Buddhismo in Africa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il buddhismo, in quanto una delle religioni maggiori del mondo, vien praticato anche in Africa. Pur essendovi stati casi di conversione da parte di africani, la maggior parte dei buddhisti in Africa sono di origini asiatiche, soprattutto cinesi, vietnamiti, singalesi o giapponesi emigrati.

Il Sudafrica ospita la più grande e varia popolazione buddhista dell'intero continente; secondo le stime del 2010 gli aderenti alla fede buddhista (venendo ad includere tra questi anche i praticanti del taoismo e della religione popolare cinese) sono in aumento, tra lo 0,2%[1] e lo 0,3%[2] della popolazione sudafricana, corrispondente a circa 100-150 mila persone.

Le nazioni e i territori africani dell'oceano indiano hanno anch'esse significative minoranze buddhiste. Le isole Mauritius hanno la più alta percentuale di buddhisti - tra l'1,5%[3] e il 2%[4] della popolazione totale - di tutti paesi africani, a cusa dell'elevato numero di persone di origine cinese (circa 40 mila, ossia il 3% degli abitanti delle Mauritius[5]); ma il numero di effettivi praticanti buddhisti è solo circa lo 0,4%[6]. L'isola di Madagascar è la sede di circa 20 mila[7] buddhisti, più o meno lo 0,1%[8] della popolazione totale. Nelle Seychelles e a Riunione i buddhisti rappresentano all'incirca tra lo 0,1%[9][10] e lo 0,2%[1][11] degli abitanti insulari.

In nordafrica circa lo 0,3%[1][12] (20 mila persone) dell popolazione della Libia è buddhista (per lo più lavoratori stranieri provenienti dal continente asiatico); vi sono inoltre due centri buddhisti a Casablanca, in Marocco[13].

Ci trovano alcuni centri o templi buddhisti nell'Africa sub-sahariana in paesi come il Botswana[14], Camerun[15], Costa d'Avorio[16], Ghana[17], Guinea[18], Kenya[19], Lesotho[20], Liberia[21], Malawi[22], Mali[23], Namibia[24], Nigeria[25], Sierra Leone[26], Swaziland[27], Tanzania[28], Togo[29], Uganda[30], Zambia[31] e Zimbabwe[32].

Ci sono stati anche casi riguardanti alcune celebrità di alto profilo che si sono convertiti al buddhismo, come ad esempio Adewale Akinnuoye-Agbaje, un famoso attore britannico di origini nigeriane[33].

Uno dei pochissimi monaci di origine africana è il venerabile Bhante Buddharakkhita proveniente dall'Uganda, fondatore del "Buddhist Centre" Ugandese.

Nazioni/Territori Praticanti buddhisti
(stime del 2010)[34]
Religione popolare cinese
(stime del 2010)[35]
Somma
Africa orientale
Burundi Burundi - - -
Comore Comore - - -
Gibuti Gibuti - - -
Eritrea Eritrea - - -
Etiopia Etiopia 1,327 - 1,327
Kenya Kenya 1,276 1,945 3,221
Madagascar Madagascar 5,178 10,357 15,535
Malawi Malawi imprecisato[22][36] - -
Mauritius Mauritius 3,222 17,292 20,514
Mayotte Mayotte (Francia) - - -
Mozambico Mozambico 2,035 4,341 6,376
Riunione Riunione (Francia) 1,570 - 1,570
Ruanda Ruanda - - -
Seychelles Seychelles imprecisato[9] imprecisato[10] -
Somalia Somalia - - -
Sudan del Sud Sudan del Sud - - -
Tanzania Tanzania 10,157 23,699 33,856
Uganda Uganda 2,005 4,278 6,283
Zambia Zambia 3,927 8,377 12,304
Zimbabwe Zimbabwe 189 402 591
Africa centrale
Angola Angola 1,632 162 1,794
Camerun Camerun 353 753 1,106
Rep. Centrafricana Repubblica Centrafricana - - -
Ciad Ciad 1,684 3,593 5,277
Rep. del Congo Repubblica del Congo - 283 283
RD del Congo Repubblica Democratica del Congo 3,734 - -
Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale - - -
Gabon Gabon - - -
São Tomé e Príncipe São Tomé e Príncipe - - -
Nordafrica
Algeria Algeria 5,320 11,350 16,670
Egitto Egitto 1,687 - -
Libia Libia 20,209 1,773 21,982
Marocco Marocco available[13] - -
Sudan Sudan 982 2,094 3,076
Tunisia Tunisia 79 168 247
Sahara Occidentale Sahara occidentale - - -
Africa meridionale
Botswana Botswana 1,120 111 1,231
Lesotho Lesotho imprecisato[20] - -
Namibia Namibia imprecisato[24] - -
Sudafrica Sudafrica 159,220 35,589 194,809
Swaziland Swaziland imprecisato[27] - -
Africa occidentale
Benin Benin - - -
Burkina Faso Burkina Faso imprecisato[37] - -
Capo Verde Capo Verde - - -
Costa d'Avorio Costa d'Avorio 9,869 - -
Gambia Gambia - - -
Ghana Ghana 488 707 1,195
Guinea Guinea 8,983 - -
Guinea-Bissau Guinea-Bissau - - -
Liberia Liberia imprecisato[21] - -
Mali Mali imprecisato[23]
Mauritania Mauritania - - -
Niger Niger - - -
Nigeria Nigeria 8,458 4,675 13,133
Senegal Senegal 1,679 398 2,057
Sierra Leone Sierra Leone imprecisato[26][38]
Togo Togo imprecisato[29][39] - -
Africa 256,383 132,348 388,731

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Global Religious Landscape - Religious Composition by Country, The Pew Forum. URL consultato il 28 luglio 2013.
  2. ^ Religious Adherents, 2010 – South Africa, World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  3. ^ Religious Adherents, 2010 – Mauritius (0.2% Buddhist + 1.3% Chinese Folk Religion), World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  4. ^ Buddhism in Mauritius (1981), Adherents.com. URL consultato il 20 novembre 2011.
  5. ^ Background Note: Mauritius, U.S. Department of State, U.S. Department of State, 2010. URL consultato il 24 marzo 2012.
  6. ^ Resident population by religion and sex (PDF), Statistics Mauritius, p. 68. URL consultato il 1º novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013).
  7. ^ religiousintelligence.co.uk - Madagascar
  8. ^ Religious Adherents, 2010 - Madagascar, World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  9. ^ a b Seychelles Travel Guide - Religion
  10. ^ a b Religious Adherents, 2010 - Seychelles, World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  11. ^ Religious Adherents, 2010 – Réunion, World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013.
  12. ^ Religious Adherents, 2010 - Libya, World Christian Database. URL consultato il 28 luglio 2013., AllGov - Libya
  13. ^ a b List of Buddhist centers in Morocco, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  14. ^ List of Buddhist centers in Botswana, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  15. ^ List of Buddhist centers in Cameroon, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  16. ^ List of Buddhist centers in Cote d'Ivoire, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  17. ^ List of Buddhist centers in Ghana, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  18. ^ state.gov, state.gov. URL consultato il 28 luglio 2013.
  19. ^ List of Buddhist centers in Kenya, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  20. ^ a b state.gov
  21. ^ a b state.gov, state.gov. URL consultato il 28 luglio 2013.
  22. ^ a b Amitofo Care Center, Malawi
  23. ^ a b List of Buddhist centers in Mali, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  24. ^ a b state.gov - Namibia, state.gov. URL consultato il 28 luglio 2013.
  25. ^ Nigeria News - Being Buddhist
  26. ^ a b SGI-Sierra Leone Hosts Buddhist Seminar Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive.
  27. ^ a b First Buddhist funeral in Swaziland, Times of Swaziland. URL consultato il 28 luglio 2013.
  28. ^ state.gov - Tanzania, List of Buddhist centers in Tanzania
  29. ^ a b Fostering Peace in Togo
  30. ^ First Buddhist center in Uganda
  31. ^ Buddhist Study Exams Held in Zambia, Korea and the USA Archiviato il 31 luglio 2013 in Internet Archive.
  32. ^ state.gov, state.gov. URL consultato il 30 luglio 2013.
  33. ^ http://www.metro.co.uk/showbiz/interviews/19172-60-seconds-adewale-akinnuoye-agbaje
  34. ^ Most Buddhist Nations (2010) | QuickLists | The Association of Religion Data Archives
  35. ^ Most Chinese Universist Nations (2010) | QuickLists | The Association of Religion Data Archives
  36. ^ "Buddha In Africa" (Story Of Malawian Boy Raised In Chinese Orphanage & Trained In Martial Arts) Gets Development Boost
  37. ^ List of Buddhist centers in Burkina Faso, BuddhaNet. URL consultato il 28 luglio 2013.
  38. ^ SGI members in Sierra Leone Organize Buddhist Seminars Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.
  39. ^ SGI-Togo Appoints New Leaders Archiviato il 22 febbraio 2014 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clasquin, Michel / Krüger, Jacobus S. (eds.) (1999): Buddhism and Africa. Pretoria: University of South Africa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]