Brothers: A Tale of Two Sons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brothers: A Tale of Two Sons
videogioco
PiattaformaXbox 360, Microsoft Windows, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox One, Windows Phone
Data di pubblicazioneXbox 360:
Mondo/non specificato 7 agosto 2013

Microsoft Windows:
Mondo/non specificato 3 settembre 2013
PlayStation 3:
Giappone 28 gennaio 2014
Flags of Canada and the United States.svg 3 settembre 2013
Zona PAL 4 settembre 2013

PlayStation 4 e Xbox One:
Mondo/non specificato 7 agosto 2013
GenereAvventura, rompicapo
TemaAstratto
SviluppoStarbreeze Studios
Pubblicazione505 Games, Spike Chunsoft
DesignJosef Fares
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad, Sixaxis o DualShock 3, Tastiera
Distribuzione digitaleXbox Live, Steam, PlayStation Network
Fascia di etàCEROD · ESRBT · OFLC (AU): M · PEGI: 16+

Brothers: A Tale of Two Sons è un videogioco d'avventura scaricabile, sviluppato da Starbreeze Studios e pubblicato da 505 Games, distribuito il 7 agosto 2013 per Xbox Live Arcade ed il 3 settembre 2013 per Steam e PlayStation Network.

Descrizione del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Brothers si presenta come un gioco con protagonisti due fratelli, con visuale dall'alto in terza persona. I fratelli sono controllati individualmente per mezzo delle due levette analogiche del controller. L'utilizzo dei tasti dorsali attiva invece il comando per interagire col mondo di gioco ed è relativo al fratello corrispondente al lato del pad utilizzato, le azioni contemplano cose come parlare con i personaggi non giocanti o arrampicarsi su una scala e prendere un oggetto. Il fratello maggiore è quello più forte dei due e può tirare leve o lanciare il fratello minore verso le alture, quest'ultimo invece è in grado di passare attraverso le sbarre. Il giocatore prosegue nel gioco manipolando entrambi i fratelli allo stesso tempo allo scopo di risolvere diversi puzzle ambientali, spesso viene richiesto di controllare i due protagonisti per effettuare azione differenti ma contemporanee (ad esempio uno può distrarre un ostile, mentre l'altro ne approfitta per aggirarlo indenne). È possibile che uno od entrambi i fratelli possano scivolare da grandi altezze, ferendosi o trovando la morte, in questi frangenti il gioco ricomincia dal checkpoint più recente.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Estratto dal sito ufficiale: "Un uomo in fin di vita. Ai suoi due figli, alla disperata ricerca di una cura per il padre, non resta che un'opzione: devono imbarcarsi in un viaggio per trovare e recuperare l'Acqua della Vita, facendo affidamento uno sull'altro per sopravvivere. Uno dev'essere forte dove l'altro è debole, coraggioso dove l'altro ha paura ed entrambi devono comportarsi come veri fratelli." Il gioco si apre con la presentazione del fratello più piccolo, inginocchiato a pregare davanti alla tomba di sua madre. Viene in seguito mostrato un flash back dove il ragazzo in compagnia della madre stanno facendo un giro in barca. Colti da una improvvisa tempesta la madre viene sbalzata fuori per poi essere trascinata via dalle correnti. Benche il fratello più piccoli si buttu in mare per salvarla non vi riesce. Ciò segnerà la sua vita avendo da quel momento in poi paura dell'acqua. Il fratello più grande chiama in quel momento il minore per aiutarlo a trasportare il padre, sopra un carretto dal medico del villaggio poiché colto da una malattia grave. Portato dentro alla sua abitazione il medico, comprende infine che la sola cosa che possa salvarlo è la linfa vitale di un albero magico nascosto nelle terre inesplorate oltre il loro villaggio. I due fratelli facendosi coraggio decidono di partire per salvare il proprio padre, benché questi tenti di fermarli considerando il viaggio troppo pericoloso. Mentre attraversano il villaggio i due fratelli vengono constantemente ostacolati da un ragazzino del posto, molto probabilmente rivale del fratello maggiore. I due fratelli collaborando insieme riescono tuttavia a batterlo, proseguendo poi il traggito. Arrivati alle pendici delle montagne, trovano su un bordo roccioso una capanna, che si intuisce non sia umana date le sue dimensioni. Infatti davanti alla porta si presenta infine un troll di montagna. Benché all'inizio impauriti, i due fratelli si accorgono subito che il grosso troll è buono e pacifico. I due fratelli chiedono infine al troll informazioni sull'albero della vita. Il troll afferma che l'albero si trova oltre le montagne innevate alle loro spalle. Il troll tuttavia implora aiuto ai due fratelli poiché la sua compagna è stata rapita da altri troll delle caverne di indole crudele. I due fratelli accettano e il troll aiuta i due ragazzi a risalire la montanga per poter raggiungere l'entrata delle caverne.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Brothers: A Tale of Two Sons, ufficialmente conosciuto come P13, è stato sviluppato da Starbreeze Studios ed è stato il loro primo gioco pubblicato in collaborazione con 505 Games.[1] Il gioco utilizza Unreal Engine 3[2] ed è stato progettato in collaborazione col pluripremiato regista Svedese Josef Fares.[3]

Sorti del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Ha vinto il premio come Best Xbox Game,ovvero il premio per il miglior gioco indie del 2013 VGX Award Show (Spike Video Game Awards; VGAs), in competizione con Grand Theft Auto V, BioShock Infinite, e Tomb Raider.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Starbreeze AB acquires P13 Project, in Reuters. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  2. ^ Erik Kain, 'Brothers: A Tale Of Two Sons' Looks Gorgeous, Comes To PC And Consoles Next Spring, in Forbes, 27 settembre 2012. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  3. ^ Ryan McCaffrey, Is Starbreeze's Brothers the next Journey, in IGN, 29 ottobre 2012. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  4. ^ Spike VGX Awards 2013 Archiviato il 27 febbraio 2015 in Internet Archive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi