Boulou Ferré

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Boulou Ferré,[1] nato Jean-Jacques Ferret (Parigi, 24 aprile 1951) è un chitarrista e compositore francese jazz manouche, anche arrangiatore e improvvisatore. È il fratello di Elios Ferré, anche lui musicista jazz, con il quale ha suonato per una larga parte della sua carriera. Oltre al jazz si è dedicato alla musica classica. È considerato uno dei più grandi musicisti contemporanei della tradizione manouche (gypsy jazz).[2]

Carriera musicale[modifica | modifica wikitesto]

Boulou Ferré è nato a Parigi e proviene da una famiglia di musicisti. Suo padre, Matelo Ferret,[3] e suo zio, Baro Ferret, suonavano con Django Reinhardt nel Quintette du Hot Club de France. All'età di sette anni riusciva a suonare alla chitarra gli assoli del sassofonista Charlie Parker. All'età di dieci anni diede il suo primo concerto ed all'età di dodici anni registrò il suo album di debutto.[4]

Nel 1962 Ferré si iscrive al Conservatorio di Parigi, prendendo lezioni di pianoforte, chitarra classica e organo, quest'ultimo sotto la supervisione di Olivier Messiaen. Dopo il Conservatorio, divenne organista in una cattedrale di Parigi e sviluppò il suo stile di improvvisazione e composizione jazz.

A 13 anni, Ferré suonò con John Coltrane al festival Jazz à Juan di Antibes.[4][3] Nel 1966 registrò l'album Paris All-Stars con Michel Gaudry, Maurice Vander e Eddy Louiss. Nel 1969 invece suonò con il sassofonista Dexter Gordon, il bassista Patrice Caratini e il batterista Philly Joe Jones. Negli anni '70 la sua fama crebbe molto ed arrivò a suonare con personalità come Bob Reid, Chet Baker, Steve Lacy, Gunter Hampel, Kenny Clarke, Warne Marsh, Svend Asmussen e Louis Vola.

Nel 1974 Ferré formò la Corporation Gypsy Orchestra con Steve Potts, Christian Escoudé e il pianista Takashi Kako. Il gruppo ha registrato per SteepleChase nel 1979. Formò il Trio Gitan con Escoudé e Babik Reinhardt[3] e nel 1988 con Philippe Combelle.

Il 10 aprile 2012, Boulou è stato nominato Cavaliere dell'ordine delle arti o delle lettere da Frédéric Mitterrand, ministro della Cultura francese.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The 13 Year Old Sensation from France (4 Corners of the World, 1965)
  • Boulou et Les Paris All Stars (Barclay, 1966)
  • Espace con Gunter Hampel (Birth, 1970)
  • Pour Django with Elios Ferré (SteepleChase, 1979)
  • Gypsy Dreams with Elios Ferré (SteepleChase, 1980)
  • Trinity con Niels-Henning Orsted Pedersen, Elios Ferre (SteepleChase, 1983)
  • Three of a Kind con Christian Escoude, Babik Reinhardt (JMS, 1985)
  • Nuages con Elios Ferre, Jesper Lundgaard (SteepleChase, 1986)
  • Relax and enjoy (SteepleChase, 1987)
  • Confirmation (SteepleChase, 1989)
  • Guitar Legacy (SteepleChase, 1991)
  • New York, New York (SteepleChase, 1997)
  • Intersection con Elios Ferré, Alain Jean-Marie (La Lichere, 2002)
  • The Rainbow of Life (Bee Jazz, 2003)
  • Shades of a Dream (Bee Jazz, 2004)
  • Parisian Passion (Bee Jazz, 2005)
  • Live a Montpellier con Elios Ferre (Le Chant Du Monde, 2007)
  • Brothers to Brothers con Elios Ferre (Plus Loin, 2008)
  • Django 100 (JMS, 2009)
  • Solo (JMS, 2013)
  • La Bande Des Trois con Elios Ferre (Label Ouest, 2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Boulou Ferré, su rightpronunciation.com. URL consultato il 31 agosto 2020.
  2. ^ (FR) Jean-Louis Comolli, André Clergeat e Philippe Carles, Le Nouveau dictionnaire du Jazz, Editions Robert Laffont, 2011, ISBN 978-2-221-11592-3.
  3. ^ a b c Mark Gilbert, The New Grove Dictionary of Jazz, a cura di Kernfeld, vol. 1, 2ndª ed., New York, Grove's Dictionaries, 2002, p. 751, ISBN 1-56159-284-6.
  4. ^ a b Boulou Ferré, su AllMusic.