Brownleeite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Brownleeite
Classificazione Strunz (ed. 10)1.BB.15
Formula chimicaMnSi[1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallinomonometrico
Sistema cristallinoisometrico[1]
Parametri di cellaa=4,557, V=94,63, Z=4[1]
Gruppo spazialeP 213[1]
Proprietà fisiche
Densità2,913 (calcolata)[1] g/cm³
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La brownleeite è un minerale la cui descrizione è stata pubblicata nel 2010 in base ad un ritrovamento avvenuto in polvere proveniente dallo spazio ed approvato nel 2008 dall'IMA nel 2008.[1][2] Il nome è stato attribuito in onore dell'astronomo statunitense Donald Brownlee.[3]

Chimicamente è un siliciuro di manganese.[4]

La brownleeite è stata trovata sotto forma di tre grani irregolari di dimensione di 100, 200 e 250 nm.[1]

Origine e giacitura

[modifica | modifica wikitesto]

La brownleeite è stata scoperta nella polvere raccolta da aeroplani in volo ad alta quota presumibilmente proveniente dalla coda della cometa 26P/Grigg-Skjellerup attraversata dalla Terra nell'aprile 2003.[4]

  1. ^ a b c d e f g (EN) K. Nakamura-Messenger, Keller L. P., Clemett S. J., Messenger S., Jones J. H., Palma R. L., Pepin R. O., Klöck W., Zolensky M. E., Tatsuoka H., Brownleeite: A new manganese silicide mineral in an interplanetary dust particle, in American Mineralogist, vol. 95, 2010, pp. 221-228.
  2. ^ (EN) P. A., Hatert F., Pasero M. Williams, New minerals approved in 2008 (PDF), in International Mineralogical Association, 2008, pp. 1-13. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  3. ^ Brownleeite mineral information and data, su mindat.org. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  4. ^ a b (EN) K. Nakamura-Messenger, Keller L. P., Clemett S. J., Jones J. H., Palma R. L., Pepin R. O., Klöck. W., Zolensky M. E., Messenger S. anno=2008, New manganese silicide mineral phase in an interplanetary dust particle (PDF), in Lunar and Planetary Science, vol. 39, pp. 2103-2103. URL consultato il 24 gennaio 2013.

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia