Borrell di Osona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Borrell
Conte di Urgell
In carica 798 - 820
Predecessore fu il primo
Successore Aznar I
Nome completo Borrell
Altri titoli conte di Cerdagna e Osona
Nascita nella seconda metà dell'VIII secolo
Morte ca. 820
Figli Sunifredo

Borrell, Borrell anche in francese, in catalano, in spagnolo, in portoghese e in galiziano, Burrellus in latino (seconda metà dell'VIII secolo – 820 circa), fu conte di Urgell e Cerdagna dal 798, e conte di Osona dal 799 alla sua morte.

I domini del Conte Borrell

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Nobile di origine visigota[1] dell'antica Cerretana, oggi chiamata Cerdagna, di cui non si conoscono gli ascendenti. Da Borrell discesero i conti di Barcellona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la Vita Hludowici Imperatoris[2], tra il 798 ed il 799, dopo l'arrivo dei Franchi ottenne le città di Ausona, Cardona e Castaserra (lungo il fiume Ter[3]), i territori limitrofi ed altri territori, da difendere e governare[4], sui quali furono quindi create le contee di Osona, Urgell e Cerdagna, che furono concesse a Borrell, come premio, per l'impegno messo nella lotta contro i Mori.
Nell'801 partecipò alla conquista di Barcellona.

nell'804, partecipò alla prima spedizione contro Tortosa[1], con responsabilità di comando, sotto la guida del re d'Aquitania, Ludovico il Pio e Berà, Conte di Barcellona, che terminò nell'805, dopo aver tentato, inutilmente, di conquistare la città per otto giorni.

Secondo la Vita Hludowici Imperatoris[2], partecipò, sempre con responsabilità di comando[5], anche alla terza spedizione, dell'809, comandata ancora da Ludovico[5] che raggiunse il fiume Ebro. Secondo lo storico arabo, Al Maqqari (nato nel XVI secolo e morto al Cairo nel 1632), l'assedio fu rotto da un attacco delle truppe di al-Andalus, condotto da Abd el Rahman, figlio dell'emiro Al Hakam I, che sconfisse le truppe dei Franchi.
Secondo l'Astronomo, invece, gli abitanti di Tortosa, non sopportando l'assedio, offrirono le chiavi della città a Ludovico, che, soddisfatto, tolse l'assedio e rientrò nel suo regno dopo aver devastato i territori nemici[6].

Carlomagno, nell'813, lo confermò titolare delle contee di Osona, Urgell e Cerdagna[1]

Alla sua morte, avvenuta all'incirca nell'820, il contado di Osona, fu dato al nuovo conte Rampò e riunito alle contee di Barcellona, Girona, e Besalú, mentre le contee di Urgell e Cerdagna furono date, come ricompensa, ad Aznar I Galíndez, a cui era stata sottratta la contea d'Aragona, in quanto ritenuto troppo leale vassallo dei Franchi.

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Della moglie di Borrell non si conoscono né il nome né gli ascendenti. Dall'unione nacque un figlio[7]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) #ES Borrell I d'Osona
  2. ^ a b La Vita Hludowici Imperatoris sono due biografie, dalla nascita all'840, dell'imperatore Ludovico il Pio, scritte, in latino, da due monaci, uno anonimo, conosciuto come "l'Astronomo", mentre del secondo si conosce il nome: Thegano.
  3. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus II: Vita Hludovici imperatoris, par. 8, Pag 611, nota 19
  4. ^ (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus II: Vita Hludovici imperatoris, par. 8, p.611
  5. ^ a b (LA) Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus II: Vita Hludovici imperatoris, par. 14, p.613
  6. ^ (LA) Monumenta Germanica Historica, Scriptores, tomus II: Vita Hludovici Imperatoris, par. 14, p.614
  7. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Dinastie comitali catalane-BORRELL
  8. ^ (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus VI, Diplomata Ludovici Pii Imperatoris n° CLII, pag 561
  9. ^ Che Borrell sia stato il padre di Sunifredo può essere confermato anche dal fatto che tra i discendenti di quest'ultimo si trovino diversi Borrell, a cominciare dal secondogenito di Sunifredo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, Il califfato occidentale, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 477–515.
  • Gerhard Seeliger, Conquiste e incoronazione a imperatore di Carlomagno, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 358–396
  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 583–635.
  • (EN) The Development of Southern French and Catalan Society, 718-1050, su libro.uca.edu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]