Byron Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Byron Black
Nome Byron Hamish Black
Nazionalità Zimbabwe Zimbabwe
Altezza 175 cm
Peso 70 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Ritirato 2002
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 257-246
Titoli vinti 2
Miglior ranking 22° (9 aprile 1996)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (1998)
Francia Roland Garros 3T (1999)
Regno Unito Wimbledon QF (2000)
Stati Uniti US Open QF (1995)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 328-201
Titoli vinti 22
Miglior ranking 1° (14 febbraio 1994)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open F (1994, 2001)
Francia Roland Garros V (1994)
Regno Unito Wimbledon F (1996)
Stati Uniti US Open SF (1999)
Altri tornei
Tour Finals SF (1996)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti 0
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open -
Francia Roland Garros 3T (1995)
Regno Unito Wimbledon SF (1994)
Stati Uniti US Open -
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Byron Hamish Black (Harare, 6 ottobre 1969) è un ex tennista zimbabwese.

Fa parte di una famiglia di sportivi, i fratelli Cara e Wayne sono stati a loro volta tennisti professionisti.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato al professionismo nel 1991, Black ha avuto una discreta trafila da singolarista con due tornei vinti su dieci finali, ma soprattutto un'eccellente carriera da doppista: è stato numero uno al mondo nel ranking di questa disciplina aggiudicandosi ventidue tornei tra cui spicca il Roland Garros 1994. Negli Slam raggiunge altre tre finali uscendone sconfitto: agli Australian Open 1994, al Torneo di Wimbledon 1996 e nuovamente in Australian nel 2001. In singolare ha raggiunto due volte i quarti di finale, la prima agli US Open 1995 dove viene eliminato da Pete Sampras e la seconda al Torneo di Wimbledon 2000[1] dove si arrende a Vladimir Volčkov. In Coppa Davis ha giocato ottantaquattro match con la squadra zimbabwese vincendone cinquantasei.[2]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (2)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 29 aprile 1996 Corea del Sud Seoul Open, Seul Cemento Rep. Ceca Martin Damm 7–6, 6–3
2. 12 aprile 1999 India Chennai Open, Chennai Cemento Germania Rainer Schüttler 6–4, 1–6, 6–3

Finali perse (8)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 8 gennaio 1996 Australia ATP Adelaide, Adelaide Cemento Russia Evgenij Kafel'nikov 6-7, 6-3, 1-6
2. 15 aprile 1996 India Chennai Open, New Delhi Cemento Svezia Thomas Enqvist 2-6, 6-7
3. 13 aprile 1998 Hong Kong Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Danimarca Kenneth Carlsen 2-6, 0-6
4. 20 aprile 1998 Giappone Japan Open Tennis Championships, Tokyo Cemento Romania Andrei Pavel 3-6, 4-6
5. 22 giugno 1998 Regno Unito Nottingham Open, Nottingham Erba Svezia Jonas Björkman 3-6, 2-6
6. 15 novembre 1999 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico Russia Evgenij Kafel'nikov 6-7, 4-6
7. 21 febbraio 2000 Stati Uniti U.S. National Indoor Tennis Championships, Memphis Cemento (i) Svezia Magnus Larsson 2-6, 6-1, 3-6
8. 26 giugno 2000 Regno Unito Nottingham Open, Nottingham (2) Erba Francia Sébastien Grosjean 6-7, 3-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (22)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Compagno Superficie Avversari in finale Punteggio
1. 5 aprile 1993 Sudafrica SA Tennis Open, Durban Cemento Sudafrica Lan Bale Sudafrica Johan De Beer
Sudafrica Marcos Ondruska
7–6, 6–2
2. 26 luglio 1993 Stati Uniti Legg Mason Tennis Classic, Washington, D.C. Cemento Stati Uniti Rick Leach Canada Grant Connell
Stati Uniti Patrick Galbraith
6–4, 7–5
3. 4 ottobre 1993 Svizzera Swiss Indoors, Basilea Cemento (i) Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Brad Pearce
Stati Uniti Dave Randall
3–6, 7–5, 6–3
4. 11 ottobre 1993 Francia Grand Prix de Tennis de Toulouse, Tolosa Cemento (i) Stati Uniti Jonathan Stark Germania David Prinosil
Germania Udo Riglewski
7–5, 7–6
5. 25 ottobre 1993 Austria BA-CA TennisTrophy, Vienna Sintetico Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Mike Bauer
Germania David Prinosil
6–3, 7–6
6. 8 novembre 1993 Francia Paris Masters, Parigi Sintetico Stati Uniti Jonathan Stark Paesi Bassi Tom Nijssen
Rep. Ceca Cyril Suk
4–6, 7–5, 6–2
7. 14 febbraio 1994 Stati Uniti U.S. National Indoor Tennis Championships, Memphis Cemento (i) Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Jim Grabb
Stati Uniti Jared Palmer
7–6, 6–4
8. 6 giugno 1994 Francia Open di Francia, Parigi Terra battuta Stati Uniti Jonathan Stark Svezia Jan Apell
Svezia Jonas Björkman
6–4, 7–6
9. 1º agosto 1994 Canada Canada Masters, Toronto Cemento Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Patrick McEnroe
Stati Uniti Jared Palmer
6–4, 6–4
10. 29 maggio 1995 Italia ATP Bologna Outdoor, Bologna Terra battuta Stati Uniti Jonathan Stark Belgio Libor Pimek
Stati Uniti Vince Spadea
7–5, 6–3
11. 13 novembre 1995 Russia Kremlin Cup, Mosca Sintetico Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Tommy Ho
Nuova Zelanda Brett Steven
6–4, 3–6, 6–3
12. 19 febbraio 1996 Emirati Arabi Uniti Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento Canada Grant Connell Rep. Ceca Karel Nováček
Rep. Ceca Jiří Novák
6–0, 6–1
13. 20 maggio 1996 Italia Internazionali d'Italia, Roma Terra battuta Stati Uniti Jonathan Stark Belgio Libor Pimek
Sudafrica Byron Talbot
6–2, 6–3
14. 24 giugno 1996 Germania Gerry Weber Open, Halle Erba Canada Grant Connell Russia Evgenij Kafel'nikov
Rep. Ceca Daniel Vacek
6–1, 7–5
15. 19 agosto 1996 Stati Uniti ATP Volvo International, New Haven Cemento Canada Grant Connell Svezia Jonas Björkman
Svezia Nicklas Kulti
6–4, 6–4
16. 13 aprile 1998 Hong Kong Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Stati Uniti Alex O'Brien Sudafrica Neville Godwin
Finlandia Tuomas Ketola
7–5, 6–1
17. 2 agosto 1999 Stati Uniti Countrywide Classic, Los Angeles Cemento Sudafrica Wayne Ferreira Croazia Goran Ivanišević
Stati Uniti Brian MacPhie
6–2, 7–6(4)
18. 16 agosto 1999 Stati Uniti Cincinnati Masters, Cincinnati Cemento Svezia Jonas Björkman Australia Todd Woodbridge
Australia Mark Woodforde
6–3, 7–6(6)
19. 1º novembre 1999 Germania Eurocard Open, Stoccarda Cemento (i) Svezia Jonas Björkman Sudafrica David Adams
Sudafrica John-Laffnie de Jager
6–7(6), 7–6(2), 6–0
20. 28 febbraio 2000 Messico Abierto Mexicano TELCEL, Città del Messico Terra battuta Stati Uniti Donald Johnson Argentina Gastón Etlis
Argentina Martín Rodríguez
6–3, 7–5
21. 8 gennaio 2001 India Chennai Open, Chennai Cemento Zimbabwe Wayne Black Regno Unito Barry Cowan
Italia Mosé Navarra
6–4, 6–3
22. 24 settembre 2001 Cina Kingfisher Airlines Tennis Open, Shanghai Cemento Giappone Thomas Shimada Sudafrica John-Laffnie de Jager
Sudafrica Robbie Koenig
6–2, 3–6, 7–5

Finali perse (19)[modifica | modifica wikitesto]

N Data Torneo Compagno Superficie Avversari in finale Punteggio
1. 20 aprile 1992 Hong Kong Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Sudafrica Byron Talbot Stati Uniti Brad Gilbert
Stati Uniti Jim Grabb
2–6, 1–6
2. 12 luglio 1993 Stati Uniti Campbell's Hall of Fame Championships, Newport Erba Stati Uniti Jim Pugh Argentina Javier Frana
Sudafrica Christo van Rensburg
6–4, 1–6, 6–7
3. 30 agosto 1993 Stati Uniti Schenectady Open, Schenectady Cemento Nuova Zelanda Brett Steven Germania Bernd Karbacher
Russia Andrej Ol'chovskij
6–2, 6–7, 1–6
4. 10 gennaio 1994 Australia ATP Adelaide, Adelaide Cemento Sudafrica David Adams Australia Mark Kratzmann
Australia Andrew Kratzmann
4–6, 3–6
5. 31 gennaio 1994 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Stati Uniti Jonathan Stark Paesi Bassi Jacco Eltingh
Paesi Bassi Paul Haarhuis
7–6, 3–6, 4–6, 3–6
6. 7 febbraio 1994 Stati Uniti SAP Open, San Jose Cemento (i) Stati Uniti Jonathan Stark Stati Uniti Rick Leach
Stati Uniti Jared Palmer
6–4, 4–6, 4–6
7. 28 febbraio 1994 Stati Uniti Indian Wells Masters, Indian Wells Cemento Stati Uniti Jonathan Stark Canada Grant Connell
Stati Uniti Patrick Galbraith
5–7, 3–6
8. 10 ottobre 1994 Australia Sydney Indoor, Sydney Cemento (i) Stati Uniti Jonathan Stark Paesi Bassi Jacco Eltingh
Paesi Bassi Paul Haarhuis
4–6, 6–7
9. 17 ottobre 1994 Giappone Tokyo Indoor, Tokyo Cemento Stati Uniti Jonathan Stark Canada Grant Connell
Stati Uniti Patrick Galbraith
3–6, 6–3, 4–6
10. 7 novembre 1994 Francia Paris Masters, Parigi Sintetico Stati Uniti Jonathan Stark Paesi Bassi Jacco Eltingh
Paesi Bassi Paul Haarhuis
6–3, 6–7, 5–7
11. 9 gennaio 1995 Australia ATP Adelaide, Adelaide (2) Cemento Canada Grant Connell Stati Uniti Jim Courier
Australia Patrick Rafter
6–7, 4–6
12. 15 maggio 1995 Germania Hamburg Masters, Amburgo Terra battuta Russia Andrej Ol'chovskij Sudafrica Wayne Ferreira
Russia Evgenij Kafel'nikov
1–6, 6–7
13. 4 marzo 1996 Stati Uniti U.S. Pro Indoor, Filadelfia Sintetico Canada Grant Connell Australia Todd Woodbridge
Australia Mark Woodforde
6–7, 2–6
14. 15 aprile 1996 India Chennai Open, New Delhi Cemento Australia Sandon Stolle Svezia Jonas Björkman
Svezia Nicklas Kulti
6–4, 4–6, 4–6
15. 8 luglio 1996 Regno Unito Torneo di Wimbledon, Londra Erba Canada Grant Connell Australia Todd Woodbridge
Australia Mark Woodforde
6–4, 1–6, 3–6, 2–6
16. 19 maggio 1997 Italia Internazionali d'Italia, Roma Terra battuta Stati Uniti Alex O'Brien Bahamas Mark Knowles
Canada Daniel Nestor
3–6, 6–4, 5–7
17. 1º marzo 1999 Regno Unito Milan Indoor, Londra Sintetico Sudafrica Wayne Ferreira Regno Unito Tim Henman
Regno Unito Greg Rusedski
3–6, 6–7(6)
18. 9 agosto 1999 Canada Canada Masters, Montreal Cemento Sudafrica Wayne Ferreira Svezia Jonas Björkman
Australia Patrick Rafter
6–7(5), 4–6
19. 29 gennaio 2001 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Germania David Prinosil Svezia Jonas Björkman
Australia Todd Woodbridge
1–6, 7–5, 4–6, 4–6

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

È uno dei quattro tennisti ad aver rifilato un 6-0 a Roger Federer, al Queen's 1999.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Folle Wimbledon, bentornato, o no?, ubitennis.com, 4 luglio 2013. URL consultato il 2 maggio 2014.
  2. ^ daviscup.com, Profilo sul sito della Coppa Davis. URL consultato il 2 maggio 2014.
  3. ^ I cappotti di Federer e Nadal, ubitennis.com, 23 novembre 2011. URL consultato il 2 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]