Bounce (album Bon Jovi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bounce
Artista Bon Jovi
Tipo album Studio
Pubblicazione 8 ottobre 2002
Durata 49 min : 06 s
Dischi 1
Tracce 12
Genere Hard rock
Pop rock
Etichetta Island Records
Produttore Luke Ebbin
Jon Bon Jovi
Richie Sambora
Registrazione 2002 - Sanctuary II Studio (New Jersey)
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(vendite: 20 000+)
Australia Australia[2]
(vendite: 35 000+)
Austria Austria[3]
(vendite: 2 500+)
Belgio Belgio[4]
(vendite: 25 000+)
Brasile Brasile[5]
(vendite: 50 000+)
Regno Unito Regno Unito[6]
(vendite: 100 000+)
Spagna Spagna[7]
(vendite: 50 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[8]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platino Canada Canada[9]
(vendite: 100 000+)
Europa Europa[10]
(vendite: 1 000 000+)
Germania Germania[11]
(vendite: 300 000+)
Giappone Giappone[12]
(vendite: 250 000+)
Svizzera Svizzera[13]
(vendite: 40 000+)
Bon Jovi - cronologia
Album successivo
(2003)
Singoli
  1. Everyday
    Pubblicato: 17 agosto 2002
  2. Misunderstood
    Pubblicato: 30 novembre 2002
  3. All About Lovin' You
    Pubblicato: 2 maggio 2003
  4. Bounce
    Pubblicato: 15 giugno 2003

Bounce è l'ottavo album in studio dei Bon Jovi, pubblicato nel 2002 dalla Island Records. Come il precedente Crush, anche questo disco fu registrato presso i Sanctuary II Studio (New Jersey), e sempre con Luke Ebbin nel ruolo di produttore. La realizzazione di Bounce fu fortemente influenzata dagli attentati dell'11 settembre 2001 e, infatti, il titolo dell'album fa riferimento a New York e alla sua capacità di riprendersi dopo gli attacchi terroristici. Un altro significato del titolo del disco, però, potrebbe essere relativo alla bravura dei Bon Jovi di aver saputo appunto "rimbalzare" (traduzione in italiano di "Bounce") nel corso degli anni.

Genesi e contesto[modifica | modifica wikitesto]

Nella maggior parte dei testi presenti in Bounce risulta forte il riferimento agli attentati dell'11 settembre 2001, in particolare nella prima traccia Undivided, che è diventata una delle preferite del disco dai fan del gruppo. Particolare è la storia dietro la composizione della canzone Open All Night, che fu scritta da Jon Bon Jovi e Richie Sambora in risposta al finale della serie televisiva Ally McBeal. Nella quinta stagione della serie (che poi sarà anche l'ultima), infatti, lo stesso Jon aveva interterpretato per dieci puntate il ruolo dell'idraulico Victor Morrison, ma alla lunga non gli andò bene la gestione del suo personaggio. I dissapori iniziarono quando i produttori della serie gli chiesero se sarebbe potuto rimanere per alcuni episodi in più, in modo che Victor si fosse sposato la protagonista Ally, interpretata da Calista Flockhart. Jon rifiutò per il fatto che sua moglie era incinta del suo terzo figlio, Jake, e così alla fine si decise di far scomparire repentinamente Morrison dalla sit-com. Il testo di Open All Night descrive proprio come lo stesso Bon Jovi avrebbe voluto che si concludesse la storia del suo personaggio. Questa non era la prima volta che il gruppo scriveva una canzone con tale titolo, un brano omonimo appare, infatti, anche nel primo disco del box-set 100,000,000 Bon Jovi Fans Can't Be Wrong.

Riscontro di critica e pubblico[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni
Risorsa Valutazione
All Music 2 stars.svg[14]
The Guardian 2 stars.svg[15]

Bounce non riuscì a bissare il successo ottenuto dal precedente album in studio del gruppo, Crush, seppur arrivando a vendere 6 milioni di copie nel mondo e ottenendo buoni piazzamenti in diverse classifiche. Da segnalare come abbia raggiunto la top 3 della Billboard 200 negli Stati Uniti, alla posizione numero 2, diventando il primo disco del gruppo a riuscirci dai tempi di New Jersey che aveva raggiunto la vetta della classifica nel 1988. Proprio negli USA, Bounce vendette oltre 160.000 copie nella prima settimana di messa in vendita, e ciò lo portò a essere l'album dei Bon Jovi dal miglior debutto di sempre, almeno fino a quel momento (sarà poi superato dal successivo Have a Nice Day nel 2005). Inoltre, il disco si piazzò alla posizione #1 della Eurochart Hot 100 Singles, anche se non raggiunse mai il primo posto in alcuna classifica europea. Tuttavia, nonostante questi buoni risultati, Bounce divenne l'album in studio di minor successo del gruppo dai tempi di 7800° Fahrenheit del 1985.

D'altro canto, la critica si dimostrò molto fredda nei confronti del disco, accusando particolarmente la musica dei Bon Jovi di essere troppo stereotipata.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Undivided - 3:53 (Jon Bon Jovi, Richie Sambora, Billy Falcon)
  2. Everyday - 3:00 (Bon Jovi, Sambora, Andreas Carlsson)
  3. The Distance - 4:48 (Bon Jovi, Sambora, Desmond Child)
  4. Joey – 4:54 (Bon Jovi, Sambora)
  5. Misunderstood - 3:30 (Bon Jovi, Sambora, Carlsson, Child)
  6. All About Lovin' You - 3:46 (Bon Jovi, Sambora, Carlsson, Child)
  7. Hook Me Up - 3:54 (Bon Jovi, Sambora, Carlsson, Child)
  8. Right Side of Wrong – 5:51 (Bon Jovi)
  9. Love Me Back to Life - 4:09 (Bon Jovi, Sambora)
  10. You Had Me from Hello - 3:49 (Bon Jovi, Sambora, Carlsson)
  11. Bounce - 3:11 (Bon Jovi, Sambora, Falcon)
  12. Open All Night - 4:23 (Bon Jovi, Sambora)
Tracce bonus incluse unicamente nell'edizione Giapponese
  1. No Regrets - 4:02 (Bon Jovi)
  2. Postcards from the Wasteland - 4:37 (Bon Jovi)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Bon Jovi[modifica | modifica wikitesto]

Altro personale[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2002) Posizione
massima
Argentina[16] 4
Australia[17] 5
Austria[17] 3
Belgio (Fiandre)[17] 4
Belgio (Vallonia)[17] 9
Canada[18] 3
Danimarca[17] 19
Europa[19] 1
Finlandia[17] 2
Francia[17] 8
Germania[17] 2
Giappone[20] 3
Irlanda[21] 5
Italia[17] 6
Norvegia[17] 9
Nuova Zelanda[17] 19
Paesi Bassi[17] 2
Polonia[22] 19
Regno Unito[23] 2
Spagna[24] 2
Stati Uniti[18] 2
Stati Uniti (internet)[18] 2
Svezia[17] 4
Svizzera[17] 2
Ungheria[25] 10

Tour promozionale[modifica | modifica wikitesto]

Per promuovere l'album, il gruppo intraprese il Bounce Tour, partito l'8 dicembre 2002 dall'Etihad Stadium di Melbourne, e conclusosi l'8 agosto 2003 al Giants Stadium di East Rutherford. Per quanto riguarda l'Italia, il tour fece tappa nelle seguenti date:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Gold & Platinum Discs, su CAPIF. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2002 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ (DE) Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, IFPI Austria. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ International Album 2002, ultratop.be. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  5. ^ (PT) Associação Brasileira dos Produtores de Discos, Certificados, abpd.org.br. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  6. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Bon Jovi" in "Keywords", dunque premere "Search".
  7. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 2000–2003, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  8. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  9. ^ (EN) Gold Platinum Database - Bounce, Music Canada. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  10. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2002, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  11. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  12. ^ Oricon Album Chart Book: Complete Edition 1970–2005, Roppongi, Tokyo, Oricon Entertainment, 2006, ISBN 4-87131-077-9.
  13. ^ Hung Medien, The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Bon Jovi; 'Bounce'), swisscharts.com. URL consultato il 20 dicembre 2014.
  14. ^ link
  15. ^ link
  16. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Argentina, Billboard, 2 novembre 2002, p. 51. URL consultato il 27 giugno 2012.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Bon Jovi - Bounce, Ultratop. URL consultato il 2 maggio 2015.
  18. ^ a b c (EN) Allmusic (Bon Jovi charts and awards), All Media Network.
  19. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurocharts, Billboard, 19 ottobre 2002, p. 45. URL consultato il 27 giugno 2012.
  20. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Japan, Billboard, 28 settembre 2002, p. 54. URL consultato il 27 giugno 2012.
  21. ^ (EN) Top 75 Artist Album, Week Ending September 26, 2002, GfK. URL consultato il 28 luglio 2011.
  22. ^ (PL) OLiS - Sales for the period 23.09.2002 - 29.09.2002, OLiS. URL consultato il 12 maggio 2014.
  23. ^ (EN) Archive Chart: 2002-10-05, Official Charts Company. URL consultato il 3 novembre 2012.
  24. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Spain, Billboard, 19 ottobre 2002, p. 44. URL consultato il 27 giugno 2012.
  25. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 29 settembre 2002. URL consultato il 27 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock