Brenno il nemico di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brenno il nemico di Roma
Paese di produzione Italia
Anno 1963
Durata 95 min
Rapporto 2.35 : 1
Genere epico, storico, azione
Regia Giacomo Gentilomo
Soggetto Arpad DeRiso, Nino Scolaro
Sceneggiatura Adriano Bolzoni, Arpad DeRiso, Nino Scolaro
Casa di produzione Victory Film
Distribuzione (Italia) Atlantis Film
Fotografia Oberdan Trojani
Montaggio Gino Talamo
Musiche Carlo Franci
Scenografia Piero Filippone
Costumi Giorgio Desideri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Brenno il nemico di Roma è un film del 1963 diretto da Giacomo Gentilomo. Appartiene al genere storico romanzato e il cast comprende, tra gli altri, Massimo Serato, Tony Kendall, Gordon Mitchell e Nerio Bernardi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Roma, primi anni del IV secolo a.C. Il re gallico Brenno muove dal nord Europa verso la città eterna. Nell'Urbe le alte sfere politico-militari si perdono in tresche con le nobildonne locali e il barbaro ha vita facile. I Romani riconoscono la sconfitta e gli promettono una sacerdotessa. Il fidanzato, Quinto Fabio, saputa la cosa, la rapisce suscitando la reazione di Brenno, che affronta e sconfigge i Romani. Ma Quinto Fabio lo affronta e lo uccide[senza fonte]. La trama del film non corrisponde alla reale vicenda del sacco di Roma del 390 a.C., quando i Galli Senoni guidati da Brenno saccheggiarono e occuparono la città.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]