Bosio I Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bosio I Sforza
Conte di Santa Fiora
Stemma
In carica 14511475
Predecessore Cecilia Aldobrandeschi
Successore Guido II Sforza di Santa Fiora
Conte di Cotignola
In carica 14661475
Nascita 1411
Morte Parma, 1475
Dinastia Sforza-Santa Fiora (Attendolo)
Padre Giacomo Attendolo
Madre Antonia Salimbeni
Consorte Cecilia Aldobrandeschi
Griseide di Capua
Figli Anastasia
Guido
Cassandra
Costanza
Francesco

Bosio I Sforza[1] (Montegiovi, 1411Parma, 1475), figlio legittimo di Giacomo "Muzio" Attendolo e di Antonia Salimbeni da Siena, fu conte di Cotignola e di Santa Fiora, e capostipite del ramo collaterale degli Sforza-Santa Fiora.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bosio fu un capitano di ventura che dedicò gran parte della sua vita al mestiere delle armi: nel 1430 divenne governatore di Orvieto per il papa, poi combatté col fratello Francesco I Sforza per la conquista del Milanese contro i da Correggio (1452), contro Jacopo Piccinino (1455) e in favore di re Ferdinando di Napoli (1460). Ottenne in premio dei suoi servigi il titolo di conte di Cotignola, il feudo di Castell'Arquato nel Piacentino e altre terre (1466)[2] .

Sforza di Santa Fiora[modifica | modifica wikitesto]

Bosio I sposò nel 1439 Cecilia Aldobrandeschi di Santa Fiora, che gli portò in dote la contea sovrana omonima in Maremma. Egli divenne così il capostipite del ramo della famiglia Sforza di Santa Fiora (ramo estintosi nel 1712) e di quello collaterale degli Sforza-Cesarini, duchi di Segni, tuttora esistente. Ebbero due figli[3]:

Nel 1464 sposò Griseide di Capua ed ebbero tre figli:

  • Cassandra, morta giovane
  • Costanza (?-1641), sposò Filippo Maria Sforza
  • Francesco (?-1523), cavaliere

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sunelweb
  2. ^ Bosio Sforza nell'Enciclopedia Treccani
  3. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Attendolo di Cotignola in Romagna, Torino, 1835.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Attendolo di Cotignola in Romagna, Torino, 1835, ISBN non esistente.
Predecessore Conte di Santa Fiora Successore
Cecilia Aldobrandeschi 1439-1486 Guido II Sforza