Imleria badia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Boletus badius)
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Imleria badia
Boletus badius JPG1.jpg
Imleria badia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae
Genere Imleria
Specie I. badia
Nomenclatura binomiale
Imleria badia
(Fr.) Vizzini, 2014
Nomi comuni
  • (CS) Hřib hnědý
  • (DE) Maronen-Röhrling
  • (FR) Bolet bai
  • Castagnit (Piemonte orientale)
Caratteristiche morfologiche
Imleria badia
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Pores icon.png
Imenio pori
Olive spore print icon.png
Sporata oliva
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Imleria badia (Fr.) Vizzini, 2014 comunemente conosciuto come "boleto baio" è un fungo della famiglia Boletaceae.[1]

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Visione dall'alto di I. badia

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

6–15 cm di diametro, convesso, poi un po' pianeggiante, carnoso,

cuticola
vellutata, asciutta, diventa viscida con l'umido, di colore marroncino, bruno-rossastro
margine
involuto, leggermente eccedente, regolare

Tubuli[modifica | modifica wikitesto]

In evidenza i pori che virano rapidamente al blu se toccati

Lunghi fino a 12 mm, adnati, prima biancastri, poi subito giallo-verdastri, virano al blu al taglio o al semplice contatto.

Pori[modifica | modifica wikitesto]

Tondi, giallo pallido, viranti al blu se compressi.

Illustrazione di I. badia

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

12 x 4 cm, fibroso alla base, cilindrico, leggermente ventricoso, attenuato alla base, alcune volte incurvato, di colore giallo sporco oppure nocciola, più chiaro all'apice.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Compatta, color bianco sporco oppure giallastra, bruno-rossiccia sotto la cuticola del cappello, leggermente virante al blu al tocco.

Spore[modifica | modifica wikitesto]

11-14 x 4-5,5 µm, fusiformi, bruno-olivastre in massa.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Fruttifica in terreni acidi, in prossimità di ceppaie, in boschi di conifere, più raro nei boschi di latifoglie.
Molto diffuso al nord Italia, cresce dall'estate all'autunno.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Commestibile, di media qualità ma localmente molto apprezzato. Si sconsiglia di consumarlo crudo.
Si presta molto bene ad essere essiccato.

Esemplare giovane

In zone a rischio di contaminazione radioattiva, è stato segnalato come specie che accumula elementi radioattivi (es. Cesio 137)[2].

In analisi di laboratorio condotte in Francia, è stato misurato il quantitativo di cesio 137 che è risultato essere al di sotto dei 60 becquerel in Boletus aestivalis, mentre in Imleria badia è apparso un valore molto alto, oltre i 1000 becquerel.
La predetta ricerca è stata effettuata nel 2001 dalla Commissione Francese di Ricerca e Informazione sulla Radioattività.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Boletus badius (Fr.) Fr., Syst. mycol. (Lundae) 1: 515 (1821)
  • Boletus badius var. glaber Grund & K.A. Harrison, Biblthca Mycol. 47: 116 (1976)
  • Boletus badius var. glutinosus (Krombh.) Smotl., Sber. K. böhm. Ges. Wiss. Prag, Math.-Naturwiss. Cl.: 41 (1912) [1911]
  • Boletus badius var. macrostipitatus Grund & K.A. Harrison, Biblthca Mycol. 47: 118 (1976)
  • Boletus castaneus f. velutinus Cetto, I Funghi dal Vero, Vol. 6. Edn. 2 (Trento): 491 (1991)
  • Boletus castaneus var. badius (Fr.) Fr., Elench. fung. (Greifswald) 1: 126 (1828)
  • Boletus castaneus ß badius Fr., Observ. mycol. (Havniae) 2: 247 (1818)
  • Boletus glutinosus Krombh., Naturgetreue Abbildungen und Beschreibungen der essbaren, schädlichen und verdächtigen Schwämme (Prague) 5: 11 (1836)
  • Boletus limatulus Frost, Bull. N.J. Agric. Expt. Sta. 2: 104 (1874)
  • Boletus vaccinus Fr., Epicr. syst. mycol. (Upsaliae): 420 (1838) [1836-1838]
  • Ixocomus badius (Fr.) Quél., Fl. mycol. France (Paris): 412 (1888)
  • Rostkovites badia (Fr.) P. Karst., Revue mycol., Toulouse 3(9): 16 (1881)
  • Suillus badius (Fr.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(2): 535 (1898)
  • Suillus limatulus (Frost) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(2): 535 (1898)
  • Suillus vaccinus (Fr.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(2): 536 (1898)
  • Tubiporus vaccinus (Bull.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 37: 6 (1882)
  • Tubiporus vaccinus var. ebulbis (Bull.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 37: 6 (1882)
  • Tubiporus vaccinus (Bull.) P. Karst., Bidr. Känn. Finl. Nat. Folk 37: 6 (1882) var. vaccinus
  • Viscipellis badia (Fr.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 156 (1886)
  • Xerocomus badius (Fr.) E.-J. Gilbert, Les Livres du Mycologue Tome I-IV, Tom. III: Les Bolets: 92 (1931)
  • Xerocomus badius (Fr.) E.-J. Gilbert, Les Livres du Mycologue Tome I-IV, Tom. III: Les Bolets: 92 (1931) f. badius
  • Xerocomus badius f. labyrinthicus Wichanský, Česká Mykol. 14: 49 (1960)
  • Xerocomus badius f. vaccinus (Fr.) Klofac, Öst. Z. Pilzk. 16: 258 (2007)
  • Xerocomus badius (Fr.) E.-J. Gilbert, Les Livres du Mycologue Tome I-IV, Tom. III: Les Bolets: 92 (1931) var. badius
  • Xerocomus badius var. limatulus (Frost) Snell, Mycologia 37(3): 383 (1945)
Carpofori di I. badia

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni funghi Boletus del gruppo Edulis, da cui si differenzia, però, per i pori più larghi e viranti al verde-blu al tocco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ewald Gerhardt, Guida ai Funghi, Zanichelli, 2005, ISBN 88-08-19068-4.
  • Carlo Papetti, Giovanni Consiglio e Giampaolo Simonini (a cura di), Atlante fotografico dei Funghi d'Italia Vol.I, Associazione Micologica Bresadola, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia