Brixia Mod. 1913

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati per "Brixia", vedi Brixia.
Brixia Mod. 1913
Pistola automatica mod. 1913 tipo "Regia Marina"
Brixia 1913.jpg
Tipopistola semiautomatica
OrigineItalia Italia
Impiego
UtilizzatoriItaliaRegia Marina
ConflittiPrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Produzione
Data progettazione1912
CostruttoreMetallurgica Bresciana già Tempini (MBT)
Entrata in servizio1913
Ritiro dal servizio1945
Descrizione
Pesoscarica: 950 g
carica: 1.000 g
Lunghezza211 mm
Lunghezza canna95 mm
Rigatura6 righe destrorse
Munizioni9 × 19 mm Glisenti
Azionamentocorto rinculo, azione singola, percussore lanciato
Velocità alla volata270 m/s
Tiro utile30 - 60 m
Alimentazionecaricatore monofilare da 7 colpi
Organi di miratacca di mira e mirino, metalliche fisse
voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Brixia Mod. 1913, denominata ufficialmente dalla Regia Marina Pistola automatica modello 1913 tipo "Regia Marina"[1], è una versione della pistola semiautomatica Glisenti Mod. 1910.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Glisenti Mod. 1910, la prima pistola semiautomatica in dotazione alle forze armate del Regno d'Italia, ebbe il battesimo del fuoco durante la Guerra italo-turca; durante questo conflitto la Regia Marina riscontrò una certa debolezza strutturale nell'arma e questo portò alla produzione da parte della stessa Metallurgica Bresciana già Tempini di una versione irrobustita e semplificata della Glisenti. L'arma, adottata ufficialmente come Pistola automatica modello 1913, è conosciuta come Brixia Mod. 1913, dal nome latino della città di Brescia; altro nome non ufficiale, spesso usato in virtù dell'anno di progettazione, è Brixia Mod. 1912.

L'arma affiancò nella Regia Marina la Mauser C96 (ufficialmente Pistola automatica modello 1899) per tutta la durata della prima guerra mondiale. La sua sostituzione iniziò con l'adozione della Beretta Mod. 17 prima e Beretta M34 poi, ma trovò ancora impiego, come la Glisenti, durante la seconda guerra mondiale.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Glisenti Modello 1910 § Caratteristiche.
Sopra: blocchetto modificato della Brixia, con sede fresata nel pieno mentre (sotto) nella Glisenti era imperniato su un solo lato.

La Brixia mantiene sostanzialmente l'impostazione generale ed il funzionamento meccanico della Glisenti Mod. 1910, mentre le modifiche riguardarono un certo irrobustimento complessivo, l'aspetto esteriore, una semplificazione dei processi produttivi ed alcuni accorgimenti sulle sicure[2].

Il carrello/culatta ed il fusto sono inspessiti (e rendono ragione dell'aumento di peso complessivo dell'arma), mentre esternamente sono lisci, senza le sporgenze e rientranze della Glisenti. Le guancette sono in ebanite, con lo stemma sabaudo più piccolo e sono fissate da una vite ciascuna invece che ad incastro. Manca la chiavetta/cacciavite e l'aggancio per il correggiolo è costituito da un anello sporgente sagomato.

Brixia smontata.

L'irrobustimento riguarda soprattutto la meccanica interna: infatti il blocchetto rotante non è più imperniato sul lato destro del fusto, ma è libero di ruotare in un alloggiamento fresato nel pieno del castello[3]. L'arma mantiene la sicura manuale a farfalla sull'otturatore, mentre manca quella nell'impugnatura agente sul grilletto. Invece monta una sicura automatica, detta "sicura a prova di stupido", che blocca il grilletto quando il caricatore non è inserito; per lo "stupido" del nomignolo si intende l'operatore che maneggia l'arma come se fosse scarica per il solo fatto di aver rimosso il caricatore, non considerando l'eventuale colpo in canna. Il dispositivo è costituito da una leva fissata sulla cartella amovibile che va a bloccare il grilletto, mentre viene scostata quando si inserisce il caricatore[4].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Glisenti Modello 1910 § Azione.

Il funzionamento è lo stesso della Glisenti Mod. 1910 ideato da Abiel Bethel Revelli ed simile è anche la procedura di smontaggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Istruzioni militari per la Regia Marina - Pistole automatiche: mod. 1899 e mod. 1913 tipo "Regia Marina", Ministero della Marina - Direzione generale di artiglieria ed armamenti, Roma 1915.
  2. ^ L. Salvatici, op. cit. pag. 205.
  3. ^ L. Salvatici, op. cit. pag. 255.
  4. ^ Ibidem.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pistole militari italiane - Regno di Sardegna e Regno d'Italia, 1814-1940, Luciano Salvatici, Editoriale Olimpia, Firenze 1985.
  • Le cinque vite della Glisenti 1910, Emanuele Marcianò ed Adriano Simoni, Ermanno Albertelli Editore.
  • Pistole e Revolver, Enrico Lappiano, F.lli Melita Editori, La Spezia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]