Bruno Bertotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bruno Bertotti (Mantova, 1930[2]) è un fisico italiano, professore emerito[1] presso l'Università di Pavia. È uno degli ultimi allievi in vita di Erwin Schrödinger[senza fonte].

Bertotti è noto per i suoi contributi alla relatività generale, in particolare per la metrica di Bertotti-Robinson, una soluzione delle equazioni di Einstein. Ha altresì ottenuto una misura più accurata del parametro gamma del formalismo post-newtoniano parametrizzato con l'esperimento Cassini[3]. Detto parametro misura la curvatura dello spazio in teorie metriche della gravità ed è uguale a uno nella relatività generale.[4]

È stato in visita all'Institute for Advanced Study di Princeton negli anni 1958-59.[5]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro ai Benemeriti della Scienza e della Cultura - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro ai Benemeriti della Scienza e della Cultura
— 1 giugno 2007[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1] INFN Sezione di Pavia: personale non associato.
  2. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/bertotti_(Dizionario-delle-Scienze-Fisiche)/
  3. ^ Bertotti B., Iess L., Tortora P., A test of general relativity using radio links with the Cassini spacecraft in Nature, vol. 425, n. 6956, 2003, pp. 374–376. Bibcode:2003Natur.425..374B, DOI:10.1038/nature01997, PMID 14508481.
  4. ^ B. Bertotti, R. Catenacci, C. Dappiaggi, Pseudospheres in geometry and physics: from Beltrami to De Sitter and beyond in ArXiv, 2005.
  5. ^ [2] Institute for Advanced Study
  6. ^ [3] Le onorificenze della Repubblica Italiana: Bertotti Bruno