C/1983 H1 IRAS-Araki-Alcock

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cometa
C/1983 H1 IRAS-Araki-Alcock
Comet IRAS-Araki-Alcock by Russell E Milton.jpg
La Cometa IRAS-Araki-Alcock l'11 maggio 1983.
Stella madre Sole
Scoperta 25 aprile 1983
Scopritori IRAS-Araki-Alcock
Designazioni
alternative
1983d; 1983 VII
Parametri orbitali
(all'epoca 13 maggio 1983[1])
Semiasse maggiore 97,583 UA
Perielio 0,991 UA
Afelio 194,174 UA
Periodo orbitale 963,98 anni
Inclinazione orbitale 73,251°
Eccentricità 0,9898
Longitudine del
nodo ascendente
49,102°
Argom. del perielio 192,851°
Ultimo perielio 21 maggio 1983
MOID da Terra 0,00583546 UA
Dati fisici
Dimensioni 9,2 km
Dati osservativi
Magnitudine app.
circa 2,0a (max)

La cometa C/1983 H1 IRAS-Araki-Alcock è stata coscoperta dal satellite IRAS e dagli astrofili George Eric Deacon Alcock (inglese) e Genichi Araki (giapponese)[2]: fu osservata da Iras il 25 aprile 1983 e il 3 maggio 1983 da Alcock e Araki. Al momento della scoperta da parte di Iras, si ritenne che l'oggetto fosse di natura asteroidale, solo al momento della conferma da terra, il 27 aprile, ci si accorse della sua natura cometaria, seguirono confuse vicende che impedirono la comunicazione della scoperta al CBAT fino al 3 maggio durante il quale prima Araki e poi Alcock, all'oscuro della scoperta fatta da Iras, scoprirono a loro volta la cometa riuscendo a comunicare l'avvenuta scoperta al CBAT. Ciò valse loro il riconoscimento della coscoperta e la possibilità di dare il proprio nome alla cometa[3].

La cometa Iras-Araki-Alcock è stata la terza in ordine di distanza ad avvicinarsi alla Terra negli ultimi 2.000 anni, arrivando ad una distanza minima di circa 4.682.000 km[4][5]. La cometa raggiunse il 10 e l'11 maggio 1983 un diametro apparente di 3° e un movimento di 2° all'ora: la sua luminosità superficiale fu molto bassa, ma sotto cieli bui fu possibile vederla come una nuvola rotonda quasi trasparente muoversi percettibilmente in tempi di pochi minuti; la sua magnitudine totale raggiunse un valore compreso tra 1,5 e 2a [6]. Il radiotelescopio di Arecibo, usato come radartelescopio, misurò in 5 km il diametro del nucleo della cometa. Il nucleo risultò avvolto in una nube di frammenti di dimensioni centimetriche[3][7].

La cometa dà origine a uno sciame meteorico, le Eta Liridi[8][9].

Agli onori della cronaca[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983, quando si scoprì la cometa, alcuni giornali diffusero un ingiustificato allarmismo relativo a pericolosi virus "contenuti" nel corpo celeste e che avrebbero colpito la terra al suo passaggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

V · D · M
La cometa di Halley
Grande Cometa con m < 0 : C/390 Q1C/1132 T1C/1532 R1C/1556 D1C/1664 W1C/1665 F1C/1975 V1C/1995 O1
con m < -2 : HalleyC/1402 D1C/1471 Y1C/1577 V1C/1743 X1C/1843 D1C/1882 R1C/2006 P1
Famiglie cometarie Comete halleidiComete giovianeComete della fascia principaleComete quasi-Hilda
Studio STRUTTURA: Nucleo · Chioma · CodaESPLORAZIONE: 9P/Tempel · 67P/Churyumov-Gerasimenko
Altro Cometa periodica (SOHO) • Cometa non periodicaCometa radente (di Kreutz) • Cometa perduta (Shoemaker-Levy 9) • Cometa interstellare
Sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare