Capcom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da CAPCOM)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il controllore di volo in ambito astronautico, vedi Capsule communicator.
Capcom Co., Ltd.
株式会社カプコン
Logo
CAPCOM本社.jpg
Sede della Capcom a Chūō-ku, Osaka
StatoGiappone Giappone
Forma societariaPublic company
Borse valoriBorsa di Tokyo: 9697
ISINJP3218900003
Fondazione30 maggio 1979 (come Japan Capsule Computers) a Osaka
Fondata daKenzo Tsujimoto
Sede principaleChūō-ku
Controllate
  • Blue Harvest
  • Capcom Asia
  • Capcom U.S.A
  • Capcom Entertainment Europe
  • Capcom Mobile USA
  • Capcom Europe
  • Capcom Asia
  • Capcom Entertainment Korea
  • Captron Co
  • Enterrise Co., Ltd.
  • K2 Inc.
Persone chiave
SettoreVideogiochi
Prodotti
Fatturato¥ 95,308 milioni[1] (2021)
Dipendenti2988[2] (2020)
Sito webwww.capcom.com/

Capcom Co., Ltd. (株式会社カプコン Kabushiki-gaisha Kapukon?), acronimo di Capsule Computers (precedentemente Japan Capsule Computers), è un'azienda giapponese che produce e pubblica videogiochi con sede a Chūō-ku, Osaka.[3] Fondata da Kenzo Tsujimoto nel 1979 ha generato una moltitudine di serie di media franchise con milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Ai Metacritic's 11th Annual Game Publisher, Capcom si classifica come terza compagnia di pubblicazione videogiochi dell'anno 2021.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prodotti famosi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i videogiochi creati dalla casa di Osaka i più noti sono Street Fighter (celeberrimo picchiaduro bidimensionale che ha avuto parecchi seguiti e anche una trasposizione cinematografica con Jean-Claude Van Damme, Kylie Minogue e Raúl Juliá), Final Fight, Devil May Cry,[5] Dino Crisis, Resident Evil (altro famosissimo videogioco che ha dato origine a un media francise e ha ispirato l'omonima serie di film con Milla Jovovich),[5] Monster Hunter.

Altrettanto noti sono Mega Man, la serie di Ace Attorney (da cui è stata tratta un'atra trasposizione cinematografica), Ghosts 'n Goblins, Ghouls 'n Ghosts, Captain Commando, la serie di Darkstalkers, la serie di Strider e la serie di Viewtiful Joe.

Capcom ha anche prodotto cinque capitoli della saga di The Legend of Zelda.

Struttura dell'azienda[modifica | modifica wikitesto]

Filiali e succursali[modifica | modifica wikitesto]

  • Capcom U.S.A., Inc.
  • Captron Co., Ltd.
  • Capcom Asia Co., Ltd.
  • Capcom Entertainment, Inc.
  • CE Europe Ltd.
  • CEG Interactive Entertainment GmbH
  • Capcom Interactive Canada, Inc.
  • Capcom Interactive, Inc.
  • Daletto Co., Ltd.
  • Capcom Entertainment Korea Co., Ltd.
  • Blue Harvest LLC
  • K2 Co., Ltd.
  • Capcom Entertainment France, SAS
  • Enterrise Co., Ltd.

Ex filiali[modifica | modifica wikitesto]

  • A.C.A. Co., Ltd.
  • Status Co., Ltd.
  • Capcom Europe GmbH
  • Capcom Mexico S.A. DE C.V.
  • Capcom Coin-Op, Inc.
  • Capcom Studio 8, Inc.
  • Flagship Co., Ltd.
  • Capcom Eurosoft, Ltd.
  • Capcom Charbo Co., Ltd.
  • Clover Studio Co., Ltd.

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La mascotte ufficiale della casa è il popolarissimo Mega Man, mentre Ryu di Street Fighter è utilizzato come mascotte solo per i videogiochi picchiaduro. Inizialmente la mascotte ufficiale della software house doveva essere Captain Commando (non a caso le prime tre lettere delle due parole formano la parola "CapCom") ma il gioco non ha riscosso sufficiente successo.[6]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Videogiochi Capcom.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Financial Review (Japan GAAP), su www.capcom.co.jp. URL consultato il 17 maggio 2021.
  2. ^ Corporate Overview, su www.capcom.co.jp. URL consultato il 17 maggio 2021.
  3. ^ (EN) CAPCOM | Corporate Overview, su CAPCOM IR. URL consultato il 16 maggio 2021.
  4. ^ Jason Dietz, Metacritic Features Editor- March 25, 2021, 2021 Game Publisher Rankings: Capcom, su Metacritic. URL consultato il 7 settembre 2021.
  5. ^ a b Scegli i migliori del 2008!, in Play Generation, n. 38, Edizioni Master, marzo 2009, p. 32, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  6. ^ (EN) Captain Commando, Capcom's Greatest Hero, su Kotaku. URL consultato il 17 maggio 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN149150157 · ISNI (EN0000 0001 1703 8185 · NDL (ENJA00407128 · WorldCat Identities (ENviaf-149150157