Boris Nikolaevič Ponomarëv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Boris Nikolaevič Ponomarëv
Boris Ponomarev.jpg
Boris Ponomarëv nel 1963

Deputato del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature V, VI, VII, VIII, IX, X, XI
Circoscrizione RSS Georgiana (V, VI, VII), RSFS Russa (VIII, IX, X, XI)

Direttore del Dipartimento internazionale del PCUS
Durata mandato 1955 - 1986
Predecessore Vasilij Stepanov
Successore Anatolij Dobrynin

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica

Boris Nikolaevič Ponomarëv (in russo: Борис Николаевич Пономарёв?; Zarajsk, 17 gennaio 1905Mosca, 21 dicembre 1995) è stato un politico e storico sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1905, dal 1936 al 1943 lavora con Dimitrov, che guida il Comintern. Dal 1955 dirige il Dipartimento internazionale del Comitato centrale del PCUS e dal 1957 il Dipartimento per i rapporti con i partiti comunisti occidentali[1], fino al 1986[2].

Ponomarëv fu definito da Vittorio Gorresio «il cane da guardia messo dal Cremlino a sorvegliare il grande gregge dei partiti comunisti non al potere»[3]. In tal senso il ruolo da lui svolto verso il PCI nel 1968[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorio Gorresio, Berlinguer, Milano, Feltrinelli, 1976.
  • Alexander Höbel, Il contrasto tra Pci e Pcus sull'intervento sovietico in Cecoslovacchia. Nuove acquisizioni, in Studi Storici, n. 48(2), 2007, pp. 523-550.
  • (RU) Meždunarodnyj otdel po svjazam s kommunističeskimi partijami kapitalističeskich stran, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991 [Manuale di storia del Partito comunista e dell'Unione Sovietica 1898-1991]. URL consultato il 2 luglio 2017.
  • (EN) Philip D. Stewart, James W. Warhola, Roger A. Blough, Issue Salience and Foreign Policy Role Specialization in the Soviet Politburo of the 1970s, in American Journal of Political Science, vol. 28, nº 1, febbraio 1984, pp. 1-22.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN55060971 · ISNI (EN0000 0001 1646 5169 · LCCN (ENn79046147 · GND (DE123663636