Buster Posey

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buster Posey
Buster Posey in 2018 (cropped).jpg
Posey nel 2018
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 185 cm
Peso 98 kg
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Ricevitore, Prima base
Squadra San Francisco Giants
Carriera
Squadre di club
2009-San Francisco Giants
Nazionale
2017 Stati Uniti Stati Uniti
Statistiche
Batte destro
Lancia destro
Media battuta ,302
Valide 1 380
Punti battuti a casa 673
Fuoricampo 140
Punti 595
Basi totali 2 088
Basi rubate 23
Palmarès
World Series 3
MVP della National League 1
All-Star 6
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 2019

Gerald Dempsey Posey, detto "Buster" (Leesburg, 27 marzo 1987), è un giocatore di baseball statunitense che gioca nel ruolo di ricevitore e prima base per i San Francisco Giants della Major League Baseball (MLB).

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Posey il 12 settembre 2010

Posey fu scelto dai San Francisco Giants come quinto assoluto nel Draft MLB 2008. Debuttò nella MLB l'11 settembre 2009, all'AT&T Park di San Francisco, contro i Los Angeles Dodgers. Dopo avere iniziato la stagione 2010 nelle minor league, fu richiamato nelle major league nel mese di maggio. A causa della presenza di Bengie Molina come ricevitore, Posey iniziò inizialmente a giocatore come prima base, ma divenne il catcher titolare dei Giants a giugno quando Molina fu scambiato coi Texas Rangers, la squadra che in seguito i Giants affrontarono, e batterono, nelle World Series. Nella sua stagione da rookie, Posey terminò con una media battuta di .305, con 18 fuoricampo e 67 punti battuti a casa (RBI), venendo premiato come rookie dell'anno della National League. Nei vittoriosi playoff dei Giants, fu il ricevitore in ogni gara della squadra californiana. Nel 2011, Posey saltò la maggior parte della stagione a causa di un grave infortunio dopo una collisione sul piatto di casa base con Scott Cousins.[1][2]

Posey nel 2011

Posey fece ritorno dall'infortunio nel 2012, guidando la National League con una media battuta di .336. Divenne così il secondo giocatore della storia dei San Francisco Giants a vincere il titolo di miglior battitore, venendo premiato come MVP della National League.[3] Quell'anno conquistò le sue seconde World Series, quando i Giants batterono i Detroit Tigers per quattro gare a zero.[4] Nel 2013, Posey firmò un rinnovo contrattuale del valore di 167 milioni di dollari, una somma da record per un giocatore del suo livello di esperienza.[5] L'anno seguente vinse le sue terze World Series, dove i Giants sconfissero i Kansas City Royals. Nel 2016 fu convocato per il suo quarto All-Star Game e vinse il suo primo Guanto d'oro per le sue prestazioni a livello difensivo.[6]

Il 2 luglio 2017, Posey fu convocato come titolare per il suo quinto All-Star Game.[7] A fine anno vinse il quarto Silver Slugger Award dopo avere chiuso con una media battuta di .320, 12 fuoricampo e 67 RBI.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Team USA: 2017

Club[modifica | modifica wikitesto]

San Francisco Giants: 2010, 2012, 2014

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2012
2012, 2013, 2015, 2016, 2017, 2018
2016
2012, 2014, 2015, 2017
2012
  • Miglior battitore della National League: 1
2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chris Haft, Surgery likely for Posey's torn ankle ligaments, su Giants.MLB.com, 26 maggio 2011. URL consultato il 30 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2014).
  2. ^ Buster Posey out for year after surgery, su ESPN.com, 30 maggio 2011. URL consultato il 30 maggio 2017.
  3. ^ Jorge L. Oritz, Comeback kid: Buster Posey wins NL MVP, su USA Today, 15 novembre 2012. URL consultato il 30 maggio 2017.
  4. ^ Tyler Kepner, Buster Posey, the Champions’ Champion, in The New York Times, 29 ottobre 2012. URL consultato il 30 maggio 2017.
  5. ^ Buster Olney e Jayson Stark, Buster Posey signs nine-year deal, in ESPN.com news services (The Associated Press), 30 marzo 2013. URL consultato il 16 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 novembre 2014).
  6. ^ Chris Haft, Posey, Panik, Crawford win Gold Gloves (MLB.com), 8 novembre 2016.
  7. ^ (EN) Rising All-Stars! Elite players Miami-bound (MLB.com), 2 luglio 2017. URL consultato il 3 luglio 2017.
  8. ^ (EN) Silver swoon: 18 sluggers earn hitter honors, in MLB.com, 9 novembre 2017. URL consultato il 10 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN302062213 · ISNI (EN0000 0004 0892 1699 · LCCN (ENn2013031441 · WorldCat Identities (ENn2013-031441