Milano, l'Università Statale di Milano, l'Università di Milano-Bicocca, l’Università dell'Insubria, la Regione Lombardia e 15 aziende operanti nel settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e dell'editoria.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Fuggetta - L'innovazione possibile - Pearson Education, 2006
  • A. Binato, A. Fuggetta, L. Sfardini - Ingegneria del Software - Pearson Education, 2006
  • C. Brandolese, W. Fornaciari - Sistemi embedded - Pearson Education, 2007
  • E. Della Valle, I. Celino, D. Cerizza - Semantic Web - Addison Wesley Pearson, 2009

Contributi in pubblicazioni miscellanee[modifica | modifica wikitesto]

  • La sicurezza nei sistemi informativi sanitari - (Cap. 1) - eHealthForum.it
  • B. Pernici (ed.)- Mobile Information Systems infrastructure and Design for Adaptivity and Flexibility - 2006 (contributo sul progetto MAIS)
  • S. Adibi, A. Mobasher, M. Tofighbakhsh - Fourth-Generation Wireless Networks: Applications and Innovations - Information Science Reference - IGI Global, 2009 (contributo di G. Panza)
  • E. Di Nitto, A.M. Sassen, P. Traverso, A. Zwegers - At Your Service, MIT Press 2009 - (contributo sul progetto SeCSE)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ EitIctLabs.eu - Cefriel

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]