Bruno Martino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bruno Martino
Bruno Martino (1965)
Bruno Martino (1965)
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica leggera
Jazz
Periodo di attività 1944-2000
Strumento Pianoforte
Etichetta La voce del padrone, Ariston Records
Album pubblicati 25
Studio 25
Live 0
Raccolte 10

Bruno Martino (Roma, 11 novembre 1925Roma, 12 giugno 2000) è stato un cantante, compositore e pianista italiano, famoso tra gli anni cinquanta e i primi settanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debutta come pianista jazz nel 1940, all'età di quindici anni, suonando di nascosto in un'orchestrina jazz studentesca. Nel 1944 entra in Rai, come pianista dell'Orchestra 013 di Piero Piccioni. Negli anni seguenti ottiene grande successo all'estero, principalmente nel Nord Europa, sperimentando un genere originale, un mix di jazz, canzoni napoletane e sue composizioni. Forte dei consensi ottenuti, tornato in Italia nel 1958, compone canzoni per Caterina Valente, Renato Rascel e Wilma De Angelis. Crea un gruppo, il Quintetto Bruno Martino, formato da Ole Jorgensen (nato a Copenaghen nel 1935, alla batteria), Carlo Pes (alla chitarra), Luciano Ventura (nato a Ferrara nel 1928, al contrabbasso), Bruno Brighetti (nato a Bologna nel 1926, alle trombe, al vibrafono, al trombone e alla fisarmonica); un caso fortuito lo lanciò anche come interprete, quando sostituì il cantante della sua orchestra.

Il suo primo successo fu Kiss me kiss me, lanciato nel programma televisivo Ritmi d'oggi, per la regia di Enzo Trapani; seguirono brani che divennero celebri come Nel duemila, Estate, E la chiamano estate, Jessica, Forse, Sono stanco, Sabato sera, Che sarà di noi, Prova a darmi un bacio, Quando un giorno, Cos'hai trovato in lui, Baciami per domani, Ma tu chi sei e tantissimi altri; diverse poi sono le perle scritte ma rimaste sconosciute.

Moltissimi jazzisti di tutto il mondo hanno interpretato "Estate", brano portato alla visibiltà internazionale dal cantante-chitarrista brasiliano Joao Gilberto, che lo scoprì durante una tournée italiana, lo riarrangiò in versione "bossa" e ne fece uno standard, oggi tra i più eseguiti. Tra le sue versioni più celebri, quelle di Chet Baker, Helen Merrill, Toots Thielemans, Michel Petrucciani, Mike Stern, Joao Gilberto, nonché una delle ultime grandi del vocalismo jazz: Shirley Horn; tra gli Italiani, dapprima la canzone è stata interpretata e portata al successo da Jimmy Fontana, in seguito hanno interpretato "Estate" Mina, Mia Martini, Ornella Vanoni, Vinicio Capossela, La Crus, Irene Grandi, Andrea Bocelli, Claude Nougaro, Sergio Cammariere, Enrico Rava, Orietta Berti, Amalia Gré, Stefano Bollani e Alex Britti.

Partecipò al Festival di Sanremo, del 1961, con il brano A.A.A. Adorabile cercasi, insieme a Jula de Palma, non entrando comunque in finale. Il suo repertorio è stato inoltre interpretato da Fred Bongusto, Peppino Di Capri e Franco Califano.

Nell'agosto e settembre 1979 condusse sulla rete 2 la trasmissione in quattro puntate "Ottantotto tasti e una voce" insieme col pianista Enrico Simonetti con la regia di Gian Maria Tabarelli; sigle della trasmissione erano le sue "Pomeriggio d'agosto" e "Una calda serata d'estate", (arrangiamenti di Victor Bach, col quale avrà poi una lunga collaborazione discografica). Nel 1991 partecipò, interpretando al pianoforte canzoni sue e non, a molte puntate del programma radiofonico, andato in onda anche in TV, "Radio anch'io". Nel giugno 1993 partecipa alla trasmissione "Noi maggiorenni" condotta da Gianni Minà, in cui si esibisce al pianoforte dopo aver ringraziato pubblicamente Piero Piccioni e Armando Trovajoli per avergli "insegnato a suonare il pianoforte". Nel novembre 1993, dal 9 al 28, al teatro Flaiano in Roma si esibisce in venti concerti al pianoforte insieme con Umberto Bindi.

Bruno Martino ha avuto due figli dalla prima moglie, Anna Innocenzi: Walter e Gloria. Walter è uno stimato batterista e compositore, che ha collaborato con i maggiori artisti italiani e molti artisti internazionali (Claudio Baglioni, Renato Zero, Mia Martini, Mina, Rino Gaetano, Antonello Venditti, Fiorella Mannoia, Bob Mintzer, Michael Manring, John Beasley, Mark Eagan, ecc.), oltre ad essere stato uno dei componenti dei Goblin, gruppo che ha composto con Giorgio Gaslini la colonna sonora dei film "Profondo Rosso" e realizzato quella del film "Suspiria" di Dario Argento e, con i Libra (dove suonò prima che nei Goblin), la colonna sonora del film "Shock", regia di Mario Bava.

La seconda moglie, Fiorelisa Calcagno, è autrice dei testi di numerosi brani.

Rimane storica anche l'amicizia col notissimo giornalista sportivo e critico musicale Sandro Ciotti, con cui collaborò per alcuni suoi brani.

Mai dimenticato dal pubblico neanche dopo la fine del suo periodo d'oro, scomparve all'età di 74 anni, il 12 giugno 2000.

Dieci anni dopo, la sua storia viene raccontata attraverso il libro Odio l'estate (Donzelli Editore) scritto dalla giornalista musicale Paola De Simone e pubblicato nel luglio 2010. Il volume è interamente dedicato a Bruno Martino e alla sua canzone più nota, Estate (solo in origine intitolata Odio l'estate), divenuta nel tempo uno standard jazz mondiale. Attraverso il racconto del collaboratore Bruno Brighetti (anche autore del testo di Estate) e della moglie Fiorelisa Calcagno, il libro ricostruisce le tappe più importanti del percorso artistico del musicista romano e ne traccia un ritratto umano dettagliato. A queste voci si aggiungono la prefazione di Vinicio Capossela e le interviste a Sergio Cammariere, Fabrizio Bosso, Renato Sellani e Jimmy Fontana, tutti interpreti di Estate.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1959 - Che me' 'mparato a ffa'/Hasta la vista señora/Il mugiko/Chi balla il calypso (La voce del padrone, 7 EMQ 182; pubblicato come "Orchestra Bruno Martino")
  • 1959 - "Le canzoni del terrore" - Il diavolo, L'annegato del Po, Draculino (vampiro un po' bambino), Quasimodo (la tua gobba ti fa comodo); testi Bruno Brighetti (La voce del padrone, 7E MQ 139, 21/7/1959)
  • 1959 - Perry como sorride e fa, Nel duemila (Bruno Brighetti, Bruno Martino), Kiss me, kiss me, Chianu chiano (La voz de su amo, 7ERL 1303)
  • 1960 - Mustaphà, Al fuoco, Bella Roma (Franco Nebbia), Auguri (La voce del padrone, 7E-MQ168)
  • 1961 - A.A.A.Adorabile cercasi, Al di là, Patatina, Libellule (La voce del padrone, 7E-MQ202)
  • 1961 - Estate, Fermati, Grazie settembre, Ed è subito sera (La voce del padrone, 7EMQ 208)
  • 1962 - Paperon De' Paperoni, Bacco tabacco e Venere, Borsa cha cha cha, Poco pelo (La voce del padrone, 7EMQ 236)
  • 1989 - Amare qualche volta (di Silvestro Longo, Filippo Lazzari), Sorridi, Semplice, Notte blu - arrangiamenti Victor Bach (Ariston, ARQD/051)

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

  • 1959 - I grandi successi di Bruno Martino: T'aspetterò da me, Dracula cha cha cha, È musica, Kiss me kiss me, Belle from Barcelona, I love you bambina, Baby luna, Sono stanco, Se tu mi lascerai, Calypso be-bop, Ho sognato d'amarti, Chica cha cha cha (La voce del padrone, QELP 8012)
  • 1960 - Nuovi successi, Mustaphà, È troppo bello, Il diavolo, Bella Roma (Franco Nebbia), Por dos besos, Love me! Love me!, Coriandoli, La bella, Piangere un po', Marina, È lei, Auguri (MUSICA SURF italiana, HMV QELP 8022)
  • 1963 - O' barquinho, It's the madison time, Ed è subito sera, Pepetè tamuré, La vela bianca, Il cuscino lo sa, Cos'hai trovato in lui, Tu soltanto tu, Roma nun fa la stupida, Adios Brazil, Forse, Se mi vuoi, Paris in the rain, Holly golly madison (La voce del padrone, QELP 8074)
  • 1964 - LP Bruno Martino con orchestra, Il cuore a san Francisco (G. Cory, D. Cross, Biri, V. pallavicini), Forse, La vela bianca (G. Bécaud), Quando tu, Roma non fa' la stupida stasera, Dolce melodia (Festa, Franciosa, Piccioni), Cos'hai trovato in lui, Non m'importa di niente (t. B. Brighetti), Se mi vuoi (G. Calabrese, F. Cerri), Che cosa c'è (G. Paoli), Amavo solo te (Puddle, Mareris), Ciao notte (t. B. Brighetti), (La voce del padrone, QELP 8114)
  • 1965 - Dedicato a te - E la chiamano estate (t. F. Califano, L. Zanin), Mai e poi mai, Ragazza di Ipanema (Giorgio Calabrese - A. C. Jobim), Baciami per domani (Franco Califano - Rodolfo Grieco, B. M.), Dimmi che lo sai, Ora, Fai male (t. Leo Chiosso), Prova a darmi un bacio, Soli tra la gente, Ci rivedremo.
  • 1969 - Sabato sera - Sabato sera (M. Cantini, F. De Bellis, B. M.; arr. Berto Pisano), Storia al mare (t. Vito Pallavicini, m. Umberto Bindi e B. M. - arr. B. Pisano), Che cosa sei di bello (t. Franco Califano - arr. F. Tadini), E non sbattere la porta (t. Antonio Amurri, m. Sergio Coppotelli, B. M.), Quando un giorno (t. Claudio Mattone - m. C. Mattone, B. M.), Dieci giorni senza te (Conte, Barbuto, M.), Che sarà di noi (t. Antonio Amurri, m. S. Coppotelli, B. M.), Io che non avevo amato mai (t. G. Conte), Come fai a dire che è amore (t. G. Conte, m. S. Coppotelli, B. M.), Abitudine di te (t. F. Califano - m. B. M., Fred Bongusto), Un passo falso (t. Antonio Amurri, m. S. Coppotelli, B. M.), Sonia (Conte, Barbuto, M.) - arrangiamenti dove non specificato di M. Salerno (Ariston, AR/LP/10024)
  • 1970 - The Best of Bruno Martino - lato 1: Estate, Roma nun fa la stupida stasera, Forse, Ragazza d'Ipanema, Cos'hai trovato in lui, Rimpiangerai - lato 2: E la chiamano estate, E non sbattere la porta, Baciami per domani, Sonia, Sai, Bastava una parola (Ariston, AR/LP/11008)
  • 1971 - Cos'hai trovato in lui - lato 1: Estate, Nel duemila, Quando tu, Roma nun fa la stupida stasera, Forse, È troppo bello - lato 2: Che cosa c'è, Paperon De Paperoni, Cos'hai trovato in lui, Ho sognato d'amarti, Sono stanco (Emidisc, LP/50412)
  • 1972 - Ieri, oggi e sempre con Bruno Martino - Basta solo un momento (Barbuto, Martino, Conte), Parlo di te (Barbuto, Martino), Settembre (Ardo, Weill, Anderson), Florinda (Pallavicini, Martino), Sorridi (Chaplin, Ardo, Parsons, Turner), Dormi Serena (Califano, Bongusto), Nel cuore della notte (Pallavicini, Martino), Il mondo si chiamava come te (Zanin, Martino), Settembre sotto la pioggia (Bracchi, Warren), Tracce sul vento di mare (Zanin, Martino), Ti guarderò nel cuore (Ciorciolini, Oliviero, Newell, Toscani), Venerdì (B. & R. Gibb), (Ariston, AR/LP/12070)
  • 1972 - Ieri oggi e sempre - Lato 1: Basta solo un momento (t. G. Conte, m. B. M. - Aniello Barbuto), Parlo di te, September song, Florinda, Sorridi, Dormi serena - Lato 2: Nel cuore della notte, Il mondo si chiamava come te, September in the rain, Tracce di vento sul mare, More, Venerdì (Ariston, AR/LP/12070)
  • 1975 - I love you - Maria, Angela, Ruby, Gloria, Roberta, Michelle, Laura, Nancy, Frida, Florinda
  • 1977 - In the night - Ma come mai stasera, Smile, Love is the many splendered thing, Forse, I'm in the mood for love, Raccontami di te, More, Jennifer,A woman in love, Cos'hai trovato in lui - Arrangiamenti di Ennio Favilla
  • 1978 - Night games - Ma tu chi sei (t. P. Moroni), Pomeriggio d'agosto (t. Fiorelisa Calcagno), Ma come mai stasera (R. Bertola, B. Martino - arr. E. Favilla), Kiss me, kiss me, 6.0-6.0 (t. F. Calcagno - versione inglese: t. G. Johnson), Una calda serata d'estate (t. F. Calcagno), T'aspetterò (t. Fiorelisa Calcagno), Adesso che c'è lei (t. F. Calcagno), Dribbling (musica e arr. B. Martino), Quando un cantante è triste (M. Terzi, C. A. Rossi) - arrangiamenti Victor Bach (Ariston, AR/LP/12337)
  • 1980 - Il pianoforte e tu - Il pianoforte e tu, Offro lauta mancia (t. Fiorelisa Calcagno), Me dici come fai? (t. M. Casco, P. Moroni), Chissà (M. Terzi - Victorbach), Il tuo silenzio è musica (t. F. Coppola), Resta (t. Stefano Jurgens), Non conoscevo te, Tutte le strade porteno a Roma, Un'altra giornata (testi Fiorelisa Calcagno), Che peccato (Enzo Tortora - Lino Patruno) - Arrangiamenti: Victor Bach (Ariston)
  • 1981 - Starai bene con me - Lato 1: Starai bene con me (t. Stefano Jurgens), Plein soleil (di Alberto Testa, M. Vidalin, Gilbert Becaud), Come Babbo Natale (t. S. Jurgens), Settembre sì (di Pocket, N. Diamond, G. Becaud), Un amore fa (di R. Brizzi, R. Aita) - Lato 2: Dee Jai California (di Victor Bach), Non conoscevo te (t. Fiorelisa Calcagno), Nove giorni a settimana (di A. De Sanctis, A. Varano), Quante volte (di R. Brizzi, R. Aita), Storia d'amore (di A. De Sanctis, A. Varano) - Arrangiamenti e realizzazioni di Victor Bach (Ariston, AR/LP/12389)
  • 1983 - Inconfutabilmente mia - Inconfutabilmente mia (Depsa, Enzo Malepasso), Tu ci sei (t. P. Milella), E tu con me (t. V. Bacchetta), Donna di Barcellona (t. P. Milella), Se todos fossem... iguas a voce (De Moraes, Jobim), Isabel (t. De Sanctis), Stasera a guardare le nuvole (t. M. Coppola), La musica (De Sanctis, Coppus), Brasiliando (Vittorio Bacchetta, Victor Bach), Tu mi puoi cambiare (t. P. Milella) - Arrangiamenti Victor Bach (Ariston, ARLP/12403)
  • 1986 - Innamorarsi mai - Innamorarsi mai (t. Silvestro Longo, m. B. M. e Filippo Lazzari), Vincerai (t. di Victorbach), Estate, Un uomo qualunque (t. Fiorelisa Calcagno, m. B. M. e Filippo Lazzari), Non c'è problema (di Silvestro Longo, Filippo Lazzari), Cos'hai trovato in lui (Ariston, QALP/6)
  • 1989 - Raccolta Innamorarsi mai - Medley Baciami per domani, Ma tu chi sei, E la chiamano estate, A come amore, Jessica, Kiss me kiss me, Dimmi che lo sai, Sono stanco, Estate, Medley Raccontami di te, Forse, A.A.A. adorabile cercasi, Nel 2000, Cos'hai trovato in lui, Innamorarsi mai (testo e musica di Filippo Lazzari), Con quelle gambe (che cha cha cha), Chi balla il calypso

CD[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991 - Lasciamo che sia il tempo - Prima o poi, Notte blu, Chi è solo, Lasciamo che sia il tempo, Se torno a nascere, Amata (Ella) (di F. Maddlone, S. Longo, M. Marinangeli), Portami fortuna, Sorridi (t. W. Pasqualini), Angeli - Arrangiamenti: Alessandro Centofanti - Testi di Silvestro Longo tranne il brano "Sorridi", che è di Walter Pasqualini
  • 1993 - Il nostro concerto (con Umberto Bindi; versioni delle canzoni della raccolta "Innamorarsi mai")

Altri brani[modifica | modifica wikitesto]

  • 1959 - Sono stanco (m. B. M. e Franco Pisano), Baby luna, Chi balla il calypso (testi Bruno Brighetti), Jessica (t. Nisa), Kiss me kiss me (Carol Danell - Armando Trovajoli), Que pasa muchacha
  • 1960 - "A" come amore (testo B. Brighetti)
  • 19?? - Questo è il momento
  • 1961 - AAA Adorabile cercasi (t. B. Brighetti, Vito Pallavicini), Saprò aspettarti
  • 1962 - Con quelle gambe (testo B. Brighetti)
  • 1963 - Precipite(volissimevolmente), Ciao notte, Poco pelo, Rimpiangerai (testi B. Brighetti), Madame (testo di Antonio Amurri)
  • 1964 - Non m'importa di niente (t. B. Brighetti)
  • 1965 - Sei per sei trentasei (t. Alberto Testa), Fai male (t. Leo Chiosso)
  • 1966 - Mister amore (t. B. Brighetti; interpr. N. Arigliano e P. Calvi)
  • 1973 - Ora che te ne vai
  • 1979 - Come in un film (t. Fiorelisa Calcagno)
  • 19?? - Souvenir d'Italie

33 giri - Cover[modifica | modifica wikitesto]

  • 1967 - La Bella - Luna Rossa, Resta Cu 'Mme, Ciuccuariello, Nel blu dipinto di blu, Mustapha, La Bella, Malafemmenena, Come Prima, Lì per lì, Gondolier, Piove, Guaglione
  • 1972 - I remember 1940 (ARISTON AR/LP 12081) - Smoke get's in your eyes, September in the rain, Over the rainbow, Night and day, Il valzer delle candele, La mer, Blue moon, Dove e quando, September song, The continental, La vie en rose, Tea for two
  • 1973 - I remember 1945 (ARISTON AR/LP 12098) - Laura, All the things you are, Blue gardenia, Johnny guitar, Mack the knife, Summertime, I'm in the mood for love, Stranger in paradise, Long ago, Besame mucho, As time goes by, I left my heart in San Francisco
  • 1974 - I remember 1947 (ARISTON AR/LP 12118): Too young, Yesterday, I love paris, Indian summer, Lady be good, Poinciana, Fontana di Trevi, Somebody loves me, Flamengo, A woman in love, Day by day, I've got you under my skin
  • 1974 - I remember 1950 (ARISTON AR/LP 12137) - Love is a many splendored thing, Tell me why, Gloria, Embraceable you, Moon river, Someone to watch over me, I know why, It had to be you, Canzone di Orfeo, Dreams, Tenderly, Venus
  • 1978 - I remember 1955 (ARISTON LP 12309)- Misty, Sunny, Love letters, Piove, C'est magnifique, Arrivederci, Magic moment, 'Na voce 'na chitarra, Concerto d'autunno, Cry me a river

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Martino Bruno, di Fabrizio Zampa, pagg. 1014-1015
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Bruno Martino, pag. 783
Controllo di autorità VIAF: (EN87155458