Buthier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Buthier
Aosta - Buthier de Valpelline.jpg
Parte finale del torrente Buthier, lungo viale Chabod et via Pasquettaz, a Aosta
StatoItalia Italia
RegioniValle d'Aosta Valle d'Aosta
Lunghezza40 km
Bacino idrografico404[1] km²
Altitudine sorgente3 000 m s.l.m.
NasceGhiacciaio des Grandes Murailles
45°57′52.54″N 7°34′28.96″E / 45.964594°N 7.574711°E45.964594; 7.574711
AffluentiVerdonaz, Vessonaz, Buthier d'Ollomont, Artanavaz
SfociaDora Baltea
45°43′55.58″N 7°20′24.92″E / 45.732106°N 7.340255°E45.732106; 7.340255Coordinate: 45°43′55.58″N 7°20′24.92″E / 45.732106°N 7.340255°E45.732106; 7.340255

Il Buthier è un torrente affluente di sinistra della Dora Baltea. Percorre in tutta la sua lunghezza la Valpelline in Valle d'Aosta.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Un ramo del fiume nasce dal ghiacciaio di Tsa de Tsan a circa 2.700 m s.l.m.; un secondo ramo nasce dal ghiacciaio des Grandes Murailles a circa 3.000 m s.l.m.[2]. Viene interrotto artificialmente e forma il lago di Place-Moulin. Dopo essere uscito dal lago incontra i comuni di Bionaz, Oyace, Valpelline, Roisan e Aosta. Si getta nella Dora Baltea presso Aosta.

Lungo il suo corso il Buthier è usato per la produzione di energia idroelettrica. In località Signayes si trova la centrale omonima[1], mentre la Centrale idroelettrica di Quart si trova nel comune di Nus.[3]

Allo sbocco nella vallata principale forma un ampio conoide alluvionale sul quale si è sviluppata la città di Aosta.

Nel capoluogo, nei pressi dell'Arco di Augusto, si conserva il ponte sul Buthier, di cui oggi è visibile solo un'arcata poco distante dal letto del torrente, deviato a causa di un'inondazione. Il ponte, di epoca romana, consentiva l'accesso alla città di Augusta Prætoria Salassorum.

Affluenti[modifica | modifica wikitesto]

I principali affluenti di sinistra sono:

  • il Rû Verdonaz (pron. Verdonà);
  • il torrente Vessonaz (pron. Vessonà)

i principali affluenti di destra sono:

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

La parte bassa della valle presenta affioramenti di calcescisti e metaofioliti delle falde liguri-Piemontesi (Zona del Combin), a cui si sovrappone la falda austroalpina[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b CVA, Centrale di Signayes, su cvaspa.it. URL consultato il 23 novembre 2017.
  2. ^ questi due rami sono di recente formazione, essendo dovuti alla scomparsa alla fine del XX secolo del Basso ghiacciaio di Tsa de Tsan; da alcuni vengono chiamati rispettivamente Buthier de Tsa de Tsan e Buthier des Grandes Murailles, ma tali nomi non sono stati ufficializzati e potrebbero variare.
  3. ^ CVA, Centrale di Quart, su cvaspa.it. URL consultato il 23 novembre 2017.
  4. ^ i travertini post-glaciali della bassa valle del Buthier

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle d'Aosta