C'era una volta gli americani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
C'era una volta gli americani
Titolo originaleThe Making of Americans: Being a History of a Family's Progress
AutoreGertrude Stein
1ª ed. originale1925
1ª ed. italiana1979
Genereromanzo
Sottogeneremetaromanzo
Lingua originaleinglese
AmbientazioneStati Uniti d'America
PersonaggiAlfred Hersland, Julia Dehning, Martha Hersland, David Hersland

C'era una volta gli americani (The Making of Americans: Being a History of a Family's Progress) è un romanzo modernista di Gertrude Stein. Pubblicato per la prima volta in un'edizione di sole 500 copie dalla Contact Press Editions nel 1925, ma scritto tra il 1903 e il 1911, con tre grandi fasi di revisione. Rimasto per lo più nascosto al pubblico fino al 1924, in tale anno, in seguito all'insistenza di Ernest Hemingway e Ford Madox Ford, ne uscirono degli estratti sul The Transatlantic Review (rivista letteraria di Ford del 1924, con base a Parigi, ma pubblicata a Londra).

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo traccia la genealogia, la storia e un'indagine psicologica dei membri delle famiglia Hersland e Dehning. L'autrice include frequentemente sezioni che hanno le caratteristiche tipiche del metaromanzo, in cui riflette sul processo di scrittura del testo, che si inseriscono all'interno del fluire dell'intreccio.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura