British Army of the Rhine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
British Army of the Rhine
(BAOR)
Panzer Heide.jpg
Carro armato pesante Centurion del British Army of the Rhine nel 1963 nell'area della Landa di Luneburgo
Descrizione generale
Attiva1919-1929
1945-1994
NazioneRegno Unito Regno Unito
ServizioBritish Army
RuoloOccupazione della Renania (1919-1929)
Difesa della settore settentrionale della Repubblica Federale Tedesca insieme agli altri eserciti della NATO (1945-1994)
Dimensione54.900 soldati (1974)[1]
Guarnigione/QGBad Oeynhausen (1945 - 1954)
Rheindahlen (1954 - 1994)
Equipaggiamento900 carri armati (1974)[1]
Battaglie/guerreGuerra fredda
Comandanti
Degni di nota1919-1929:
Herbert Plumer
William Robertson
1945-1994:
Bernard Montgomery
Richard McCreery
Brian Horrocks
John Harding
Richard Gale
John Hackett
Nigel Bagnall
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Con il termine Armata britannica del Reno (in lingua inglese British Army of the Rhine o BAOR) si fa riferimento alle forze di occupazione britanniche presenti sul territorio tedesco, stanziate la prima volta al termine della prima guerra mondiale e la seconda volta al termine della seconda guerra mondiale.

In quest'ultimo caso le forze britanniche, con la dissoluzione del Terzo Reich, occuparono un vasto territorio tra lo Schleswig-Holstein e l'attuale Renania Settentrionale-Vestfalia dal 1946 al 1955, anno in cui terminò ufficialmente l'occupazione alleata della Germania. In realtà con l'inizio della Guerra fredda, la missione del BAOR cambiò completamente: il contingente britannico, costituito dalle migliori unità meccanizzate del British Army, divenne l'elemento più efficiente del raggruppamento di forze schierato dalla NATO nel settore settentrionale della Repubblica Federale Tedesca e avrebbe dovuto affrontare un eventuale attacco corazzato del Patto di Varsavia in direzione della Bassa Sassonia.

1919 - 1929[modifica | modifica wikitesto]

Formale foto di gruppo degli ufficiali e dei commissari britannici e francesi fuori la casa del Comandante in Capo delle Armate Alleate di Occupazione, Marienberg.

La prima forza di occupazione venne istituita nel marzo 1919 per mettere in atto l'occupazione della Renania, imposta dalle potenze vincitrici con l'armistizio di Compiègne. L'armata venne composta da cinque corpi d'armata di due divisioni ciascuno, più una divisione di cavalleria:

II Corpo d'Armata: Sir Claud Jacob

IV Corpo d'Armata: Sir Alexander Godley

VI Corpo d'Armata: Sir Aylmer Haldane

IX Corpo d'Armata: Sir Walter Braithwaite sostituito da Ivor Maxse

X Corpo d'Armata: Sir Thomas Morland

Cavalry Division (1st Cavalry Division)

Tuttavia la maggior parte di queste unità vennero progressivamente sciolte, e nel febbraio 1920 in Germania erano presenti solo sei battaglioni:

Nel mese di agosto 1920 Winston Churchill annunciò al parlamento britannico che l'armata britannica in Germania contava ormai soli 13.360 uomini. Le truppe erano situate principalmente nelle vicinanze di Colonia ad un costo mensile approssimativo di £ 300.000.[non chiaro][2]

Dal 1922 la BAOR fu riorganizzata e suddivisa in due brigate:

1st Rhine Brigade

2nd Rhine Brigade

Comandanti in Capo[modifica | modifica wikitesto]

1945 - 1994[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo British Army of the Rhine venne costituita il 25 agosto 1945 a partire dal 21º Gruppo d'Armate del feldmaresciallo Bernard Montgomery che aveva preso parte alla campagna in Occidente del 1944-1945. La sua funzione originaria era di controllare i distretti militari, emanazione locale del governo militare della zona britannica della Germania occupata. Dopo l'assunzione del governo da parte dei civili, divenne esclusivamente la struttura di comando per le truppe in Germania, sgravandosi dei compiti amministrativi civili[4].

Un carro Chieftain in movimento.

Dopo gli eventi che portarono al ponte aereo di Berlino, la minaccia potenziale di un'invasione sovietica della Germania occidentale sembrò diventare concreta e imminente; in particolare i pianificatori alleati della NATO temevano un attacco dell'Armata Rossa attraverso il varco di Fulda e ancor più attraverso il bassopiano germanico in Bassa Sassonia. La BAOR quindi, insieme alle altre forze di occupazione Alleate, diventò responsabile della difesa della Repubblica Federale Tedesca più che della sua occupazione militare derivante dalle clausole degli accordi di Potsdam. Divenne quindi la struttura primaria controllante il contributo britannico alla NATO dopo la formazione dell'alleanza nel 1949. La sua formazione primaria da combattimento era il I Corpo d'armata britannico che, insieme ad alcune formazioni corazzate del Bundeswehr e ai contingenti olandesi e belgi, avrebbe dovuto assicurare la difesa della Bassa Sassonia.

Dal 1952 il comandante in capo del BAOR fu anche il comandante del Gruppo d'Armate Settentrionale (NORTHAG - Northern Army Group) della NATO in caso di una guerra totale con l'Unione Sovietica e il patto di Varsavia. La BAOR era inizialmente armata con armi nucleari tattiche[5].

Il BAOR era una formazione pesante interamente meccanizzata che avrebbe avuto un compito difficile ed essenziale in caso di guerra contro il Patto di Varsavia: le sue forze avrebbero costituito la prima linea che avrebbe affrontato l'urto iniziale soprattutto della 3ª Armata d'urto sovietica di cui si aspettava l'attacco, con quattro divisioni carri della Guardia, in direzione della pianura della Bassa Sassonia. Nell'arco del tempo il BAOR variò ripetutamente il suo ordine di battaglia ma rimasero sempre disponibili almeno tre divisioni corazzate pesanti[6]. Negli anni 80 il BAOR era equipaggiato con i carri Challenger e Chieftain assegnati alle tre divisioni corazzate: la 1ª Divisione corazzata, con quartier generale a Verden, e la 3ª Divisione corazzata, con quartier generale a Soest, avrebbero formato lo schieramento di prima linea, mentre la 4ª Divisione corazzata, con quartier generale a Herford, avrebbe costituito l'unità di riserva[6].

I tagli alla difesa dell'Options of Change del 1993 portarono alla sostituzione della BAOR con i 25.000 soldati delle British Forces Germany (BFG) nel 1994.

I comandanti furono:[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AA.VV., Enciclopedia universale Rizzoli-Larousse, vol. XVI, p. 347.
  2. ^ Hansard, Debate 10 August 1920 vol 133 cc204-5
  3. ^ a b Army Commands Archiviato il 5 luglio 2015 in Internet Archive.
  4. ^ British Army of the Rhine, BAOR Locations. URL consultato il 1º novembre 2015.
  5. ^ BAOR (Tactical Nuclear Weapons), Hansard, 30 gennaio 1963. URL consultato il 1º novembre 2015.
  6. ^ a b S. J. Zaloga, Tank war, central front, p. 23.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Original British Army of the Rhine by Richard A. Rinaldi
  • Peter Blume: BAOR – Vehicles Of The British Army Of The Rhine – Fahrzeuge der Britischen Rheinarmee – 1945–1979 Tankograd 2006.
  • Peter Blume: BAOR: The Final Years – Vehicles Of The British Army Of The Rhine – Fahrzeuge der Britischen Rheinarmee – 1980–1994 Tankograd 2007.
  • T.J. Gander: British Army of the Rhine Ian Allan Publishing, Londres 1984.
  • Thomas Laber: British Army of the Rhine – Armored Vehicles on exercise, Concord Publications, Hong Kong 1991.
  • Carl Schulze: British Army Of The Rhine, Diane Pub Co 1995.
  • Graham Watson & Richard A. Rinaldi: The British Army in Germany: An Organizational History 1947–2004 , Tiger Lily Publications LLC 2005.
  • Elspeth Y. O’Riordan, Britain and the Ruhr Crisis, 978-1-349-41471-0, 978-0-230-59900-0 Palgrave Macmillan UK 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4268480-8