Bonaria (Cagliari)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bonaria
Cagliari - Santuario della Madonna di Bonaria (01).JPG
La basilica di Bonaria
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
ProvinciaCagliari Cagliari
CittàCagliari
Mappa dei quartieri di

Bonaria è un quartiere di Cagliari. Si sviluppa attorno all'omonimo colle, dove sorge la basilica di Bonaria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'area dell'attuale quartiere di Bonaria era abitato già da prima dei Punici; i Cartaginesi nel colle omonimo costruirono una necropoli, utilizzata anche dai romani e più tardi usata come cava. Nel medioevo alla base del colle sorse la chiesa di San Bardilio, in stile romanico pisano, in località detta Bagnaria. Sulla cima del colle, nel 1324, gli aragonesi costruirono una cittadella fortificata, dove si installarono per assediare Castel di Castro[1]. La cappella del castello aragonese divenne successivamente santuario mariano, dove è tuttora custodita la statua della Madonna di Bonaria. La cittadella fortificata fu per due anni dal 19 giugno 1324 al 10 giugno 1326 la prima capitale del Regno di Sardegna[2].

Oggi il quartiere è densamente popolato e, oltre ad alcune pregevoli villette, si trovano numerosi alberghi e palazzi.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Bonaria" è il termine italianizzato derivante dal catalano bon ayre (aria buona), con cui gli aragonesi ribattezzarono il colle dove fondarono la loro colonia nel XIV secolo. Questo nome successivamente si legò alla statua della Vergine, rinvenuta nel 1370 e custodita nell'antica cappella del castello, dal 1335 sede del convento dei frati Mercedari.

Nel 1536, il conquistador Pedro de Mendoza chiamò la città da lui fondata "Ciudad del Espíritu Santo y Puerto Santa María del Buen Ayre", per sciogliere un voto fatto alla Madonna di Bonaria, considerata dagli spagnoli patrona dei naviganti (si tratta di quella che oggi è la città di Buenos Aires, capitale della Repubblica Argentina).

Monumenti e luoghi d'interesse:[modifica | modifica wikitesto]

  • santuario e basilica di Bonaria, complesso religioso edificato tra il 1324 e il XX secolo.
  • convento dei Mercedari e museo di Bonaria.
  • cimitero di Bonaria, camposanto ottocentesco con pregevoli esempi di arte funeraria.
  • parco del colle di Bonaria, area verde dove si trovano alcune grotte dell'antica necropoli punico - romana e da cui si gode di vedute panoramiche sulla città.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cagliari, Santuario della Madonna di Bonaria, su sardegnacultura.it. URL consultato il 19 giugno 2008.
  2. ^ F.C. Casula, Breve storia di Sardegna, pag 188

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari Portale Cagliari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cagliari