Brahim Díaz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Brahim Díaz
Díaz con la squadra Under-19 del Manchester City nel 2017
NazionalitàBandiera della Spagna Spagna
Bandiera del Marocco Marocco (dal 2024)
Altezza170 cm
Peso59 kg
Calcio
RuoloCentrocampista, attaccante
SquadraReal Madrid
Carriera
Giovanili
2010-2013Malaga
2013-2018Manchester City
Squadre di club1
2017-2019Manchester City5 (0)
2019-2020Real Madrid15 (1)
2020-2023Milan91 (13)
2023-Real Madrid30 (8)
Nazionale
2016Bandiera della Spagna Spagna U-179 (3)
2016-2018Bandiera della Spagna Spagna U-198 (0)
2017-2021Bandiera della Spagna Spagna U-218 (2)
2021Bandiera della Spagna Spagna1 (1)
2024-Bandiera del Marocco Marocco4 (0)
Palmarès
 Europei di calcio Under-17
ArgentoAzerbaigian 2016
 Europei di calcio Under-21
BronzoUngheria-Slovenia 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 marzo 2024

Brahim Abdelkader Díaz (Malaga, 3 agosto 1999) è un calciatore spagnolo naturalizzato marocchino, centrocampista o attaccante del Real Madrid e della nazionale marocchina.

È nato a Malaga, in Spagna, da padre marocchino e madre spagnola; ha due sorelle minori.[1][2] Il padre si trasferì in Spagna seguendo il proprio padre, che migrò dal Marocco, stabilendosi inizialmente a Melilla, città autonoma spagnola, prima di spostarsi a Malaga, dove incontrò la sua futura moglie.[3]

Caratteristiche tecniche

[modifica | modifica wikitesto]

Dotato di ottima tecnica, ambidestro, è abile nel dribbling, nel passaggio e nella conclusione a rete.[2] Agile con la palla al piede, è bravo a disorientare gli avversari tramite finte e può agire sia da trequartista sia da ala su entrambe le fasce.[2]

Esordi, Manchester City

[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la carriera nelle giovanili della sua città natale, il Málaga. Quattordicenne, nel 2013 è entrato nel vivaio del Manchester City, che lo ha prelevato in cambio di 200.000 sterline.[4]

Il suo debutto nella prima squadra del Manchester City è avvenuto il 21 settembre 2016, durante una partita di Coppa di Lega inglese contro lo Swansea City in cui è subentrato all'80' a Kelechi Iheanacho. Un paio di giorni dopo ha firmato il suo primo contratto da professionista con lo stesso Manchester City, contratto che lo legava al club per tre anni.[5][6]

Il 21 novembre 2017 ha esordito nella UEFA Champions League durante una partita contro il Feyenoord, entrando in campo nei minuti di recupero al posto di Raheem Sterling. Successivamente, il 19 dicembre dello stesso anno, ha debuttato anche in una partita di Coppa di Lega inglese contro il Leicester City, giocando per 88 minuti. Il suo debutto in Premier League è avvenuto il 20 gennaio 2018, nella vittoria per 3-1 contro il Newcastle United. Nella stagione 2017-2018 è stato impiegato in altre quattro partite di campionato, che alla fine gli sono bastate per aggiudicarsi la medaglia da vincitore della Premier League.

Il 5 agosto 2018 ha giocato gli ultimi quindici minuti della gara di Supercoppa d'Inghilterra vinta per 2-0 dal Manchester City contro il Chelsea.[7] Nella stagione 2018-2019 ha realizzato le prime due reti da professionista, nella vittoria per 2-0 contro il Fulham il 1º novembre.[8]

Il 6 gennaio 2019 è stato ingaggiato dal Real Madrid in cambio di 15,5 milioni di sterline. Il contratto di Diaz con il Real Madrid avrebbe avuto una durata fino al 2025 e includeva anche dei potenziali bonus e una commissione di vendita del 15% che sarebbe stata pagata al suo club precedente, il Manchester City.[9]

L'esordio con la squadra madrilena avviene il 9 gennaio 2019, durante la partita di Coppa del Re contro il Leganés. Durante la sua permanenza di un anno e mezzo nel club spagnolo, ha accumulato un totale di 21 presenze e 2 gol in tutte le competizioni. Ha segnato il suo primo gol con il Real Madrid il 12 maggio 2019, nella sconfitta per 3-1 in casa della Real Sociedad[10]. Durante la stagione 2019-2020 ha giocato sei partite di campionato, potendosi dunque fregiare della vittoria del campionato spagnolo.

Brahim Diaz nel Milan in una partita contro la Sampdoria nel 2022

Il 31 agosto 2020 viene ufficializzato il trasferimento del giocatore in prestito al Milan fino al 30 giugno 2021.[11][12] Esordisce con i rossoneri il 17 settembre 2020, nella vittoria per 0-2 contro lo Shamrock Rovers nei preliminari d'Europa League.[13] Esordisce in Serie A quattro giorni dopo, subentrando negli ultimi minuti della sfida vinta contro il Bologna alla prima giornata.[14] Segna il suo primo gol in Serie A il 27 settembre, nella partita vinta per 2-0 in casa del Crotone,[15][16] e il 22 ottobre marca la sua prima rete nelle competizioni UEFA per club, nella partita di Europa League vinta per 3-1 in casa del Celtic.[17] In stagione ricopre prevalentemente il ruolo di riserva nell'attacco dei rossoneri,[18][19] segnando comunque un gol importante nella corsa alla qualificazione alla Champions, nel successo esterno per 0-3 contro la Juventus.[20] Nel finale di stagione guadagna il posto da titolare nella formazione allenata da Stefano Pioli, mettendo a referto in totale 7 reti in 39 partite stagionali.

Rinnovato il prestito al Milan per altre due stagioni[21][22] e in considerazione della partenza a zero di Hakan Çalhanoğlu, accasatosi all'Inter, dal quale eredita la maglia numero 10, nel 2021-2022 assume un ruolo più importante nella formazione rossonera, divenendone il trequartista titolare.[23] È lui a mettere a segno la prima rete stagionale dei rossoneri, in occasione della prima giornata di campionato, con il Milan che espugna Marassi battendo la Sampdoria per 1-0, grazie proprio alla sua marcatura.[24] Il 15 settembre 2021, a suggello di un inizio di stagione positivo, va in gol all'esordio in UEFA Champions League, nella sfida persa per 3-2 sul campo del Liverpool. Contribuisce con 31 presenze e 3 reti alla vittoria del campionato: Brahim Díaz diventa in questo modo il primo calciatore Under-23 della storia ad aver vinto Serie A, Premier League e Liga.[25]

L'annata successiva è la più prolifica delle sue stagioni rossonere, con 6 reti in 33 presenze in campionato, chiuso al quarto posto grazie alla penalizzazione di 10 punti inflitti alla Juventus, e una, quella del decisivo 1-0 casalingo nell'andata degli ottavi di finale contro il Tottenham, in 10 apparizioni in UEFA Champions League,[26] competizione in cui Díaz è determinante anche nella gara d'andata dei quarti contro il Napoli, fornendo l'assist per il gol della vittoria (1-0).[27] I rossoneri concludono il torneo in semifinale, dove approdano di nuovo dopo sedici anni,[28] venendo eliminati dall'Inter.

Ritorno al Real Madrid

[modifica | modifica wikitesto]

Rientrato al Real Madrid nel giugno 2023,[29] estende il proprio contratto sino al 2027.[30]

Giovanili della Spagna

[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato nelle nazionali giovanili spagnole Under-17 e Under-19: con la prima ha disputato nel 2015 il campionato europeo di categoria in Azerbaigian, segnando una rete nella finale persa ai tiri di rigore contro il Portogallo e tre reti in tutto il torneo. Passato alla nazionale Under-21 spagnola, esordisce il 1º settembre 2017 in un'amichevole contro i pari età dell'Italia, entrando in campo all'85' al posto di Ceballos. L'8 ottobre 2020 fa ritorno dopo oltre tre anni nella Rojita, subentrando dalla panchina e siglando una doppietta decisiva nella partita di qualificazione al campionato europeo di categoria del 2021 vinta per 2-0 in trasferta contro le Fær Øer.[31] Successivamente viene convocato per il campionato d'Europa Under-21 del 2021.

Nazionale spagnola

[modifica | modifica wikitesto]

L'8 giugno 2021 esordisce in nazionale maggiore, nell'amichevole vinta per 4-0 contro la Lituania, partita in cui segna il secondo gol degli iberici,[32] il suo primo in assoluto con la nazionale maggiore.[32]

Nazionale marocchina

[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 ottobre 2023 viene resa ufficiale la notizia secondo cui Brahim Diaz stesse iniziando a prendere in esame la possibilità di vestire la maglia della nazionale marocchina;[33] il 10 marzo 2024 accetta la chiamata del CT Walid Regragui in vista delle partite amichevoli da disputarsi contro Angola e Mauritania.[34][35] Esordisce da titolare nella prima gara, svoltasi ad Agadir il 22 marzo e vinta per 1-0 dai Leoni dell'Atlante.[36]

Presenze e reti nei club

[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate all'11 maggio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2016-2017 Bandiera dell'Inghilterra Manchester City PL 0 0 FACup+CdL 0+1 0 UCL 0 0 - - - 1 0
2017-2018 PL 5 0 FACup+CdL 1+1 0 UCL 3 0 - - - 10 0
2018-gen. 2019 PL 0 0 FACup+CdL 0+3 2 UCL 0 0 CS 1 0 4 2
Totale Manchester City 5 0 6 2 3 0 1 0 15 2
gen.-giu. 2019 Bandiera della Spagna Real Madrid PD 9 1 CR 2 0 UCL 0 0 - - - 11 1
2019-2020 PD 6 0 CR 3 1 UCL 1 0 SS 0 0 10 1
2020-2021 Bandiera dell'Italia Milan A 27 4 CI 2 0 UEL 10[37] 3 - - - 39 7
2021-2022 A 31 3 CI 4 0 UCL 5 1 - - - 40 4
2022-2023 A 33 6 CI 1 0 UCL 10 1 SI 1 0 45 7
Totale Milan 91 13 7 0 25 5 1 0 124 18
2023-2024 Bandiera della Spagna Real Madrid PD 30 8 CR 2 1 UCL 9 2 SS 2 1 43 12
Totale Real Madrid 45 9 7 2 10 2 2 1 64 14
Totale carriera 141 22 20 4 38 7 4 1 203 34

Cronologia presenze e reti in nazionale

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Marocco
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-3-2024 Agadir Marocco Bandiera del Marocco 1 – 0 Bandiera dell'Angola Angola Amichevole - Uscita al 87’ 87’
26-3-2024 Agadir Marocco Bandiera del Marocco 0 – 0 Bandiera della Mauritania Mauritania Amichevole -
7-6-2024 Agadir Marocco Bandiera del Marocco 2 – 1 Bandiera dello Zambia Zambia Qual. Mondiali 2026 -
11-6-2024 Agadir Marocco Bandiera del Marocco 6 – 0 Bandiera della Rep. del Congo Rep. del Congo Qual. Mondiali 2026 - Uscita al 75’ 75’
Totale Presenze 4 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
8-6-2021 Leganés Spagna Bandiera della Spagna 4 – 0 Bandiera della Lituania Lituania Amichevole 1
Totale Presenze 1 Reti 1

Spagna Under-21

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
1-9-2017 Toledo Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 3 – 0 Bandiera dell'Italia Italia Under-21 Amichevole - Ingresso al 85’ 85’
8-10-2020 Tórshavn Fær Øer Under-21 Bandiera delle Fær Øer 0 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 2 Ingresso al 46’ 46’
13-10-2020 Alcorcón Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 3 – 0 Bandiera del Kazakistan Kazakistan Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 -
12-11-2020 Marbella Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 2 – 0 Bandiera delle Fær Øer Fær Øer Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 - Uscita al 46’ 46’
17-11-2020 Marbella Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 3 – 0 Bandiera d'Israele Israele Under-21 Qual. Europeo Under-21 2021 - Ingresso al 58’ 58’
24-3-2021 Maribor Slovenia Under-21 Bandiera della Slovenia 0 – 3 Bandiera della Spagna Spagna Under-21 Europeo Under-21 2021 - 1º turno - Uscita al 84’ 84’
31-5-2021 Celje Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 2 – 1 dts Bandiera della Croazia Croazia Under-21 Europeo Under-21 2021 - Quarti di finale - Uscita al 83’ 83’
2-6-2021 Celje Spagna Under-21 Bandiera della Spagna 0 – 1 Bandiera del Portogallo Portogallo Under-21 Europeo Under-21 2021 - Semifinale - Ammonizione al 57’ 57’ Uscita al 66’ 66’
Totale Presenze 8 Reti 2

Competizioni nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Manchester City: 2017-2018, 2018-2019
Manchester City: 2017-2018
Manchester City: 2018
Real Madrid: 2019, 2024
Real Madrid: 2019-2020, 2023-2024
Milan: 2021-2022

Competizioni internazionali

[modifica | modifica wikitesto]
Real Madrid: 2023-2024
  1. ^ (FR) Abdelkader Diaz : L'Hispano-Marocain préfère la Roja aux Lions de l’Atlas, in Africa Top Sports, 14 dicembre 2017. URL consultato l'11 settembre 2020.
  2. ^ a b c Brahim Diaz e i complimenti di Guardiola, su corrieredellosport.it. URL consultato il 16 marzo 2021.
  3. ^ Astre Dei, Chi è Brahim Diaz, Fidanzato di Ana Mena? Età del Calciatore del Milan, su ChieCosa.it, 1º febbraio 2022. URL consultato il 10 giugno 2023.
  4. ^ Brahim Diaz e i complimenti di Guardiola, su corrieredellosport.it, 2 novembre 2018. URL consultato il 16 giugno 2023.
  5. ^ Manchester City, UFFICIALE il rinnovo di una giovane stella, su Calciomercato.com | Tutte le news sul calcio in tempo reale, 26 settembre 2016. URL consultato il 16 giugno 2023.
  6. ^ (EN) https://www.beinsports.com/en/football/news/city-youngster-diaz-signs-three-year-deal-1/342513, su beIN SPORTS, 26 settembre 2016. URL consultato il 16 giugno 2023.
  7. ^ (ES) ElDesmarque Málaga, Brahim, el octavo pasajero en la Premier, su ElDesmarque, 21 gennaio 2018. URL consultato il 16 giugno 2023.
  8. ^ Jack Gaughan, Brahim Diaz scores his first two goals for the club as City progress, su Mail Online, 1º novembre 2018. URL consultato il 16 giugno 2023.
  9. ^ (EN) Manchester City put anti-United clause in Brahim transfer, su The Independent, 5 gennaio 2019. URL consultato il 16 giugno 2023.
  10. ^ Resumen de Real Sociedad vs Real Madrid (3-1). URL consultato il 16 giugno 2023.
  11. ^ (ES) Comunicado Oficial: Brahim, su realmadrid.com, 4 settembre 2020. URL consultato il 4 settembre 2020.
  12. ^ COMUNICATO UFFICIALE: BRAHIM DÍAZ, su acmilan.com, 4 settembre 2020. URL consultato il 4 settembre 2020.
  13. ^ Report Shamrock Rovers-Milan 0-2, Europa League 2020/2021, su acmilan.com, 17 settembre 2020. URL consultato il 22 settembre 2020.
  14. ^ Milan-Bologna 2-0, gol e highlights: doppietta di Ibrahimovic, su sport.sky.it. URL consultato il 22 settembre 2020.
  15. ^ Statistiche e dati di Crotone-Milan 0-2, Serie A TIM 2020/2021, su acmilan.com, 27 settembre 2020. URL consultato il 28 settembre 2020.
  16. ^ Report Crotone-Milan 0-2, Serie A 2020/2021, su acmilan.com, 27 settembre 2020. URL consultato il 28 settembre 2020.
  17. ^ Celtic-Milan 1-3, gol e highlights: segnano Krunic, Diaz e Hauge, su sport.sky.it. URL consultato il 20 luglio 2021.
  18. ^ Brahim Abdelkaber Diaz, Milan: perché comprarlo (e perché no) al Fantacalcio, su fantacalcio.it. URL consultato il 9 giugno 2021.
  19. ^ Calciomercato Milan – Brahim Diaz, risvolto a sorpresa: le ultime, su pianetamilan.it. URL consultato il 9 giugno 2021.
  20. ^ Juventus-Milan 0-3: i rossoneri dominano la sfida per la Champions, su repubblica.it, 9 maggio 2021. URL consultato il 9 giugno 2021.
  21. ^ (ES) Comunicado Oficial: Brahim, su realmadrid.com. URL consultato il 20 luglio 2021.
  22. ^ Comunicato ufficiale: Brahim Díaz, su acmilan.com, 19 luglio 2021. URL consultato il 19 luglio 2021.
  23. ^ Ritorni, riscatti, volti nuovi: da Maignan a Giroud, ora è un Milan alla francese, su gazzetta.it. URL consultato il 2 settembre 2021.
  24. ^ Sampdoria-Milan 0-1: decide il gol di Brahim Diaz, su tuttosport.com, 23 agosto 2021.
  25. ^ Milan, Brahim Diaz da record: il primo under 23 a vincere Premier, Liga e Serie A, su Sportmediaset.it. URL consultato il 13 giugno 2022.
  26. ^ Simone Gambino, Milan-Tottenham 1-0: Brahim Diaz fa sognare San Siro, primo round ai rossoneri, su Goal.com, 14 febbraio 2023. URL consultato il 15 febbraio 2023.
  27. ^ Champions League: Napoli-Milan 1-1, rossoneri in semifinale dopo 16 anni, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 10 giugno 2023.
  28. ^ Champions League, Inter-Milan 1-0: i nerazzurri volano in finale, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 10 giugno 2023.
  29. ^ (ES) Así juega Brahim | Real Madrid CF, su Real Madrid C.F. - Web Oficial. URL consultato il 15 giugno 2023.
  30. ^ UFFICIALE Real Madrid, riaccolto Brahim Diaz: contratto fino al 2027, su Sportitalia, 10 giugno 2023. URL consultato il 15 giugno 2023.
  31. ^ Milan, visto che Brahim? Dribbling-show e due gol con la Spagna U21, su gazzetta.it, 8 ottobre 2020.
  32. ^ a b (ES) Brahim debuta con la selección absoluta con un golazo, su malagahoy.es, 8 giugno 2021. URL consultato il 9 giugno 2021.
  33. ^ sportmediaset.mediaset.it, https://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/brahim-diaz-ha-scelto-vestira-la-maglia-del-marocco_78904429-202402k.shtml.
  34. ^ Brahim Diaz ha scelto: non giocherà per la Spagna, cambia Nazionale | Goal.com Italia, su www.goal.com, 2 marzo 2024. URL consultato il 25 marzo 2024.
  35. ^ Sky Sport, Telenovela finita, arriva la decisione del Marocco su Brahim, su sport.sky.it, 13 marzo 2024. URL consultato il 25 marzo 2024.
  36. ^ (ES) Miguel Casado, Brahim Díaz y su primer partido con Marruecos: de la mano en el pecho durante el himno a la locura en la grada, su eldesmarque.com, 23 marzo 2024. URL consultato il 25 marzo 2024.
  37. ^ 2 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]