Brivido caldo (album Matia Bazar)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brivido caldo
ArtistaMatia Bazar
Tipo albumStudio
Pubblicazione2000
Durata54:42
Dischi1
Tracce13
GenereMusica leggera
Synth pop
Musica elettronica
Folk rock
EtichettaColumbia
ProduttorePiero Cassano
Giancarlo Golzi
ArrangiamentiFabio Perversi, con Cassano 1,2,3,5,7,9,11
RegistrazioneStudi Hyde Park (Vimodrone, MI), Nikto (MI)
FormatiCD
Matia Bazar - cronologia
Singoli
  1. Brivido caldo
    Pubblicato: febbraio 2000
  2. Non abbassare gli occhi
    Pubblicato: 2000

Brivido caldo è il sedicesimo album dei Matia Bazar, pubblicato dall'etichetta discografica Columbia su CD (catalogo 997 4 97796 2) nel 2000, anticipato dal singolo Brivido caldo (2000)[1][2].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Primo album della nuova formazione, fa seguito ai consensi ottenuti dal singolo Brivido caldo, presentato al Festival di Sanremo 2000 (ottavo posto)[3].

Vede il ritorno del compositore, polistrumentista, ex-membro fondatore del gruppo ed ora anche produttore discografico, Piero Cassano; gli esordi di Silvia Mezzanotte come cantante solista al posto di Laura Valente e del musicista e arrangiatore Fabio Perversi in sostituzione di Sergio Cossu; la costante presenza del batterista Giancarlo Golzi, unico membro storico a non aver mai lasciato il gruppo.

Sempre nel 2000, viene pubblicato anche in lingua spagnola con il titolo tradotto in Escalofrío cálido.

In Tu dove sei suona la chitarra Carlo Marrale, ex chitarrista del gruppo.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Sono tutti cantati da Silvia Mezzanotte e per la maggior parte inediti, eccetto i seguenti 4 pezzi classici del gruppo, ri-arrangiati per valorizzare la voce di Silvia.

Titolo con Antonella Ruggiero con Laura Valente con Silvia Mezzanotte con Roberta Faccani
Solo tu 1977 - L'oro dei Matia Bazar 2000 - Brivido caldo
2002 - Messaggi dal vivo (live)
Vacanze romane 1983 - Tango 1995 - Radiomatia "
"
Ti sento 1985 - Melanchólia " "
"
2007 - One1 Two2 Three3 Four4
Cavallo bianco 1975 - Matia Bazar 1 " "
"

La tabella riassume le versioni su album registrate da tutte le soliste del gruppo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD
  1. Brivido caldo – 4:05 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  2. Vorrei averti qui – 4:14 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  3. Non abbassare gli occhi – 4:13 (testo: Aldo Stellita – musica: Piero Cassano)
  4. Solo tu – 3:32 (testo: Aldo Stellita – musica: Piero Cassano, Carlo Marrale)
  5. Tu dove sei – 3:49 (testo: Giuseppe Andreetto, Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  6. Aspettando te – 4:31 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  7. Fuori da tutto – 4:00 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Fabio Perversi, Piero Cassano)
  8. Vacanze romane – 4:46 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Carlo Marrale)
  9. Finirà questa notte – 4:29 (testo: Stefano Piro, Giuseppe Andreetto, Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  10. Ti sento – 4:54 (testo: Aldo Stellita – musica: Sergio Cossu, Carlo Marrale)
  11. Un giorno d'aprile – 5:00 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  12. Cavallo bianco – 4:55 (testo: Giovanni Belfiore, Aldo Stellita – musica: Piero Cassano, Carlo Marrale)
  13. Sissy (strumentale) – 2:14 (musica: Fabio Perversi, Piero Cassano)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Escalofrío cálido[modifica | modifica wikitesto]

Escalofrío cálido
ArtistaMatia Bazar
Tipo albumStudio
Pubblicazione2000
Durata55:18
Dischi1
Tracce13
GenereMusica leggera
Pop
Musica elettronica
Folk rock
EtichettaKonga Music
ProduttorePiero Cassano
Giancarlo Golzi
FormatiCD

Escalofrío cálido è la versione destinata al mercato latino del corrispondente album italiano Brivido caldo dei Matia Bazar, pubblicata in Spagna su CD dall'etichetta discografica Konga Music (catalogo CXCD 257) nel 2000.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

NON è presente nella discografia ufficiale del gruppo[1], verosimilmente perché la stessa riporta solo incisioni pubblicate in Italia.

Tutti i brani sono cantati da Silvia Mezzanotte.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

Le 5 nuove canzoni dell'album Brivido caldo sono proposte nell'inedita versione in spagnolo, mentre gli altri pezzi sono in italiano. Viene anche mantenuta la stessa 'scaletta' di presentazione.

Dei 4 classici del gruppo, compaiono in lingua spagnola l'inedito Vacaciones romanas e Te siento, invece Solo tu e Cavallo bianco sono in italiano.

Te siento[modifica | modifica wikitesto]

Versione cantata da Silvia Mezzanotte con testo diverso, più aderente a quello italiano. Il brano era già stato pubblicato, con la voce solista di Ruggiero, sui dischi destinati ai mercati latini: nel 1985 sull'album Melancolía (MoiMix remix) e nel 1986 sul singolo ufficiale. Quest'ultimo è stato anche inserito, rimasterizzato, nella raccolta Fantasia - Best & Rarities del 2011.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD Spagna (Konga Music CXCD 257)

  1. Escalofrío cálido (Brivido caldo) – 4:11 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  2. Quisiera verte aquí[4] (Vorrei averti qui) – 4:17 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  3. No bajes los ojos (Non abbassare gli occhi) – 4:06 (testo: Aldo Stellita – musica: Piero Cassano)
  4. Solo tu – 3:35
  5. Tu dove sei – 4:03
  6. Esperándote (Aspettando te) – 4:33 (testo: Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  7. Fuori da tutto – 4:04
  8. Vacaciones romanas (Vacanze romane) – 4:47 – Inedito
  9. Al final de esta noche[5] (Finirà questa notte) – 4:32 (testo: Stefano Piro, Giuseppe Andreetto, Giancarlo Golzi – musica: Piero Cassano)
  10. Te siento (Ti sento) – 4:57 (testo: Aldo Stellita – musica: Sergio Cossu, Carlo Marrale)
  11. Un giorno d'aprile – 5:01
  12. Cavallo bianco – 4:56
  13. Sissy (strumentale) – 2:16

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Discografia album, Matia Bazar, sito ufficiale. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  2. ^ Matia Bazar: discografia album, Hit Parade Italia. URL consultato l'11 febbraio 2014.
  3. ^ Gino Castaldo, Matia Bazar "Brivido caldo", in Tuttosanremo, recensione, la Repubblica online, 26 febbraio 2000. URL consultato il 29 marzo 2014.
  4. ^ lett. "Mi piacerebbe vederti qui"
  5. ^ lett. "Alla fine di questa notte"

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica