Bosone II di Provenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bosone II d'Arles)
Bosone II
Conte di Provenza
In carica 947 - 968
Predecessore Ugo d'Arles
Successore Guglielmo I e Rotboldo II
Altri titoli conte d'Arles, conte di Avignone
Nascita 915
Morte 968
Dinastia bosonidi
Padre Rotboldo I di Provenza
Madre Ermengarda d'Aquitania
Coniuge Costanza di Provenza
Figli Guglielmo
Rotboldo e
Ponzio

Bosone[1] detto anche Bosone d'Arles (915968) è stato conte d'Arles, conte di Avignone e conte di Provenza.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del conte in Provenza (forse conte d'Avignone), Rotboldo I di Provenza (come ci viene confermato dal documento n° 29 del Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille[2]?- ca. 950), e della moglie di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti, ma secondo alcuni era Ermengarda d'Aquitania[3], figlia del duca d'Aquitania Guglielmo il Pio e di Engelberga di Provenza.
Rotboldo I di Provenza era figlio primogenito ed unico maschio del conte d'Avignone conte d'Arles, governatore della Provenza e Margravio di Toscana, Bosone d'Arles e della prima moglie di cui non si conoscono né il nome né gli ascendenti.

La sua origine è controversa[4].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che la morte del re d'Italia, Ugo d'Arles, avvenuta nel 947, il re di Arles o due Borgogne, Corrado il Pacifico, con l'aiuto e la protezione del re di Germania, Ottone il Grande[5] (quando, nel 937, il re d'Italia, Ugo di Provenza, secondo Liutprando, si recò a Ginevra per sposare, il 12 dicembre la madre di Corrado, Berta[6] mentre la sorella di Corrado, Adelaide, (931-999), veniva promessa in sposa al figlio di Ugo, Lotario, Ottone il Grande, appena salito al trono di Germania, partì per la Borgogna, sequestrò Corrado[7], e lo tenne, per quattro anni, sempre con sé), entrò nel reale pieno possesso della Provenza, che sino ad allora era stata governata da Ugo d'Arles e, per limitare l'autorità ed il potere dei feudatari, divise la contea di Provenza in 3 feudi, Apt, Arles ed Avignone. Bosone II assieme al fratello Guglielmo[8] prese possesso delle contee di Arles ed Avignone, mentre Apt venne data al conte Grifone, che però, dopo poco, venne eliminato da Bosone (citato come conte nel Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille[9] e Guglielmo, che pur senza averne titolo furono conti di Provenza.

Nel 955 circa Bosone II sposò Costanza, che per numerosi storici era Constanza di Provenza (920/30-dopo il 963), la figlia del conte di Vienne, Carlo Costantino. Che Costanza sia la figlia di Carlo Costantino non v'è certezza. Secondo alcuni storici che sia la figlia di Carlo Costantino solo per il fatto di avere tale nome che in precedenza nella Provenza non era usato, mentre per altri che hanno confutato tale tesi in quanto in vari documento dell'abbazia di Cluny, si trovano donne con tale nome (il n° 45[10], il n° 390[11], il n° 530[12], il n° 582[13] e il n° 683[14]), Costanza era sorellastra di Carlo Costantino, figlia di suo padre Ludovico e la seconda moglie Adelaide[15].

Bosone e la moglie Costanza sono citati in alcuni donazioni riferite nella storia dell'Abbazia di Montmajour[15].

Morì nel 968, lasciando tutta la Provenza[16] ai figli Guglielmo e Rotboldo i quali assunsero il titolo di conte di Provenza; poi divennero anche marchesi di Provenza.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Bosone II e Costanza ebbero tre figli[15]:

  • Guglielmo I di Provenza[17](†993) detto il Liberatore, conte d'Arles e di Provenza e dal 975 marchese di Provenza
  • Rotboldo II di Provenza[17] (†1008) che divise il titolo di conte di Provenza col fratello e poi quello di marchese di Provenza
  • Ponzio juvenis († dopo il 963, citato in un documento di compravendita di quell'anno[15]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome Bosone è una forma alterata di Ambrogio, che deriva dal greco ambrosios e significa "immortale".
  2. ^ (LA) Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille, documento 29, pag. 40
  3. ^ (EN) #ES Genealogy: Bosonidi - Rotbald
  4. ^ Una seconda teoria lo vuole figlio di Rotboldo d'Agel (nobile di Mâcon), imparentato coi Bosonidi (marito di una figlia di Bosone I di Provenza) fatto conte di Provenza, nel 903, dall'imperatore e re di Provenza, Ludovico il Cieco.
    Infine una terza teoria lo vorrebbe figlio del duca di Borgogna, Riccardo il Giustiziere e quindi fratello del re di Francia, Rodolfo
  5. ^ C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 674
  6. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, tomus III: Liudprandi Antapodosis IV. par. 12, pag. 319
  7. ^ C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", pag. 672
  8. ^ Alcuni storici danno a questo Guglielmo l'ordinale uno, per cui al figlio di Bosone, Guglielmo, danno l'ordinale due e così via.
  9. ^ (LA) Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille, documento 29, pagg. 40 - 42
  10. ^ (EN) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome I, pag. 53
  11. ^ (EN) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome I, pag. 371
  12. ^ (EN) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome I, pag. 515
  13. ^ (EN) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome I, pag. 556
  14. ^ (EN) Recueil des Chartes de l'Abbaye de Cluny, tome I, pag. 636
  15. ^ a b c d (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: nobiltà di Provenza - BOSON
  16. ^ Il fratello di Bosone, Guglielmo, era morto senza lasciare discendenza
  17. ^ a b (LA) Cartoulaire de l'abbaye de Saint-Victor de Marseille, documento 29, pag. 41

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • C. W. Previté-Orton, "L'Italia nel X secolo", cap. XXI, vol. II (L'espansione islamica e la nascita dell'Europa feudale) della Storia del Mondo Medievale, 1999, pp. 662–701.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Provenza Successore Bosonides.png
Ugo, re d'Italia 947–968 Guglielmo I e Rotboldo II