Botineras

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Botineras
LogoBotineras.jpg
Logo della telenovela
PaeseArgentina
Anno2009-2010
Formatoserial TV
Generetelenovela
Stagioni1
Puntate142
Durata50 mintui a episodio
Lingua originalespagnolo
Crediti
Interpreti e personaggi
Prima visione
Prima TV originale
Dal24 novembre 2009
Al25 agosto 2010
Rete televisivaTelefe
Prima TV in italiano
Data22 ottobre 2012
Rete televisivaLady Channel (streaming)

Botineras è una telenovela argentina in 145 episodi prodotta da Underground Contenidos e Telefe in associazione con Endemol Argentina, andata in onda dal 24 novembre 2009 al 25 agosto 2010.

In Italia, il serial non è arrivato sui canali televisivi standard, ma è stato condiviso gratuitamente - a partire dal 22 ottobre 2012[1] - sul canale streaming di Lady Channel della piattoforma Popcorn TV[2]. Le puntate (142 per una durata media di quasi 60 minuti ciascuna) sono state sottotilate in italiano, ma solo fino alla puntata n. 70 (dalla puntata n. 71, ad ogni episodio è stata aggiunta una trama dettagliata per la comprensione dello stesso)[3]. Nonostante la mancanza di sottotitoli, l'ultimo episodio pubblicato sul sito è stato seguito da oltre 18.000 utenti[4].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cristian "Chiqui" Flores (Nicolás Cabré) è un famoso calciatore argentino di una squadra spagnola che diventa il principale indiziato della morte di un altro calciatore, Andrés Cappa, dopo un'accesa discussione in campo e dopo che Chiqui aveva espresso, davanti alle telecamere, il desiderio di vederlo morto. Per questo motivo, il ragazzo è costretto a tornare in Argentina e a subire un forzato periodo di fermo. È in questa circostanza che Chiqui decide di sposare Margarita "Marga" Molinari (Isabel Macedo), donna calcolatrice che - al di là dell'amore più o meno sincero che prova per il calciatore - cerca così di tenersi stretti i privilegi acquisiti nel tempo accanto a Chiqui. La ragazza altro non è che una delle tante "botineras" che l'agenzia di Giselle López (Florencia Peña) prepara e istruisce affinché queste affianchino le stelle del calcio davanti e dietro alle telecamere. Anche la detective Laura Posse (Romina Gaetani) decide, su ordine del suo principale, di affidarsi a Giselle per poter entrare nella vita di Chiqui e indagare sulla morte di Andrés Cappa. Assunto il nome di Mia, la ragazza riesce a far breccia nel cuore del calciatore e i due si innamorano. Ma la loro storia è funestata da vari accadimenti drammatici, soprattutto la morte di molti personaggi della telenovela, in buona parte per mano di Nino Paredes (Gonzalo Valenzuela), avvocato e braccio destro di Eduardo "Tato" Marín (Damián de Santo), agente di Chiqui e molti altri calciatori. I due uomini sono dei veri e propri loschi figuri che producono e spacciano un tipo di anabolizzante invisibile al controllo antidoping e che potrebbe fare la loro fortuna. Per denaro e successo, il duo non si ferma davanti a nulla. Quando una delle "botineras", Solange Cuchi (Emme), scopre il giro di droga, viene uccisa, Tato costruisce false prove e fa ricadere la colpa su Chiqui che viene arrestato. La detenzione aiuta Chiqui a far chiarezza sui suoi sentimenti per Laura/Mia, ma ancora una volta il loro amore viene ostacolato dalla notizia che sua moglia Marga è in attesa di un figlio. In realtà, il bambino che la donna aspetta è di Nino. Quest'ultimo, nel frattempo, ha una relazione con Giselle. In realtà, la donna sta cercando di evitare l'arresto e il suo rapporto con l'avvocato di Tato è soprattutto il frutto di un accordo tra lei e la polizia locale affinché la donna possa riferire tutti i retroscena degli affari sporchi di Marin. Al di là dell'accordo, la donna non è del tutto indifferente a Nino e rimane sconvolta nell'apprendere del bambino di Marga e lascia l'uomo. Fortemente intenzionata a vendicarsi, riferendo tutto quello che sa alla polizia, la donna viene misteriosamente uccisa nella sua abitazione. I colpevoli della sua morte potrebbero essere molteplici, in quanto la donna era a conoscenza di segreti e particolari piccanti delle vite di varie persone e questo fatto dava molti motivi a molta gente per eliminarla. In questo frangente, Laura si avvicina sempre più al suo collega Javier Salgado (Pablo Rago), che aiuta la donna nelle sue indagini. Questo rapporto, però, impedisce a Chiqui e Laura di avere una relazione, almeno fino a quando non viene fatta chiarezza sui misteriosi crimini che caratterizzano le storie dei protagonisti della telenovela, a partire dall'omicidio iniziale, quello di Andrés Cappa, avvenuto per mano di Nino.

Altre storie parallele vanno a mescolarsi all'intrigo principale. Una di queste è quella di Gonzalo "Lalo" Roldán (Ezequiel Castaño) e Manuel "Flaco" Riveiro (Christian Sancho). Il primo è il cugino di Chiqui, ragazzo molto deciso a percorrere la strada Chiqui per diventare anche lui un calciatore di successo. Impulsivo e ribelle, è colpevole - suo malgrado - della morte accidentale di Vanina Pandolfi (Jenny Williams), punto di riferimento per molte "botineras". Preso dal panico, Lalo chiede aiuto a Tato. Questi riesce a mascherare l'accaduto chiedendo in cambio a Lalo di firmare un contratto in esclusiva con lui. Manuel "Flaco" Riveiro, invece, è un calciatore di successo che rientra in Argentina dopo un grande periodo di fama in Spagna e Italia. Ingaggiato come sostituto di Chiqui, l'uomo nasconde un segreto: è omosessuale e quando conosce Lalo se ne innamora perdutamente. La loro relazione non è facile, non solo per il fatto che i due uomini siano già impegnati - Lalo ha una relazione con Candy (Agustina Córdova), mentre Flaco è sposato con Liliana "Lili" Aramburu (Guillermina Valdes) e ha due figli - ma anche a causa dei pregiudizi e dei tabù riguardo all'omosessualità molto vivi nell'ambiente calcistico. Queste problematiche influenzano molto le menti dei due uomini, creando alti e bassi nel loro rapporto (che però si concluderà felicemente).

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente scritto da Esther Feldman e Alejandro Maci su idea di Sebastián Ortega, ha come protagonisti Florencia Peña, Nicolás Cabré, Romina Gaetani e con la partecipazione antagonista di Damián De Santo, Isabel Macedo e Gonzalo Valenzuela.

A causa di un cambio di scrittori della serie anche il cast cambiò. La protagonista Florencia Peña abbandonò la serie insieme a Diego Reinhold, Jenny Williams, Pablo Rago, Luciano Cáceres, Lola Berthet, Rodrigo Guirao Díaz e Maximiliano Ghione.[5]

La serie e gli attori che la interpretano hanno ricevuto dei premi o delle nomination. L'attore Diego Reinhold ha vinto un premio al Martin Fierro 2009, invece hanno ricevuto una nomination la serie stessa, Damián De Santo, Romina Gaetani e Isabel Macedo. Al Premio Martín Fierro 2010 invece hanno ricevuto una nomination Nicolás Cabré, Damián De Santo, Roberto Carnaghi, Pablo Rago e Victoria Onetto.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rodrigo Guirao Diaz, doppio appuntamento con "Botineras" e "Terra Ribelle 2", http://cultura.diariodelweb.it. URL consultato il 4 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2015).
  2. ^ "Botineras", http://ladychannel.popcorntv.it. URL consultato il 4 aprile 2015.
  3. ^ "Botineras" - Episodio 70, http://ladychannel.popcorntv.it. URL consultato il 4 aprile 2015.
  4. ^ Finisce con il botto "Botineras" su Lady Channel, http://ladychannel.popcorntv.it. URL consultato il 4 aprile 2015.
  5. ^ (ES) Botineras: Final doble y adelantado, tvycable.com. URL consultato il 9 agosto 2012.
  6. ^ (ES) ¿Una noche "Para vestir santos"?[collegamento interrotto], lanueva.com. URL consultato il 9 agosto 2012.