Bucerius Institute for Research of Contemporary German History and Society

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


L’Istituto Bulcerius per la Ricerca della Societa e della Storia della Germania Contemporanea (מכון בוצריוס לחקר החברה וההיסטוריה הגרמנית בת זמננו) all’Università di Haifa è stato stabilito nel 2001 da ZEIT-Stiftung Ebelin e Gerd Bucerius and dal presidente, Professore Dres. h.c. Manfred Lahnstein.[1] L’Istituto si dedica allo studio sociale e storico della comtemporanea Germania. Il fondatore e primo direttore dell’Istituto è stato Prof. Yfaat Weiss. Dal 2008 Dr. Amos Morris-Reich e il direttore di Bulcerius Istituto.

Ricerca[modifica | modifica sorgente]

L'Istituto promuove la ricerca sulla realtà storica, sociale, culturale e politica della contemporanea Germania e lavora per creare una familiarità e comprensione della moderna Germania tra la comunita accademica.
L'Istituto, inoltre, facilita gli scambi tra la Germania, Europa e Israele La varietà delle tematiche e metodologie che il programma dell’Istitito ha trattato nel passato decennio include questioni sull’identita, migrazione, integrazione, multiculturalismo, cittadinanza e liberalismo, la questione della razza, storia visuale e la storia della scienza nel contesto tedesco, israeliano ed europeo.
L'Istituto Bucerius vuole coinvolgere differenti discipline e metodologie,periodi storici e contesti geografici nella moderna Germania e nella storia ebraica che possano rivelare aspetti complessi della Germania contemporanea.
L’Istituto e diventato un’importante sede di informazione riguardo specifici sviluppi nel dopo guerra in Germania e in generale in Europa. Questa informazione e regularmente utilizzata dagli studenti e accademici dell'Universita di Haifa e in generale e aperta al pubblico.

Attivita Pubbliche e accademiche[modifica | modifica sorgente]

Ogni anno l’Istituto organizza conferenze, workshops e seminari come “Queer experiences during the Third Reich and the Holocaust" e "Concepts of "Race" in the Humanities", che hanno trattato diverse tematiche di interesse dell’istituto e hanno contribuito a far nascere discussioni tra accademici e studenti. Inoltre eccezionali personaggi pubblici tedeschi come Rita Süssmuth, Josef Joffe e Wolf Biermann[2] hanno tenuto conferenze in occasione di eventi speciali presso l’Istituto. Occasionalmente, l'Istituto organizza eventi speciali, comerassegne cinematografiche e spettacoli musicali, che attiranoun vasto pubblico al di fuori dell'Università. Nel 2007, l'Istituto ha partecipato all'organizzazione di un DEFA/ GDR festival del cinema in materia di "Cinema tedesco da dietro la cortina di ferro" e nel 2008, ha ospitato undramma musicale dal titolo "Il mito e la vita reale di Marlene Dietrich".

Borse di studio e Scambi accademici[modifica | modifica sorgente]

L'Istituto Bucerius ha un attivo programma di scambio per MA ePh.D., per gli studenti con borse di studio. Numerosi studiosi di ricerca in visita hanno tenuto conferenze e seminari sotto gli auspici dell'Istituto. L'Istituto contribuisce alla ricerca della Germania contemporanea in Israele e versocollaborazioni con studiosi provenienti da Israele e dall'estero. L'Istituto Bucerius ha partnerships con diversi istituti di ricerca internazionali, come il Leo Baeck Institute, la Fondazione tedesca-israeliana (GIF) per la Ricerca Scientifica e lo Sviluppo, il Simon Dubnow dell'Istituto di Storia e Cultura Ebraica, l'Istituto di Amburgo per la Ricerca Sociale, L’ Istituto per la Storia degli ebrei tedeschi, il Gruppo di Ricerca "Didattica della Biologia" dell'Università di Jena, le varie fondazioni partito tedesco in Israele, e altri istituti accademici in Germania e Israele.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

Nel marzo 2005, l'Istituto Bucerius ha pubblicato "Memoria eAmnesia: L’Olocausto in Germania", a cura di Gilad Margalit e Yfaat Weiss (in ebraico).[3] Questo volume rappresenta il prodotto finale di un laboratorio settimanale organizzato dall'Istituto Bucerius nel 2001/2002 da parte di ricercatori leader della Shoah in Israele, Germania, Europa e Stati Uniti. Il laboratorio ha utilizzato storiografia, generi letterari e la cinematografia per analizzare le narrazioni riguardanti la vittima, il colpevole, e gli astanti in opere che trattano l'Olocausto. Inoltre, alcuni saggi dal convegno "L'Europa e Israele: quo vadis?", In materia di "Rimigrazione," sono state inserite nel "Libro dell'Anno Leo Baeck Institute 2004".[4] Inoltre, il Prof. Yfaat Weiss ha pubblicato un articolo [5] e, in collaborazione con il Prof. Ulrich Bielefeld, l'editoriale "Mittelweg 36. Il Journal of the Institute di Amburgo per la Ricerca Sociale, Annuario 13 ottobre / novembre 2004".[5]
Ci sono numerose pubblicazioni di membri associati dell'Istituto che hanno a che fare con la storia attuale della Germania e il rapporto tra ebrei e non ebrei in Germania, Europa e Israele".

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Newsletter der Universität Haifa, 03/2001, p. 3, in tedesco.
  2. ^ Newsletter der Universität Haifa, 01/2007, p. 11, in tedesco
  3. ^ Margalit, Gilad and Yfaat Weiss, (eds), Memory and Amnesia: The Holocaust in Germany (in ebraico), Hakibbutz Hameuchad Publishing House Ltd., 2005.
  4. ^ Leo Baeck Institute Yearbook. 49, 2004.
  5. ^ Mittelweg 36, 13 Jg. Oktober/November 2004, pp. 23-33.