Bozza:Porto Natante di Vische

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il porto natante sulla Dora, situato nei pressi dei vecchi campi sportivi comunali, venne costruito nel XVIII secolo dai Marchesi Birago per congiungere le due sponde del fiume Dora e consentire il passaggio delle persone dall'una all'altra sponda. I Vischesi avevano accesso al transito gratuito e per questo il Comune pagava una somma annua di L. 24. Fino a quando il traghetto costituì l'unico e più veloce mezzo per passare nel Vercellese, il porto rese fior di quattrini, ma quando il traffico diminuì, i Signori se ne disinteressarono. Il 9 marzo 1875 il Consiglio Comunale citò davanti al Tribunale di Ivrea il Marchese Birago, ma prima che fosse pronunciata la sentenza, alla fine di agosto 1975 il portò andò a fondo e cessò il servizio. Venne acquistata dal Comune una barca e venne affidato il servizio di traghettamento a un barcaiolo con uno stipendio di 1 lira al giorno. Successivamente, nel 1876, a seguito dell'autorizzazione della Prefettura di Torino, venne costruito un altro porto travolto trent'anni dopo da una piena della Dora. Infine, ne venne un altro nel 1922 e si fabbricò anche sulla sponda sinistra un casotto in muratura, ma anche questo porto durò poco più di vent'anni. Vische