Bug - Insetto di fuoco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bug - Insetto di fuoco
Titolo originale Bug
Paese di produzione USA
Anno 1975
Durata 99 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore, fantascienza
Regia Jeannot Szwarc
Soggetto Thomas Page (romanzo)
Sceneggiatura Thomas Page, William Castle
Fotografia Michel Hugo
Montaggio Allan Jacobs
Musiche Charles Fox
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Bug - Insetto di fuoco (Bug) è un film del 1975 diretto dal regista Jeannot Szwarc; è una pellicola fanta-horror[1] tratta dal romanzo La piaga Efesto (The Hephaestus Plague, 1973)[2] di Thomas Page.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito a un terremoto, un tipo di insetto mai visto prima esce dalle viscere della Terra. L'entomologo James Parmiter scopre che questi insetti hanno la capacità di inescare fuochi. Gli insetti iniziano ad uccidere gli umani ed una delle vittime è proprio la moglie di Parmiter. Le cose peggiorano quando, in seguito ad un esperimento d'ibridazione compiuto da Parmiter, gli insetti dimostrano di essere divenuti intelligenti.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito in Italia dalla C.I.C. nel marzo 1976. Doppiaggio affidato alla SINC Cinematografica.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Sostenuto dall'esperienza del produttore e regista William Castle (che nel film fa una breve apparizione), Szwarc debutta alla regia firmando una storia in bilico tra horror e fantascienza che punta più allo spettacolo che a sviluppare le possibili chiavi di lettura del soggetto. [...] L'insetto di fuoco, rappresenta l'esplosione del mistero all'interno di un mondo dominato dalle leggi naturali e dalla scienza. Contribuiscono alla riuscita del film le riprese documentaristiche di Ken Middleham. »
(Fantafilm[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Bug - Insetto di fuoco, in Fantafilm.
  2. ^ Thomas Page, La piaga Efesto, Urania n. 664, Mondadori, Milano, 16 febbraio 1975

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]