Borgo Bonsignore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Borgo Bonsignore
frazione
Borgo Bonsignore – Veduta
Piazza principale e Chiesa di San Pietro.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
ProvinciaProvincia di Agrigento-Stemma.png Agrigento
ComuneRibera-Stemma.png Ribera
Territorio
Coordinate37°25′19″N 13°16′11″E / 37.421944°N 13.269722°E37.421944; 13.269722 (Borgo Bonsignore)Coordinate: 37°25′19″N 13°16′11″E / 37.421944°N 13.269722°E37.421944; 13.269722 (Borgo Bonsignore)
Altitudine63 m s.l.m.
Abitanti51 (dati ISTAT 2001)
Altre informazioni
Cod. postale92016
Prefisso0925
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiBorghigiani
Patronosan Pietro
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Borgo Bonsignore
Borgo Bonsignore

Borgo Bonsignore (Santu Petru in siciliano) è una frazione di 51 abitanti[1] di Ribera, comune italiano della provincia di Agrigento in Sicilia.

È un esempio ben conservato di nuovi borghi rurali costruiti alla fine degli anni trenta in Sicilia.

Oggi è abitato soprattutto nel periodo estivo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Posto in una collinetta nelle immediate vicinanze del mare, è raggiungibile direttamente dalla S.S. 115, e dista da Ribera circa 11,5 km.

Caratteristica di questo zona è la costa incontaminata con spiagge rinomate come il Lido Fuggitella, Pietre Cadute e la zona della Riserva naturale orientata Foce del fiume Platani.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Riserva naturale orientata Foce del fiume Platani.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La costante di queste aree è il clima di tipo "Mediterraneo" con temperatura media di 26 - 28 °C in luglio ed agosto e con punte massime di 40 - 42 °C

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dove oggi sorge Borgo Bonsignore fu anticamente uno dei feudi del Ducato di Bivona, denominato San Pietro[3].

Con il partizionamento delle proprietà del Duca di Bivona, l'ex feudo di San Pietro, esteso circa 600 ettari, passò agli Ospedali Riuniti di Sciacca, che nel 1934 l'affittarono per 18 anni alla cooperativa di agricoltori denominata La Bonifica, che lo suddivise in 79 quote[3].

Con il lavoro degli agricoltori, il territorio che fino ad allora era stato adibito a pascolo, subì radicali trasformazioni. Furono costruite le vie d'accesso all'altipiano, le strade interne, i canali d'irrigazione, le case coloniche, le stalle, edifici per l'amministrazione, l'acquedotto, le stradi interpoderali; furono eseguite opere di prosciugamento, dissodamento e sistemazione dei terreni ed impianti di oliveti e vigneti. Furono coltivati anche i terreni dunosi. Alcune famiglie di Ribera decisero di trasferirvisi[3].

Il 10 dicembre 1940 l'Ente per la colonizzazione del latifondo siciliano, inaugura ufficialmente il borgo rurale che viene intitolato ad Antonio Bonsignore, capitano dei Carabinieri, nato ad Agrigento, medaglia d'oro al V.M., caduto in combattimento a Gunu Gadu[4] nell'Africa Orientale Italiana il 24 aprile 1936[3] nella Seconda battaglia dell'Ogaden.

Il progetto era dell'ingegnere Donato Mendolia[5] e fu costruito dall'impresa Ferrobeton[6].

L'Ente aveva munito il complesso del Borgo di municipio, scuola elementare, ristorante, 25 case coloniche, ufficio postale, caserma dei Carabinieri, ambulatorio medico, chiesa parrocchiale. Vi furono inviati con l'obbligo di residenza un medico, una levatrice, un ufficiale d'ordine e due guardie[3].

Qualche anno dopo vennero inclusi nel Borgo anche le terre degli ex feudi di Cuci-Cuci, San Pietro della Palma e Giardinello, facendo estendere il Borgo dal fiume Magazzolo al fiume Verdura. Gli abitanti che nel 1940 erano 100 arrivarono a diventare 600[3].

Nel dopoguerra il borgo fu quasi abbandonato e abitato nuovamente dalla fine degli anni sessanta[5].

Borgo Bonsignore ha subito tre interventi di manutenzione straordinaria, il primo nel 1946-1949 per riparare i danni bellici, il secondo nel 1952 per sostituire la struttura in legno dei solai, il terzo nel 1958-1961 per il ripristino dal degrado degli edifici[7].

Eventi e tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Ogni estate un comitato di abitanti del Borgo organizza spettacoli, serate danzanti, teatro e cinema sotto le stelle nella piazza principale.

L'ultima decade di agosto viene festeggiato San Pietro, Patrono di Borgo, con una processione, giochi d'artificio e la rigatonata nella piazza principale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La presenza di spiagge, territori ed una maestosa pineta incontaminati attira ogni anno una discreta quantità di vacanzieri. Negli ultimi anni sono sorti dei Bed & breakfast e delle case vacanze che hanno fatto arrivare visitatori soprattutto dall'estero, attirati dal buon rapporto qualità-prezzo.

La spiagge di Borgo Bonsignore sono state consigliate dalla Guida Blu di Legambiente nel 2002[8], 2003[9], 2004[10], 2005[11], 2006[12], 2007[13], 2008[14][15], 2009[16], 2010[17] e 2011[18].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Strada Statale 115 Italia.svg La Strada statale 115 dista dal Borgo meno di 2 km. Da qui sono facilmente raggiungibili i siti di maggiore interesse turistico della Sicilia come Agrigento e la sua Valle dei Templi, Eraclea Minoa, Sciacca, Selinunte, Palermo.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio di trasporto urbano su gomma che collega tutto l'anno Borgo Bonsignore e Ribera è curato dall'azienda C.A.R..

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Consultazione dati del 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni - 2001, su Sito ISTAT. URL consultato l'11 luglio 2015.
  2. ^ Clima Sicilia, su Dati Confedilizia. URL consultato il 7 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2002).
  3. ^ a b c d e f Nicolò Inglese, 1966
  4. ^ Ricordando l'Ogaden e Gunu Gadu. Conflitto italo-etiopico: 1935-1936 [collegamento interrotto], su Associazione Nazionale Carabinieri. URL consultato il 7 novembre 2009.
  5. ^ a b (EN) ECLS borghi > Borgo Bonsignore [collegamento interrotto], su stanford.edu. URL consultato il 24 marzo 2013.
  6. ^ La colonizzazione del latifondo siciliano primo anno (DOCX), su C.R.I.C.D. - Centro Regionale Inventario, Catalogazione e Documentazione - Regione Siciliana. URL consultato il 24 marzo 2013.
  7. ^ Borgo A. Bonsignorenel territorio del comune di Ribera (AG) (PDF) [collegamento interrotto], su entesviluppoagricolo.it. URL consultato il 24 marzo 2013.
  8. ^ Le località della Guida Blu 2002 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  9. ^ Le località della Guida Blu 2003 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  10. ^ Le località della Guida Blu 2004 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  11. ^ Le località della Guida Blu 2005 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  12. ^ Le località della Guida Blu 2006 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  13. ^ Le località della Guida Blu 2007 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  14. ^ Le località della Guida Blu 2008 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  15. ^ Da Legambiente bandiere blu alle spiagge agrigentine [collegamento interrotto], in agrigentoNotizie.it, 13 giugno 2008. URL consultato il 7 novembre 2009.
  16. ^ Le località della Guida Blu 2009 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.eu. URL consultato il 7 novembre 2009.
  17. ^ Le località della Guida Blu 2010 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.it. URL consultato il 21 giugno 2011.
  18. ^ Le località della Guida Blu 2011 di Legambiente [collegamento interrotto], su legambiente.it. URL consultato il 21 giugno 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicolò Inglese, Storia di Ribera, Agrigento, Tipografia Vescovile Padri Vocazionisti, 1966.ISBN non esistente
  • Antonio Pennacchi, Viaggio per le città del Duce - Borgo Bonsignore, Celentano e la serie B, in LIMES n. 4, 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia