Bollani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bollani (disambigua).

I Bollani (talvolta anche Bolani) furono una famiglia patrizia veneziana, annoverata fra le cosiddette Case Nuove.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Incerta è l'origine della famiglia Bollani[1]: secondo alcune fonti, essi si trasferirono a Venezia da Costantinopoli, secondo altri, invece, trovarono asilo tra le popolazioni della laguna fuggendo dal saccheggio di Aquileia compiuto dagli Unni di Attila[2].

Annoverati tra le famiglie tribunizie già nel V secolo (dato che prova la loro presenza in laguna fin dai tempi più remoti[2]), i Bollani parteciparono all'elezione del doge Jacopo Contarini nel 1275; nel 1297, alla serrata del Maggior Consiglio, furono inclusi nel patriziato. Nel corso dei secoli, diedero alla Repubblica un gran numero di magistrati, comandanti militari e diplomatici[2]: tra questi, Domenico di Francesco Bollani, che fu vescovo di Brescia e ambasciatore veneziano presso il giovane Edoardo VI Tudor, re d'Inghilterra: da quest'ultimo, i Bollani ottennero «l'onore d'inquartare nella propria, l'arma di questo Re»[1].

Dopo la caduta della Serenissima, ricevettero dal governo imperiale austriaco la conferma della propria nobiltà (Sovrane Risoluzioni del 1º dicembre 1817 e 14 marzo 1827)[2].

Membri illustri[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi e architetture[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]