Bruno Mascarenhas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bruno Mascarenhas
Nazionalità Portogallo Portogallo
Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 72 kg
Canottaggio Rowing pictogram.svg
Società Circolo Canottieri Roma
Termine carriera maggio 2011
Palmarès
Portogallo Portogallo
Mondiali juniores 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Italia Italia
Olimpiadi 0 0 1
Mondiali 1 1 4
Mondiali under 23 1 0 0
Europei 2 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 3 gennaio 2012

Bruno Miguel Mascarenhas Antunes (Lisbona, 16 luglio 1981) è un ex canottiere, allenatore e direttore tecnico Scrittore portoghese naturalizzato italiano. Commentatore tecnico Raisport Tokyo 2020 Primo ed UNICO al mondo ad aver VINTO UN MONDIALE per il Portogallo INSTAGRAM brunomascarenhas_official

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Portogallo, si è trasferito a Roma nel 1991 con la famiglia, dove ha iniziato a praticare canottaggio al Circolo Canottieri Roma.

Nel 1999 ha vinto sia il mondiale in due di coppia juniores a Plovdiv con la nazionale portoghese, sia il suo primo titolo tricolore (sempre in doppio) ai campionati juniores di Ravenna.

Il 27 giugno 2002 ha acquisito la cittadinanza italiana ed è stato, di lì a poco, convocato dalla nazionale italiana, con la quale ha vinto sia un oro nel due di coppia ai Mondiali Under 23 di Genova, sia una medaglia d'argento nel quattro senza nell'equipaggio formato con Lorenzo Bertini, Catello Amarante I e Salvatore Amitrano ai Mondiali pesi leggeri di Siviglia. Nel 2003, con lo stesso equipaggio, ha vinto le due prove di Coppa del Mondo a Lucerna ed un bronzo ai campionati mondiali di Milano e la stagione successiva ha replicato la doppia vittoria in Coppa del Mondo a Monaco di Baviera e Lucerna. L'equipaggio alle Olimpiadi di Atene 2004 ha conquistato una delle tre medaglie di bronzo del medagliere italiano.

Nel 2005 ha ottenuto un bronzo ai mondiali assoluti di Gifu con il nuovo equipaggio formato da Elia Luini, Salvatore Di Somma e Bertini; nel 2006 ha vinto il terzo titolo tricolore nella specialità del doppio pesi leggeri a Piediluco e confermato l'anno successivo a Ravenna. Nel 2007, ha vinto ai mondiali di Monaco nuovamente con Amitrano e Amarante e Jiri Vlcek. Nella stessa stagione è diventato, con quest'ultimo equipaggio, campione d'Europa a Poznań.

Nel 2008 ha preso parte alle Olimpiadi di Pechino, non superando, però, la semifinale[1].

Nel 2009 ha ottenuto la vittoria ai mondiali di Poznań nella specialità dell'otto pesi leggeri da capovoga. L'anno successivo, ai campionati mondiali di Lake Karapiro, ottiene un terzo posto sulla stessa barca.

Nel 2010 è uscito il suo libro Cinque cerchi olimpici, con prefazione di Giampiero Galeazzi, in cui ripercorre gli anni trascorsi da canottiere fino alla conquista del bronzo olimpico del 2004.

Dal 2010 è testimonial della Campagna Ecologica Mediterraneo da Remare, in collaborazione con la Fondazione Univerde e il già Ministro Dell’Ambiente L’Onorevole Alfonso Pecoraro Scanio.

Ritiratosi dall'attività agonistica nel maggio 2011, dal settembre successivo è divenuto direttore sportivo della sezione canottaggio del Circolo Canottieri Roma.

Nel dicembre 2012 gli viene assegnato il premio “Mito Azzurro” dall’Associazione Nazionale Atleti Olimpici.

Il 19 dicembre 2016 gli viene consegnato un prestigioso riconoscimento, il Premio “Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia” consegnata dall’associazione Nazionale Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia.

Il 28 gennaio 2017 il consiglio della Federazione Italiana Canottaggio ha approvato lo staff proposto del direttore tecnico Francesco Cattaneo, nominando così Mascarenhas collaboratore del capo allenatore dell'under 23 e delle barche non olimpiche maschili.

Nel 2017 la FederCanottaggio gli assegna il Premio “Coraggio e Altruismo” per aver salvato una signora che stava affogando sul fiume Tevere il 9 febbraio del 2016.

Dal 2020 è commentatore televisivo per Rai Sport. Nel 2021 partecipa alla sua terza Olimpiade con la Rai come telecronista ed inviato sul posto a Tokyo 2020.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali under 23[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali juniores[modifica | modifica wikitesto]

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del presidente della Repubblica»
— 2004[2]
Medaglia d'oro al valore atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valore atletico
«Campione mondiale otto pesi leggeri (brevetto 3229)»
— 2009[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ comune.fianoromano.rm.it/Pechino_2008, su comune.fianoromano.rm.it. URL consultato il 3 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2011).
  2. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Bruno Mascarenhas, su quirinale.it. URL consultato il 13 aprile 2011.
  3. ^ Benemerenze sportive di Bruno Mascarenhas, su coni.it, Comitato olimpico nazionale italiano. URL consultato il 29 marzo 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]